21 AGO 2003
intervista

Un ricordo del brasiliano Sergio Vieira de Mello, inviato speciale dell'ONU in Iraq, rimasto ucciso durante un grave attentato il 19 agosto 2003 alla sede ONU a Baghdad, capitale dell'Iraq, attentato che ha provocato la morte di almeno 20 persone. Il possibile intervento della Corte Penale internazionale contro i crimini di guerra per l'attentato nei confronti dell'ONU a Bagdhad

INTERVISTA | di Giovanna Reanda - RADIO - 00:00 Durata: 0 sec
A cura di Andrea Maori

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Un ricordo del brasiliano Sergio Vieira de Mello, inviato speciale dell'ONU in Iraq, rimasto ucciso durante un grave attentato il 19 agosto 2003 alla sede ONU a Baghdad, capitale dell'Iraq, attentato che ha provocato la morte di almeno 20 persone.

Il possibile intervento della Corte Penale internazionale contro i crimini di guerra per l'attentato nei confronti dell'ONU a Bagdhad.

"Un ricordo del brasiliano Sergio Vieira de Mello, inviato speciale dell'ONU in Iraq, rimasto ucciso durante un grave attentato il 19 agosto 2003 alla sede ONU a Baghdad, capitale dell'Iraq, attentato che ha provocato
la morte di almeno 20 persone. Il possibile intervento della Corte Penale internazionale contro i crimini di guerra per l'attentato nei confronti dell'ONU a Bagdhad" realizzata da Giovanna Reanda con Maria Carmen Colitti (RAD).

L'intervista è stata registrata giovedì 21 agosto 2003 alle ore 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati discussi i seguenti temi: Asia, Associazioni, Corte Penale Internazionale, Giustizia, Guerra, Iraq, Medio Oriente, Onu, Partito Radicale, Terrorismo Internazionale, Timor Est, Usa, Vieira De Mello.

La registrazione audio ha una durata di 9 minuti.

leggi tutto

riduci