01 DIC 2002

Radicali: Conversazione con Daniele Capezzone

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 1 ora 1 min
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Capezzone.

Processo Marta Russo: 'non c'è uno straccio di prova e due cittadini verranno sbattuti in galera.

Crisi Fiat: 'va bene gli operai, ma chi pensa alle 450mila persone con scadenza dei contratti a tempo determinato?'Roma, 1 Dicembre 2002 - Incontro con Daniele Capezzone a Radio Radicale, intervistato da Roberto Spagnoli.

Molti i temi toccati.

In particolare risalto l'attualità con la sentenza del processo Marta Russo e la crisi Fiat.

Ma anche la Devolution, la questione Rai e la paventata crisi nella maggioranza di governo ad opera dell'Udc.Marta Russo: 'non c'è uno straccio di prova'Il
segretario di Radicali Italiani non ha avuto dubbi nel suo perentorio giudizio sulla sentenza al processo d'appello del caso Marta Russo, che condanna Giovanni Scattone a 6 anni per omicidio colposo, 4 anni e 6 mesi a Salvatore Ferraro colpevole di favoreggiamento, porto abusivo e illecita detenzione di arma comune da sparo e conferma la condanna a 2 anni per Francesco Liparota, sempre per favoreggiamento.«Hanno ragione quelli che ricordano una cosa banale, cioè che la condanna dovrebbe scattare solo se la colpevolezza dell'imputato è provata oltre ogni ragionevole dubbio» - ha detto Capezzone - «qui invece i dubbi ci sono e siamo alla terza condanna.

Qui non c'è un movente, un riscontro relativo all'arma, agli aspetti materiali, le perizie balistiche o chimiche sulle particelle, tutto è affidato alle testimonianze raccolte come: la Lipari, la figlia del chiarissimo professore, che parlerà 90 giorni dopo il delitto, con pm che le dicono di parlare minacciando di sputtanare lei e suo padre.

E con la Alletto che parla 36 giorni dopo, e dice quello che deve dire con la scena 'noi la roviniamo lei perde il posto ecc».«Qui non è il problema della loro innocenza qui è il problema della non provata colpevolezza» - ha detto ancora Capezzone, che poi ha cocnluso: «qui non c'è uno straccio di prova e due cittadini verranno sbattuti in galera».Crisi Fiat: operai si, però...Sulla crisi della casa torinese il segretario di Radicali Italiani ha sostenuto che si continua a parlare solo dei lavoratori della Fiat e non si dice una sola parola sui centomila lavoratori che ogni anno vengono licenziati e che non hanno nessuna cassa integrazione.

«tutte quelle persone cioè» - ha spiegato - «che non a causa della flessibilità ma a causa della flessibilità sbandata che c'è in Italia, cioè con i contratti a tempo determinato vissuti come eccezione e non come regola e come accade negli altri paesi, 450 mila persone a cui scadono i contratti a termine e che pure loro non avranno nessun tipo di rete di protezione».Il problema sono i tabù, come ha ricordato Roberto Spagnoli, tipo quello di non poter chiudere Termini Imerese.

O come quello del sussidio di disoccupazione, della riforma del sistema previdenziale, della cassa integrazione come sussidio di stato.

Cose su cui tutta la sinistra, a parte eccezioni come Boeri o Ichino, ha ricordato Capezzone, tace.

«E la risposta fatta dal commissario europeo Mario Monti» - ha detto Capezzone - «alle proposte liberiste al parlamento europeo, da noi presentate con Benedetto Della Vedova, sulla base del lavoro di Michele De Lucia, è una risposta che per tanti versi riconosce le nostre ragioni», ma poi, sostiene il segretario di RI, in concreto non fa nulla per attuarle.Crisi Rai e DevolutionI problemi della politica interna italiana sono stati poi l'ulteriore argomento di conversazione.

Soprattutto quello che sembra abbia acceso maggiori polemiche fra i centristi del polo e il resto della coalizione e che, a detta di molti, potrebbe essere il problema che porti gli uomini dell'UDC ad uscire dal governo.

«Una Rai gestita dai partiti non può che finire così.

Con le casacche rosse o azzurre» - ha detto Capezzone, aggiungendo: «quello che ci vuole è il modello Radio Radicale, cioè la gara per l'affidamento del servizio pubblico; dove vince chi garantisce un miglior prodotto qualità prezzo».Sulla Devolution poi Capezzone non ha avuto dubbi: «c'è una linea di marcia voluta da Tremonti e Berlusconi», e questo ha portato un partito come la Lega che ha gli stessi voti dei Radicali a ricattare la coalizione.

«Berlusconi perché da retta a Bossi?» - ha detto Capezzone - «perché sbaglia.

Ma noi diciamo che con quel tipo di direzione di marcia alla lunga ci si logora».Tremonti non vuole gli Stati Uniti d'EuropaIl problema vero secondo Capezzone è che Tremonti non fa una politica realmente liberale e liberista, ma dirigista.

E che il modello Stati Uniti non lo vuole.

«Tremonti dice no: agli Stati Uniti d'Europa, no a Bruxelles come a Washington.

Laddove la salvezza per l'Europa» - ha spiegato Capezzone - «sarebbe un presidente forte eletto sul modello americano, per l'Italia ma anche per la Commissione europea» e con un Parlamento forte, ha infine aggiunto, con cui avere poi possibilità di fare un federalismo sicuro.Sulla eventuale crisi nela maggioranza Capezzone ha detto che Follini ha posto un problema politico reale cioè che il governo della cdl non può essere quello delle cene con Berlusocni e Bossi o altro.

Il pericolo, ha detto, è che «la cdl non ha più progetto e delega tutto alla troika Bossi-Tremonti-Berlusconi».

leggi tutto

riduci

  • Roberto Spagnoli

    Indice per argomenti
    0:00 Durata: 1 min 16 sec
  • Capezzone su Don Vitaliano della Sala

    0:01 Durata: 1 min 2 sec
  • Capezzone: sentenza Marta Russo: 'qui non c'è uno straccio di prova e due cittadini verranno sbattuti in galera'

    0:02 Durata: 5 min 7 sec
  • Capezzone: 'c'è un impazzimento del sistema giudiziario'

    0:07 Durata: 4 min 30 sec
  • Capezzone: 'si continua a parlare solo dei lavoratori della Fiat e non si dice una sola parola sui centomila lavoratori che ogni anno vengono licenziati e che non hanno nessuna cassa integrazione'

    0:11 Durata: 4 min 22 sec
  • Capezzone sul tabu della chiusura di Termini Imerese

    0:16 Durata: 2 min 14 sec
  • Capezzone sul declino dell'industria italiana

    0:18 Durata: 2 min 54 sec
  • Capezzone: 'una Rai gestita dai partiti non può che finire così'

    0:21 Durata: 5 min 22 sec
  • Capezzone: Devolution 'c'è una linea di marcia voluta da Tremonti e Berlusconi'

    0:26 Durata: 8 min 11 sec
  • Capezzone: lo scontro interno all'Udc e la destra liberale di Aznar

    0:35 Durata: 4 min 59 sec
  • Capezzone: 'la cdl non ha più progetto e delega tutto alla troika bossi-tremonti-berlusconi'

    0:40 Durata: 2 min 22 sec
  • Capezzone: la questione delle elezioni regionali campane

    0:42 Durata: 3 min 21 sec
  • Le iniziative di Radicali Italiani per i prossimi giorni

    0:45 Durata: 15 min 37 sec