17ème Sommet de l'Union Africaine 23 Juin - 1 Juillet 2011 Malabo Guinée Equatoriale - I

Pubblicato il 2 Luglio 2011

A Malabo (Guinea Equatoriale), si è tenuto dal 30 giugno al 1° luglio 2011, l’alto vertice della 17^ Sessione della Conferenza dei Capi di Stato e di Governo, dell’Unione Africana ( UA ), al Centro di Conferenze del nuovo quartiere di “Sipopo” (Chiamato anche la Città dell’Unione Africana, situato nel Sud - Ovest, in una zona espressamente allestita in 2 anni, a dieci km dalla Città di Malabo, per ospitare un evento di tale portata, con residenze presidenziali e alberghi di lusso, nato in mezzo alla foresta). Molti erano i delegati provenienti dai 54 paesi membri dell’UA, del corpo Diplomatico, della Comunità internazionale, della Società civile, del Settore privato, insieme a centinaia di giornalisti…

Il Tema:

“ Accelerating Youth Empowerment for Sustainable Development ”.

“Accelerare l’acquisizione dell’autonomia dei giovani per lo sviluppo sostenibile ”

(* Il contributo dei giovani nello sviluppo dell’Africa, costruire insieme un rapporto basato sul dialogo e preparare la gioventù africana ).Fin dalle prime ore dell’apertura dei lavori, il dibattito, è stato focalizzato sulla crisi libica. I lavori a porte chiuse, sono proseguiti, fino alla mezzanotte inoltrata del 30 giugno, per pervenire ad adottare un piano di uscita dalla crisi, piuttosto che proseguire con il tema scelto, per la 17^ Conferenza dell’UA, sulla gioventù e lo sviluppo sostenibile; la pace, la sicurezza, l’energia, le infrastrutture, l’agricoltura, la salute e la sicurezza alimentare in Africa, erano anche temi importanti, con dei progetti comuni…

Lo ha ricordato il presidente della Commissione dell’Unione africana (CUA), Dr. Jean Ping, che si è appellato, alla solidarietà, al dialogo e alla comprensione mutuale, nel seno dei popoli africani, per rilevare insieme le sfide, alle quali è confrontato il continente; auspicandosi, che l’Africa possa parlare con una sola voce e che il 2012, sia un anno particolare, per l’integrazione e lo sviluppo del continente, adottando, soprattutto le nuove tecnologie.

L’Organizzazione a Sipopo del summit, era quasi perfetta, la sicurezza al massimo, sotto una cornice di vegetazione lussureggiante, piena di acque e di verde ovunque, una prima nella storia della Guinea equatoriale. Un banchetto è stato offerto ai capi di Stato, dal presidente della Repubblica della Guinea-Equatoriale Teodoro Obiang Nguema Mbasogo…

Erano due figure di spicco dell’UA, a non “poter” partecipare, a questo importante incontro, di cui la Guinea- Equatoriale detiene la presidenza di turno. Abdoulaye Wade, presidente del Senegal e Paul Kagame presidente del Ruanda.

Comunque il summit ha avuto un buon esito, si è concluso, con ottimismo e buoni auspici, dopo

lunghe e difficili discussioni sulla Libia…

Una dichiarazione è stata resa pubblica, alla chiusura del 17° summit dell’Ua, che richiama la volontà politica, dei partiti coinvolti, nel conflitto libico, proponendo in particolare, una immediata convocazione di negoziati, sotto l’egida della Organizzazione e delle Nazioni-unite.

La Dichiarazione, ribadisce, l’impegno dell’Unione africana, per una soluzione pacifica della crisi, che permetta di “rispondere alle legittime richieste del popolo libico, preservare l’amicizia e l’integrità territoriale del paese”.

L’ultimo summit dell’UA, si era tenuto a Kampala in Uganda.

Il 18° summit dell’UA, si terrà, nel gennaio 2012 ad Addis-Abeba (Etiopia).

Alcuni interventi della Cerimonia di apertura del Summit

Asha Rose Migiro Vice Segretario Generale dell'Onu

Lula Da Silva EX-presidente del Brasile

Teodoro Obiang Nguema- presidente della Repubblica Guinea-Equatoriale

Jean Ping- Presidente Della Commissione dell’UA

Argomenti: