"Non oscurate Radio Radicale"

23 ottobre 2009

la Repubblica

Il 21 novembre la “deadline” per rinnovare la convenzione tra Radio Radicale e il ministero dello Sviluppo Economico per la sua funzione di servizio pubblico. Ecco perché i Radicali hanno presentato ieri un emendamento, sottoscritto già da più di duecento senatori, a favore del rinnovo della convenzione che garantirebbe alla radio dieci milioni di euro lordi in tre anni. A sostegno dell’emittente si sono espressi i vice-presidenti del Senato, Nania (Pdl) e Chiti (Pd). E anche Francesco Rutelli, ora su posizioni teo-dem, ha detto che senza Radio Radicale il «Paese sarebbe nei guai».

Argomenti: