15 GIU 2003
rubriche

Conversazione settimanale con Marco Pannella

RUBRICA | di Massimo Bordin - RADIO - 00:00 Durata: 2 ore 7 min
Scheda a cura di Andrea Maori

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

L'andamento del voto di oggi sui referendum abrogativi dell'art.

18 della legge 300 del 1970 (c.d.

Statuto dei lavoratori) e della normativa sulle servitù coattive di passaggio degli elettrodotti promossi dal PRC e dai Verdi.

L'informazione televisiva sui referendum del PRC e dei Verdi.

La mostra organizzata dal Senato sulla legge elettorale del 1953 (la c.d.

"legge truffa").

La campagna radicale del 1984 per l'astensionismo dalle elezioni politiche.

I referendum radicali nella storia politica italiana con particolare riferimento ai referendum per la "giustizia giusta" e alle iniziative di Enzo
Tortora.

La possibilità di un accordo tra radicali e il Governo Berlusconi, a partire dalla politica estera.

La mancanza di una politica liberale e riformatrice del Governo Berlusconi.

Il semestre di presidenza italiana dell'UE che si apre a luglio.

La campagna per l'adesione di Israele all'UE.

"Iraq libero" - la proposta avanzata da Marco Pannella di concedere l'esilio a Saddam Hussein e di istituire un'amministrazione provvisoria dell'Iraq sotto l'egida dell'ONU.

Il progetto di conversione delle spese militari in spese civili per l'informazione e per lo sviluppo dei diritti civili (c.d.

"armi di attrazione di massa").

La conferenza al Cairo "Stop FGM!" del 23 giugno prossimo contro le mutilazioni genitali femminili organizzata da Emma Bonino e da varie organizzazioni impegnate per i diritti civili delle donne.

L'impegno politico e culturale di Adriano Sofri nel carcere di Pisa e le iniziative per ottenere la grazia da parte del Presidente della Repubblica.

Il progetto politico dell'Organizzazzione Mondiale della Democrazia (OMD).

La battaglia radicale e dell'associazione "Luca Coscioni" per la libertà di ricerca scientifica.

leggi tutto

riduci