08 AGO 2003
intervista

In Sierra Leone, grazie anche al contribuito di Non c'è pace senza giustizia (NPWJ), è stata istituita una corte speciale dell'ONU, composta da magistrati della Sierra Leone e della comunità internazionale, per fare luce sui crimini commessi negli ultimi anni di guerra civile. La campagna radicale per ottenere una moratoria delle esecuzioni capitali da parte dell'Assemblea generale dell'ONU

INTERVISTA | di Alessio Falconio - RADIO - 00:00 Durata: 0 sec
Scheda a cura di Andrea Maori

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

In Sierra Leone, grazie anche al contribuito di Non c'è pace senza giustizia (NPWJ), è stata istituita una corte speciale dell'ONU, composta da magistrati della Sierra Leone e della comunità internazionale, per fare luce sui crimini commessi negli ultimi anni di guerra civile.

La campagna radicale per ottenere una moratoria delle esecuzioni capitali da parte dell'Assemblea generale dell'ONU.

"In Sierra Leone, grazie anche al contribuito di Non c'è pace senza giustizia (NPWJ), è stata istituita una corte speciale dell'ONU, composta da magistrati della Sierra Leone e della comunità
internazionale, per fare luce sui crimini commessi negli ultimi anni di guerra civile. La campagna radicale per ottenere una moratoria delle esecuzioni capitali da parte dell'Assemblea generale dell'ONU" realizzata da Alessio Falconio con Sergio Stanzani (RAD).

L'intervista è stata registrata venerdì 8 agosto 2003 alle 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati discussi i seguenti temi: Abolizionismo, Africa, Associazioni, Corte Penale Internazionale, Diritti Umani, Diritto Internazionale, Giustizia, Gran Bretagna, Guerra, Onu, Partito Radicale, Sicurezza, Sierra Leone, Stanzani, Stragi, Tribunale Internazionale, Violenza.

La registrazione audio ha una durata di 14 minuti.

leggi tutto

riduci