02 OTT 1999

Bossi "contro Romaladrona e la tessera 1816 della P2"

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 1 ora 54 min

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Brescello (Re), 2 ottobre 1999Documento audiovisivo del comizio di Umberto Bossi all'"Oktoberfest padana" preceduto da una breve presentazione, dall'inno e da un minuto di raccoglimento "per la morte di un ragazzo investito da un extracomunitario alla guida di un'auto rubata".

Bossi ha ribadito il suo repertorio di accuse a Berlusconi, da lui spesso definito nei comizi come ''il palermitano'', e di perplessità sulla sua personale fortuna economica.

Il leader della Lega si pronuncia infine a favore della Commissione d'inchiesta su Tangentopoli inizialmente proposta da Di Pietro, chiedendo che
indaghi anche sui beni, e le origini delle ricchezze, del leader del Polo.Sul ventilato coinvolgimento di Berlusconi con la morte di Borsellino: "Mi pare che la cosa sia talmente grossa che sembra fatta apposta per dimostrare che il Cavaliere non è mafioso.

Se lui lo fosse sarebbe la copertura ideale, soprattutto dopo la sentenza di Perugia su Andreotti.

Per quel che ne so io la Storia ha dimostrato che i grandi mafiosi si incastrano nei piccoli particolari, come accadde per Al Capone, beccato in reati fiscali".

leggi tutto

riduci