22 AGO 2003
intervista

Le conseguenze politiche del grave attentato del 19 agosto 2003 alla sede ONU a Baghdad, capitale dell'Iraq, che ha provocato la morte di almeno 20 persone, fra le quali l'inviato speciale dell'ONU in Iraq, il brasiliano Sergio Vieira de Mello. "Iraq libero" - la proposta avanzata da Marco Pannella di concedere l'esilio aSaddam Hussein e di istituire un'amministrazione provvisoria dell'Iraq sottol'egida dell'Onu

INTERVISTA | di Giovanna Reanda - RADIO - 00:00 Durata: 0 sec
Scheda a cura di Andrea Maori

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Le conseguenze politiche del grave attentato del 19 agosto 2003 alla sede ONU a Baghdad, capitale dell'Iraq, che ha provocato la morte di almeno 20 persone, fra le quali l'inviato speciale dell'ONU in Iraq, il brasiliano Sergio Vieira de Mello.

"Iraq libero" - la proposta avanzata da Marco Pannella di concedere l'esilio aSaddam Hussein e di istituire un'amministrazione provvisoria dell'Iraq sottol'egida dell'Onu.

"Le conseguenze politiche del grave attentato del 19 agosto 2003 alla sede ONU a Baghdad, capitale dell'Iraq, che ha provocato la morte di almeno 20 persone, fra le quali l'inviato
speciale dell'ONU in Iraq, il brasiliano Sergio Vieira de Mello. "Iraq libero" - la proposta avanzata da Marco Pannella di concedere l'esilio aSaddam Hussein e di istituire un'amministrazione provvisoria dell'Iraq sottol'egida dell'Onu" realizzata da Giovanna Reanda con Furio Colombo (giornalista).

L'intervista è stata registrata venerdì 22 agosto 2003 alle ore 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati discussi i seguenti temi: Arabi, Decessi, Democrazia, Iraq, Onu, Pannella, Partito Radicale, Saddam Hussein, Stragi, Terrorismo Internazionale, Usa, Violenza.

La registrazione audio ha una durata di 14 minuti.

leggi tutto

riduci