03 GIU 2003
intervista

La campagna per il boicottaggio del turismo in Birmania, alla luce dell'arresto della dirigente dell'opposizione birmana e premio Nobel per la pace Aung San Suu Kyi, avvenuto, in Myanmar (Birmania), a seguito degli scontri del 30 maggio 2003 tra le autorità e i sostenitori della Leganazionale per la democrazia

INTERVISTA | di Andrea Billau - RADIO - 00:00 Durata: 0 sec
Scheda a cura di Riccardo Arena

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

La campagna per il boicottaggio del turismo in Birmania, alla luce dell'arresto della dirigente dell'opposizione birmana e premio Nobel per la pace Aung San Suu Kyi, avvenuto, in Myanmar (Birmania), a seguito degli scontri del 30 maggio 2003 tra le autorità e i sostenitori della Leganazionale per la democrazia.

"La campagna per il boicottaggio del turismo in Birmania, alla luce dell'arresto della dirigente dell'opposizione birmana e premio Nobel per la pace Aung San Suu Kyi, avvenuto, in Myanmar (Birmania), a seguito degli scontri del 30 maggio 2003 tra le autorità e i sostenitori della
Leganazionale per la democrazia" realizzata da Andrea Billau con Roberto Brusadin.

L'intervista è stata registrata martedì 3 giugno 2003 alle 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati discussi i seguenti temi: Arresto, Associazioni, Aung San Suu Kyi, Birmania, Democrazia, Diritti Umani, Estremo Oriente, Nobel, Totalitarismo, Turismo.

La registrazione audio ha una durata di 22 minuti.

leggi tutto

riduci