Argomento CAMORRA

Speciale Giustizia

RADIO 26 novembre 2014 - 1h 49' 29"
Speciale Giustizia La nomina del nuovo Procuratore Capo di Palermo. Le minacce al Pubblico Ministero Antonino Di Matteo. La presentazione del libro di Jacopo Armini, Vincenzo Boccia, Antonio Calabrò, Luigi De Sena, Stefania Fuscagni, Maria Carmela Lanzetta, Marco Marchese, Angela Napoli, Vincenzo Olita, Riccardo Pedrizzi, Giuseppe Quattrocchi, Franco Roberti, Alfonso Ruffo, Ernesto U. Savona, Alberto Vannucci, Luigi Varratta : "Stato e criminalità. Un rapporto non sempre dicotomico" (Ed. Società Libera, Rubbettino) che si è svolta a Milano il 24 novembre 2014
RUBRICA

Schiavi e d'Italia.I lavoratori del tessile ostaggio di sfruttatori e caporali

Schiavi e d'Italia.I lavoratori del tessile ostaggio di sfruttatori e caporali (di Serena Grassia) Vengono dal Bangladesh, lavorano per tredici, quattordici ore al giorno nelle fabbriche del tessile tra Sant’Antimo e Casandrino, nella provincia nord di Napoli, e siccome per molti mesi non sono stati pagati, hanno deciso di ribellarsi per denunciare la condizione di schiavitù in cui erano tenuti
RUBRICA

Stato e criminalità. Un rapporto non sempre dicotomico

Milano 24 novembre 2014 - 1h 15' 17"
Stato e criminalità. Un rapporto non sempre dicotomico Presentazione del libro con saggi di Jacopo Armini, Vincenzo Boccia, Antonio Calabrò, Luigi De Sena, Stefania Fuscagni, Maria Carmela Lanzetta, Marco Marchese, Angela Napoli, Vincenzo Olita, Riccardo Pedrizzi, Giuseppe Quattrocchi, Franco Roberti, Alfonso Ruffo, Ernesto U. Savona, Alberto Vannucci, Luigi Varratta (Edizioni Società Libera, Rubbettino). Le Mafie esistono, sono una realtà, una seria realtà, si muovono coerentemente con i propri criminosi obiettivi, fanno il loro lavoro. Ma siamo altrettanto certi di poter affermare le stesse cose sul contrasto da parte dello Stato e delle sue articolazioni periferiche? Sedici saggi sul ruolo che lo Stato dovrebbe assumere nel contrasto alla criminalità organizzata, che non vogliono essere di denuncia né di constatazione dell’ovvio, né ripetitivi di luoghi comuni, ma far ragionare sul fenomeno mafioso, interrogare, avanzare dubbi, prospettare soluzioni, pungolare gli addetti ai lavori, in un’espressione essere politicamente scorretti
DIBATTITO - Evento organizzato da
520 pagine
Syndicate content