08 SET 2002

AN: Conferenza stampa di Fini a Mirabello

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 37 min
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Nella finanziaria ci saranno meno tasse per i redditi bassi, siamo soddisfatti del lavoro fatto fin'ora.

La mia solidarietà a Previti e Dell'Utri per la fuga di notizie dal Rapporto del Sisde.Mirabello 8 Settembre 2002 - Conferenza stampa di Gianfranco Fini, vice presidente del consiglio, poco prima del comizio conclusivo alla festa Tricolore di Mirabello.

Molti i temi d'attualità affrontati, soprattutto riguardanti la prossima finanziaria.Meno tasse e aiuti al meridione«L'impostazione che il governo si accinge a dare» - ha detto Fini - «cioè una finanziaria di rigore e sviluppo, viene
giudicata come indispensabile da An.

Primo per onorare il patto di stabilità e i parametri di Maastricht ma al tempo stesso abbiamo il dovere, assunto nel patto per l'Italia, di garantire lo sviluppo».«Come promesso ci saranno meno tasse per i redditi bassi inferiori ai 50 60 milioni di vecchie lire» - ha proseguito il vice premier - «il che comporterà per una famiglia che ha un reddito di due milioni al mese una riduzione fiscale di 150 mila lire al mese».Per quanto riguarda il sud Fini ha detto: «il discorso di Berlusconi alla Fiera del Levante è stato chiaro.

C'è necessità nella legge finanziaria di quelle risorse che siano indispensabili al rilancio del meridione.

E a questo proposito io penso si alla sospensione dei crediti d'imposta ma va necessariamente ristrutturata e rifinanziata quella fonte di intervento nel sud che è il prestito d'onore».Non toccheremo le pensioniDopo aver detto di non aver letto la dichiarazione di Padoa Schioppa sui conti pubblici dell'Italia, ha specificato che la situazione è complessa a livello internazionale, e anche fra i paesi Ue.

E che la prossima finanziaria avrà anche interventi congiunturali a due direzioni: uno volto a rispettare e ridurre il deficit e uno ad avviare attraverso le riforme la ripresa dell'economia.E poi ha parlato delle pensioni: «Le pensioni non saranno toccate, cercheremo di intervenire sui lavoratori con incentivi a prolungare la propria attività lavorativa.

Ma non nella finanziaria.

Ad esempio» - ha spiegato - «si può rendere più pesante la busta paga al lavoratore, cioè in parole povere dirgli continua a lavorare perché guadagni di più».Fuga di notizieSollecitato da una domanda, Fini ha espresso la sua opinione in merito alla fuga di notizie sul rapporto del Sisde, pubblicato da 'Repubblica' nei giorni scorsi; fuga di notizie che riguardava un possibile attentato contro Marcello Dell'Utri e Cesare Previti da parte della mafia.«Innanzitutto» - ha detto Fini - «esprimo la mia solidarietà umana e politica a Cesare Previti e a Marcello Dell'Utri perché non c'è ombra di dubbio che come è stato detto da Pisanu la fuga di notizie rappresenta un fatto grave, che può aprire una stagione nuovamente avvelenata».«Poi respingo quell'interpretazione mafiosa, quella si, per cui si vogliono colpire due esponenti che avevano preso impegni con la mafia e non li hanno rispettati.

E noi sul 41 bis non abbiamo allentato e nemmeno verso l'azione di contrasto verso la criminalità organizzata, soprattutto quella mafiosa».Giustizia e girotondi«La posizione di An sulla giustizia è esattamente quella espressa dal sottosegretario Mantovano» - ha chiarito Fini - «e sul ddl Cirami il tempo sarà galantuomo e si ritorcerà contro le sinistre».

Secondo Fini il ddl Cirami garantisce che il cittadino abbia la certezza di non essere giudicato da un giudice che non solo non è ma non appare imparziale.«E se si ha fiducia nella maggistratura» - ha aggiunto - «si deve avere rispetto per la richiesta che si dovesse fare alla Cassazione di giudicare un legittimo sospetto.

Perché se la sinistra pensa che la Cassazione accolga al 100% il ddl Cirami, allora cosa vuol dire che i processi erano stati impiantati su accanimento giudiziario?».Infine una parola sull'opposizione parlamentare e civile che nei prossimi giorni sarà protagonista in piazza con alcune iniziative di protesta.

«Oggi c'è un ulivo che è costretto ad inseguire iniziative che nascono dal di fuori, mi sembra che siano parossistici, e abbiano una sindrome da Gino Bartali per cui tutto va male».«L'opposizione che sta in parlamento» - ha detto Fini - «non è all'altezza ed è costretta ad inseguire le posizioni fuori dal palazzo.

Quindi è poco credibile.

E credo che sappiano o hanno compreso che questa è una maggioranza destinata a governare per parecchio tempo.

Perché non ci siamo divisi.

Non siamo un incidente di percorso.

E questo porta ad un inasprimento dello scontro».E una battuta: «Il regista è Moretti, gli altri sono attori, ma c'è anche qualche comparsa.

Il fatto è che gli attori e le comparse credevano di essere loro i leader dell'Ulivo, fino a ieri».La sua legge sull'immigrazioneFini si è detto soddisfatto della nuova legge sull'immigrazione che porta anche il suo nome, oltre a quello di Bossi.

«Abbiamo affermato dal punto di vista legislativo un principio rivoluzionario, cioè che in Italia potranno permanere solo coloro che hanno un contratto di lavoro».«E' falso parlare di sanatoria, e sbagliato.

Qui c'è il principio molto più giusto e solidale di regolarizzare chi lavora», ha sostenuto, aggiungendo che la legge di fatto riguarda soprattutto i piccoli imprenditori, più inclini secondo il suo punto di vista a sfruttare manodopera.

E la legge, cercando di colpire quelle persone, tenta di regolarizzare e far emergere.

leggi tutto

riduci

  • Nella finanziaria indispensabili fondi per rilancio del meridione

    <strong>Indice degli argomenti</strong>
    0:00 Durata: 2 min 38 sec
  • Il numero degli occupati al sud dal Marzo dello scorso anno è aumentato

    0:03 Durata: 1 min 14 sec
  • La finanziaria onorerà il patto di stabilità e i parametri di Maastricht, con meno tasse

    0:04 Durata: 3 min 1 sec
  • La situazione è critica a livello internazionale. Ma le pensioni non saranno toccate

    0:07 Durata: 5 min 2 sec
  • Gli incentivi a non andare in pensione; continua a lavorare che guadagni di più

    0:12 Durata: 1 min 53 sec
  • Il ddl Cirami? Il tempo sarà galantuomo

    0:14 Durata: 2 min 56 sec
  • Se la sinistra pensa che la Cassazione accolga al 100% il ddl Cirami, allora i processi erano stati impiantati su accanimento giudiziario?

    0:17 Durata: 1 min 58 sec
  • Sulla giustizia abbiamo avuto sempre una posizione chiara

    0:19 Durata: 2 min 4 sec
  • Va ristrutturato e rifinanziato il prestito d'onore per il sud

    0:21 Durata: 1 min 52 sec
  • La mia solidarietà a Previti e a Dell'Utri

    0:23 Durata: 1 min 50 sec
  • Sono soddisfatto, come tutta An, della legge sull'immigrazione che porta il mio nome

    0:25 Durata: 4 min 11 sec
  • E' evidente che c'è un contrasto fra i movimenti di Moretti e l'Ulivo

    0:29 Durata: 3 min 39 sec
  • E' un'opposizione poco credibile, e non tutti nel suo interno sono contenti

    0:32 Durata: 4 min 42 sec