01 GIU 2001
dibattiti

"Quando si spegne la guerra" - organizzato dalla Presidenza della GiuntaRegionale dell'Emilia-Romagna, dal Comune di Riccione e dalla ComunitàAperta, con la collaborazione della Rai e dell'Ordine dei Giornalisti dell'EmiliaRomagna nell'ambito del Premio Giornalistico Ilaria Alpi (presso il Palazzo del Turismo, piazzale Ceccarini 11)

DIBATTITO | - RICCIONE - 00:00 Durata: 1 ora 28 min
Scheda a cura di Alessio Grazioli
Player
"Quando si spegne la guerra" - organizzato dalla Presidenza della GiuntaRegionale dell'Emilia-Romagna, dal Comune di Riccione e dalla ComunitàAperta, con la collaborazione della Rai e dell'Ordine dei Giornalisti dell'EmiliaRomagna nell'ambito del Premio Giornalistico Ilaria Alpi (presso il Palazzo del Turismo, piazzale Ceccarini 11).

Registrazione audio del dibattito dal titolo ""Quando si spegne la guerra" - organizzato dalla Presidenza della GiuntaRegionale dell'Emilia-Romagna, dal Comune di Riccione e dalla ComunitàAperta, con la collaborazione della Rai e dell'Ordine dei Giornalisti
dell'EmiliaRomagna nell'ambito del Premio Giornalistico Ilaria Alpi (presso il Palazzo del Turismo, piazzale Ceccarini 11)", registrato a Riccione venerdì 1 giugno 2001 alle ore 00:00.

Sono intervenuti: Andrea Purgatori (giornalista), Ennio Remondino (giornalista), Mimmo Candito (giornalista), Toni Capuozzo (giornalista), Ettore Mo (giornalista), Angelo Ferrari (giornalista), Jean-Léonard Touadi (giornalista), Nadir Mater (giornalista), Teresa Sarti Strada (EMERGENCY).

Tra gli argomenti discussi: Afghanistan, Aiuti Umanitari, Alpi, Balcani, Comunicazione, Cronaca, Democrazia, Diritti Umani, Donna, Economia, Emergency, Fame Nel Mondo, Giornali, Giornalisti, Guerra, Informazione, Italia, Jugoslavia, Kosovo, Kostunica, Macedonia, Mediaset, Milosevic, Ospedali, Pace, Politica, Poverta', Premio, Qualita', Rai, Razzismo, Rifugiati, Serbia, Stampa, Stragi, Talebani, Televisione, Urss, Usa, Violenza, Violenza.

La registrazione audio di questo dibatto ha una durata di 1 ora e 28 minuti.

leggi tutto

riduci