13 DIC 2002
intervista

L'arresto dell'esponente dei No Global e leader dei Disobbedienti, Luca Casarini, avvenuto a Copenaghen in occasione del vertice dell'Unione Europea in corso nella capitale danese. Lo sciopero della fame, che inizierà alla mezzanotte del 7 dicembre 2002, promosso da Daniele Capezzone, Sergio D'Elia e Rita Bernardini, al fine di sensibilizzare il Parlamento a deliberare sui disegni di legge in materia di indulto

INTERVISTA | di Alessio Falconio - ROMA - 00:00 Durata: 0 sec
Scheda a cura di Riccardo Arena

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

L'arresto dell'esponente dei No Global e leader dei Disobbedienti, Luca Casarini, avvenuto a Copenaghen in occasione del vertice dell'Unione Europea in corso nella capitale danese.

Lo sciopero della fame, che inizierà alla mezzanotte del 7 dicembre 2002, promosso da Daniele Capezzone, Sergio D'Elia e Rita Bernardini, al fine di sensibilizzare il Parlamento a deliberare sui disegni di legge in materia di indulto.

"L'arresto dell'esponente dei No Global e leader dei Disobbedienti, Luca Casarini, avvenuto a Copenaghen in occasione del vertice dell'Unione Europea in corso nella capitale danese.
Lo sciopero della fame, che inizierà alla mezzanotte del 7 dicembre 2002, promosso da Daniele Capezzone, Sergio D'Elia e Rita Bernardini, al fine di sensibilizzare il Parlamento a deliberare sui disegni di legge in materia di indulto" realizzata da Alessio Falconio con Fausto Bertinotti (PRC).

L'intervista è stata registrata venerdì 13 dicembre 2002 alle ore 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati discussi i seguenti temi: Antiglobalizzazione, Arresto, Capezzone, Carcere, Casarini, Casini, Commissione Ue, Costituzione, Danimarca, Digiuno, Diritto, Europa, Giustizia, Globalizzazione, Indulto, Istituzioni, Legge, Nonviolenza, Parlamento, Pera, Politica, Radicali Italiani, Stato, Ue.

La registrazione audio ha una durata di 4 minuti.

leggi tutto

riduci