Durban, Conferenza Onu contro il Razzismo 03 Settembre 2001 : Interviste ai Protagonisti

Pubblicato il 10 Settembre 2001 da mb

Interviste a: Jesse L. Jackson Reverend (Usa); Bill Two Rivers Native Indian; Hallen Felter Tye International; Louis Burleson Tye International; Half Khumalo Fotografo (Sud Africa); Tine Alioune Professuer Universitè Dakar; Ouedrago Halidou Magistrat (Burkina Faso); Osambi C. W' Otshimo President des Minorites Pygmes (RDC); Interviste alla Manifestazione Azione - Usa

Durban, 03 Settembre 2001 - I FATTI: Gli Stati Uniti e Israele hanno deciso di abbandonare la Conferenza, il Segretario di Stato Colin Powell ha ritirato la delegazione con rincrescimento. Il documento approvato per acclamazione dai 3000 delegati delle Ong accusa lo stato di Israele di attuare una sorta di ” apartheid ” nei confronti dei palestinesi e lo definisce uno “stato razzista e colpevole di crimini di guerra, atti di genocidio e di pulizia etnica” .

Jesse L. Jackson, Reverend - Founder & President of the Rainbow - Push Coalition (Usa) Leader du Mouvement pour les droits civiques aux Etats Unis

“Noi non siamo venuti esattamente soli, noi siamo venuti con il passato dei nostri leaders, e non possiamo scappare dalla realtà, non possiamo scappare dal passato. Se discuti sulle posizioni, esistono delle risacche di sofferenze. Noi abbiamo bisogno ora di essere convinti del processo di pace, ma nello stesso tempo esistono le priorità globali, le risorse globali”. Sul ritiro della delegazione americana: “Gli Usa sono in errore, hanno mandato una delegazione minoritaria, sono arrivati tardi e partiti presto, non è un grande contributo alla conferenza. Hanno legato il processo, ma noi non ci fermeremo”.

Bill Two Rivers, Indiano - Canadese

“Le mie speranze sono molto forti sull’ esito di questa conferenza, le relazioni tra noi ed il Canada sono buone, abbiamo un dialogo, e le posizioni della dichiarazione del Ministro sono molto favorevoli, io penso che stanno cercando di fare il loro meglio “.

Hallen Felter, Tye International - Diaspora - Holland - origine suriname

Louis Burleson, Tye International - Diaspora - Holland - origine suriname

- photo by m.ba- photo by m.ba
 - photo by m.ba - photo by m.ba

Half Khumalo, Fotografo - Autore della esposizione fotografica all ’ interno della - Durban Exhibition Centre - (Media Centre)

“E’ una grande occasione per il Sud Africa, ed è un onore speciale ospitare questo incontro, con le Nazioni Unite”. All’ interno della breve intervista il fotografo descrive la sua mostra fotografica, dedicata al Sud Africa, ed ai momenti più significativi della storia del suo paese.

Alioune Tine, Professeur - Facultè des Lettres et Sciences Humaines Universitè Cheikh Anta Diop Dakar - Coord.Executif Ong Africaines, Secretaire Executif de la RADDHO (Rencontre Africaine pour la Defense des Droits de l’ Homme)

Alioune Tine evidenzia le motivazioni che lo hanno portato a Durban: “Noi - afferma - siamo qua per difendere le posizioni africane, noi le chiamiamo le questioni del passato: lo schiavismo, la tratta dei neri e il colonialismo come crimine contro l’ umanità, perchè lo schiavismo, la tratta dei neri ed il colonialismo sono basati sulla teoria della supremazia razziale ed è di estrema importanza richiamarla. Se non li consideriamo come dei fatti contro l’ umanità è come se riconosciamo una certa complicità in rapporto a questi atti. Effettivamente per 4 secoli degli esseri umani sono stati espulsi dalla specie umana, per delle pratiche di genocidio e tortura. Oggi c’ è una discriminazione economica e sociale ed è una discriminazione anche della giustizia penale, l’ 80% dei neri sono condannati a morte nelle prigioni americane, quindi non è finita. Dove sono i drogati , la gente che vive la miseria , tutti giorni è la stessa popolazione, ed è questo l’ impatto che noi denunciamo tutt’ ora agli Stati Uniti. Noi domandiamo delle riparazioni, e la prima è quella di considerare lo schiavismo un crimine contro l’ umanità”.

Halidou Ouedrago, Magistrat - Presid. de l’ Union Interafricaine des Droits de l’ Homme à Geneve President Mouvement burkinabè des droits de l’ homme et des Peuples Presid. du collectif des associations de masse et politiques qui luttent contre l’ impunitè au Burkina Faso Membre du conseil de Nord-Sud XXI

Osambi C. W’ Otshimo, President Association Nationale des Peuples Autochtones et Minorites Pygmes Repubblique Democratique du Congo

Osambi C. W’ Otshimo pone l’ accento soprattutto sui problemi riscontrati con l’ organizzazione della conferenza in particolar modo con le Ong Sudafricane (SANGOCO) . Evidenzia inoltre le problematiche relative alle minoranze dei popoli autoctoni. In conclusione ribadisce la citazione di A.Camus ” la democrazia non è la legge della maggioranza ma la protezione della minoranza” .

Interviste alla Manifestazione Azione - Usa