26 NOV 1999
intervista

Maceratini ha presentato un'interrogazione sulla nomina di Caselli alla direzione del Dipartimento affari penitenziari; Il voto al collegio 12 di Bologna per le suppletive convocate a seguito del passaggio di Romano Prodi dalla Camera alla Presidenza della Commissione Ue; La candidatura di Storace alla presidenza della Regione Lazio; Il leader curdo Abdullah Ocalan è stato condannato alla pena di morte

INTERVISTA | di Alessio Falconio - ROMA - 00:00 Durata: 0 sec
A cura di Andrea Maori

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Maceratini ha presentato un'interrogazione sulla nomina di Caselli alla direzione del Dipartimento affari penitenziari; Il voto al collegio 12 di Bologna per le suppletive convocate a seguito del passaggio di Romano Prodi dalla Camera alla Presidenza della Commissione Ue; La candidatura di Storace alla presidenza della Regione Lazio; Il leader curdo Abdullah Ocalan è stato condannato alla pena di morte.

"Maceratini ha presentato un'interrogazione sulla nomina di Caselli alla direzione del Dipartimento affari penitenziari; Il voto al collegio 12 di Bologna per le suppletive convocate a seguito
del passaggio di Romano Prodi dalla Camera alla Presidenza della Commissione Ue; La candidatura di Storace alla presidenza della Regione Lazio; Il leader curdo Abdullah Ocalan è stato condannato alla pena di morte" realizzata da Alessio Falconio con Giulio Maceratini (AN), Giuseppe Ayala (SOTTOSEGRETARIO).

L'intervista è stata registrata venerdì 26 novembre 1999 alle 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati discussi i seguenti temi: Alleanza Nazionale, Bologna, Bonino, Carcere, Caselli, Commissione Ue, Corte Dei Conti, Cossiga, Csm, Curdi, D'alema, Diritti Umani, Elezioni, Giustizia, Governo, Lazio, Magistratura, Ministeri, Ocalan, Parisi, Pena Di Morte, Polo, Prodi, Regioni, Senato, Storace, Tura, Turchia, Uninominale, Unione Europea, Voto.

La registrazione audio ha una durata di 13 minuti.

leggi tutto

riduci