30 APR 1999
intervista

Il sottosegretario di Stato al Tesoro Stefano Cusumano e l'assessore regionale all'Industria in Sicilia Giuseppe Castiglione sono stati arrestati qualche giorno fa dagli agenti della Dia di Catania e dai carabinieri del Nucleo operativo del comando provinciale con l'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa e turbativa d'asta nell'ambito delle indagini relative alla costruzione del nuovo presidio ospedaliero Garibaldi di Nesima: la richiesta di arresto nei confronti del senatore Ferrarello

INTERVISTA | di Alessio Falconio - RADIO - 00:00 Durata: 14 min
A cura di Luca Bruno
Player
Il sottosegretario di Stato al Tesoro Stefano Cusumano e l'assessore regionale all'Industria in Sicilia Giuseppe Castiglione sono stati arrestati qualche giorno fa dagli agenti della Dia di Catania e dai carabinieri del Nucleo operativo del comando provinciale con l'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa e turbativa d'asta nell'ambito delle indagini relative alla costruzione del nuovo presidio ospedaliero Garibaldi di Nesima: la richiesta di arresto nei confronti del senatore Ferrarello.

"Il sottosegretario di Stato al Tesoro Stefano Cusumano e l'assessore regionale all'Industria
in Sicilia Giuseppe Castiglione sono stati arrestati qualche giorno fa dagli agenti della Dia di Catania e dai carabinieri del Nucleo operativo del comando provinciale con l'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa e turbativa d'asta nell'ambito delle indagini relative alla costruzione del nuovo presidio ospedaliero Garibaldi di Nesima: la richiesta di arresto nei confronti del senatore Ferrarello" realizzata da Alessio Falconio con Giuseppe Firrarello (UDR), Ottaviano Del Turco (SDI).

L'intervista è stata registrata venerdì 30 aprile 1999 alle ore 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati discussi i seguenti temi: Arresto, Castiglione, Catania, Corruzione, Cusumano, Firrarello, Giustizia, Lima, Mafia, Ospedali, Politica, Sicilia, Tangenti, Udr.

La registrazione audio ha una durata di 14 minuti.

leggi tutto

riduci