15 SET 2002

Festa della Margherita: Intervento conclusivo di Francesco Rutelli

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 59 min 18 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Rutelli: "porteremo un milione di persone in piazza contro la prossima finanziaria".

E poi: "l'Ulivo vince se è unito.

Il girotondo? Significativo ma attenti alle spinte verso posizioni estremiste"Orvieto, 15 Settembre 2002 - Alla chiusura della Festa della Margherita, avvenuta quest'anno grazie all'ospitalità ricevuta e per diversi giorni dall'intera città umbra di Orvieto, Francesco Rutelli ha tracciato quello che sarà il programma del suo partito per la prossima stagione, ha criticato il governo e ha ribadito: il centro sinistra vince se è unito nell'Ulivo.Pari dignità nell'UlivoPer
rimanere unito però, Rutelli ha precisato subito: «Piena dignità a tutti i partner dell'Ulivo, decisioni da prendere a maggioranza e nessun diritto di veto a nessuno, nemmeno a noi».E poi ha aggiunto: «se tutto il nostro popolo sarà unito e avrà leader fatti da gente capace di guidare e ascoltare, personalmente sono disposto a sedermi anche all'ultimo banco della classe pur di ascoltare e condividere meglio quali sono i bisogni dei nostri concittadini».No alla guerra, ni ai girotondiPer quanto riguarda l'argomento internazionale di questi giorni, ovvero il probabile attacco all'Iraq da parte degli Stati Uniti e di una possibile coalizione di alleati Occidentali, Rutelli non ha avuto dubbi: «vogliamo dire che azioni di guerra preventiva non rientrano nell'orizzonte delle scelte possibili per l'Europa e nemmeno per l'Italia soprattutto perché questo potrebbe pregiudicare l'alleanza anti- terrorismo del dopo 11 settembre faticosamente raggiunta».Inoltre ha avuto anche una parola per la manifestazione dei Cento Movimenti scesa in piazza sabato 14 a Roma, con Moretti e Flores D'Arcais che hanno duramente attaccato il governo Berlusconi.«Il girotondo di Roma» - ha detto Rutelli - «è stata una manifestazione significativa per partecipazione e clima, ma non dobbiamo lasciarci spingere verso posizioni estremiste che non sono la nostra cultura, col rischio di vedersi ridurre in una minoranza permanente».Un milione in piazza contro la finanziariaRutelli ha duramente criticato l'operato del governo Berlusconi su tutti i settori; dalla riforma della scuola, alle pensioni, al patto per l'Italia ma soprattutto quello che ha definito il triangolo della vergogna: il ddl Cirami, la legge anti-trust del ministro Frattini e la riforma del sistema radotelevisivo del ministro Gasparri.Ma su una cosa si è mostrato particolarmente deciso e ha sollecitato tutti i partner dell'Ulivo, la prossima finanziaria: «Tutto il centro sinistra deve portare in piazza un milione di persone durante la finanziaria per dire che siamo fuori dal 13 maggio e per parlare dei problemi veri della società italiana, ci sarà una grande mobilitazione per far capire che sulla questione sociale e delle famiglie il governo è in minoranza».Per l'Europa contro le destre neoperonisteFrancesco Rutelli ha detto che il futuro dell'Europa è legato alla sua Costituzione che la Convenzione europea sta stilando.

Ed è, a suo avviso, un banco di prova per il centro sinistra contro l'attacco delle destre che ha definito neo eroniste.Mentre, in chiusura, per il suo partito ha auspicato un rafforzamento dei buoni risultati a suo avviso raggiunti fino adesso: «Dobbiamo dimostrare di essere bravi.

La vocazione del nostro partito: creare l'alternativa di governo e convincere gli elettori disamorati dalla CDL.

Oggi ho una nuova speranza» - ha poi affermato - «sta iniziando a concretizzarsi, dalle questioni giudiziarie in poi, la profezia di Montanelli: occorre il tempo perché gli italiani si vaccinino rispetto alle bugie di Berlusconi».

leggi tutto

riduci

  • Abbiamo una classe dirigente valida e competitiva

    <strong>Indice per argomenti</strong>
    0:00 Durata: 2 min 43 sec
  • La politica non può e non deve fare prediche

    0:02 Durata: 3 min 12 sec
  • Con il partito, la Margherita, per un progetto più grande: l'Ulivo

    0:05 Durata: 1 min 57 sec
  • Ringraziamenti alla città di Orvieto

    0:07 Durata: 2 min 31 sec
  • Guerra all'Iraq: azioni di guerra preventiva non rientrano nell'orizzonte delle scelte possibili per Europa eItalia

    0:10 Durata: 2 min 34 sec
  • Dare più forza all'Europa, anche militarmente

    0:13 Durata: 58 sec
  • L'Ulivo: dobbiamo trasformare questa coalizione in una federazione

    0:14 Durata: 2 min 36 sec
  • Il girotondo di Roma, significativa per partecipazione e clima

    0:16 Durata: 3 min 38 sec
  • Inizia da oggi fase di accelerazione del cammino dell'Ulivo

    0:20 Durata: 3 min 21 sec
  • Il triangolo della vergogna, Cirami, Frattini, Gasparri

    0:23 Durata: 4 min 1 sec
  • Nel nuovo Ulivo, parità a tutti i partner

    0:27 Durata: 2 min 22 sec
  • E' tempo anche per le associazioni e di ripartire dal basso

    0:30 Durata: 1 min 55 sec
  • Durante la finanziaria porteremo 1 milione di persone in piazza

    0:32 Durata: 1 min 46 sec
  • La riorganizzazione della Margherita

    0:33 Durata: 2 min 15 sec
  • Tra due mesi il Nuovo quotidiano della Margherita

    0:36 Durata: 1 min 16 sec
  • La destra sa fare campagna elettorale con sorrisi e cieli azzurri ma non sa governare

    0:37 Durata: 2 min 50 sec
  • Solidarietà per gli immigrati naufraghi, no a licenziamenti facili, si unità sindacale

    0:40 Durata: 3 min 9 sec
  • Fallimento della finanza pubblica

    0:43 Durata: 4 min
  • Noi combatteremo l'insensata idea di mutue che ci porta diritti all'insostenibilità del sistema americano

    0:47 Durata: 2 min 12 sec
  • Priorità: una politica nuova per il mezzogiorno

    0:49 Durata: 3 min 52 sec
  • L'Europa, banco di prova contro le destre neo-peroniste

    0:53 Durata: 6 min 10 sec