16 DIC 2003
intervista

Il Presidente della Repubblica ha rinviato al Parlamento la c.d. "legge Gasparri" in materia di telecomunicazioni. Il fallimento della Conferenza intergovernativa (CIG) che deve approvare la bozza della nuova Costituzione dell'Unione europea già elaborata dalla Convenzione UE. Il decreto del governo che ha escluso la zona di Scanzano Jonico come luogo idoneo per il deposito nazionale delle scorie nucleari dopo le proteste dei cittadini della Basilicata e la protesta dei Verdi al Senato contro la possibilità di intervenire in merito

INTERVISTA | di Claudio Landi - ROMA - 00:00 Durata: 0 sec
Scheda a cura di Andrea Maori

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Il Presidente della Repubblica ha rinviato al Parlamento la c.d.

"legge Gasparri" in materia di telecomunicazioni.

Il fallimento della Conferenza intergovernativa (CIG) che deve approvare la bozza della nuova Costituzione dell'Unione europea già elaborata dalla Convenzione UE.

Il decreto del governo che ha escluso la zona di Scanzano Jonico come luogo idoneo per il deposito nazionale delle scorie nucleari dopo le proteste dei cittadini della Basilicata e la protesta dei Verdi al Senato contro la possibilità di intervenire in merito.