27 OTT 1999

Audizione Mattarella in commissione Stragi

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 1 ora 13 min

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Audizione dell'onorevole Sergio Mattarella, vice presidente del Consiglio dei ministri.

Registrazione audio di "Audizione Mattarella in commissione Stragi", registrato mercoledì 27 ottobre 1999 alle 00:00.

La registrazione audio ha una durata di 1 ora e 13 minuti.
  • Presidente

    Interviene il vice presidente del Consiglio, Sergio Mattarella <strong>Indice</strong><p><strong>La seduta inizia</strong> alle ore 20.35<br>Presidenza del presidente <strong>Ottaviano Del Turco</strong><p>Dopo le comunicazioni del Presidente, anche in relazione all'acquisizione di nuovi documenti pervenuti in Commissione e agli atti inviati dalla Procura della Repubblica di Roma alla Commissione concernenti il dossier cecoslovacco, ha luogo un'articolata discussione, con riferimento sia alle decisioni assunte dall'Ufficio di Presidenza di rendere pubblici due documenti recentemente acquisiti, sia il ripetersi, da parte di membri della Commissione, della mancanza di rispetto del segreto previsto dall'articolo 6 della legge istitutiva per quanto concerne le deposizioni, le notizie ed i documenti.<br>Il senatore Alessandro Pardini DS) fa notare che la decisione sulla pubblicazione di atti e documenti nel corso dei lavori della Commissione può essere presa solo dalla Commissione stessa e non dall'Ufficio di Presidenza. Lo stesso senatore Pardini si duole per gli episodi di mancato rispetto del segreto. Egli inoltre fa rilevare la necessità che venga predeterminato il tempo degli interventi, al fine di consentire l'ordinato ed equilibrato svolgimento del dibattito<br>L'onorevole Emilio Delbono (PPI) sottolinea anch'egli la gravità della violazione del principio di segretezza verificatosi in occasione dell'audizione dell'ammiraglio Martini, e si associa a quanto detto dal senatore Pardini a proposito della competenza a decidere sulla pubblicazione di atti e documenti della Commissione.<br>Anche il senatore Carmine De Santis interviene, per far rilevare che la decisione di pubblicare il cosiddetto dossier Mitrokhin fu assunta dall'Ufficio di Presidenza ristretto e non da quello integrato dai rappresentanti dei gruppi.<br>Il Presidente prende la parola per far presente che egli è molto sensibile alla mancanza di rispetto dell'obbligo di segretezza e che un recente episodio verificatosi al riguardo lo ha indotto a far una segnalazione critica dell'accaduto ai presidenti delle due Camere. Associandosi pienamente alle doglianze espresse da più parti, egli sottolinea che la riservatezza che deve presiedere ai lavori della Commissione è un fattore essenziale, venendo meno il quale risulta vulnerata la stessa rispettabilità dell'organismo e risulterebbe compromessa l'efficacia dei lavori. Il Presidente inoltre prende atto dei rilievi avanzati circa la competenza a decidere sulla pubblicazione di atti e documenti e che ne terrà conto per il futuro.<br>L'onorevole Vincenzo Fragalà (AN) interviene per chiedere, sulla base di un esempio specifico che egli segnala alla segreteria, che la classificazione dei documenti acquisiti dalla Commissione venga fatta con la maggiore precisione e chiarezza possibili, per facilitare ai commissari ed i consulenti il reperimento delle fonti testuali necessarie al loro lavoro.
    0:00 Durata: 8 min 20 sec
  • Sergio Mattarella, vice presidente del Consiglio dei ministri, sulla presenza di parlamentari nella lista dei 731 del Piano Solo

    <br>
    0:08 Durata: 51 sec
  • Sergio Mattarella, risponde alle domande del presidente sul dossier Mitrokhin e i depositi di armi e ricetrasmittenti

    0:09 Durata: 7 min 23 sec
  • Sul dossier Havel: "Non c'è traccia del dossier Havel", "durante la visita del Presidente del Consiglio D'Alema, lo scorso 11 marzo a Praga, Havel gli riferì di aver portato della documentazione in Italia ma disse che non ne conosceva il contenuto"

    <em>Riassumendo la vicenda del carteggio in corso tra il Sisde e due funzionari del servizio cecoslovacco, Mattarella ha riferito che il Sisde, che ha risposto alle richiesta della magistratura facendo presente che non esisteva nessun dossier Havel, ha dichiarato alla procura che esisteva però un carteggio ricevuto proprio da funzionari cecoslovacchi. Questo carteggio, che si compone di 558 pagine, viene consegnato da Mattarella alla Commissione Stragi e definito di contenuto "assai modesto".</em>
    0:16 Durata: 20 min 27 sec
  • Sul Caso Moro

    <br>
    0:37 Durata: 12 min 55 sec
  • Sull'esistenza di un dossier inviato dalla Cia al Sismi con l'indicazione di una rete informativa della Stasi (il servizio segreto dell'ex Germania Orientale) in Italia

    0:49 Durata: 6 min 33 sec
  • Sull'attendibilità del dossier Mitrokhin e sul rischio che nessuna intelligence di paesi amici e/o alleati fornisca informazioni all'Italia se si spargesse la convinzione che tutto potrebbe essere reso pubblico

    0:56 Durata: 8 min 21 sec
  • Sulla pubblicazione del libro di Andrew "The Mitrokhin Archive"

    1:04 Durata: 1 min 5 sec
  • Sergio Mattarella, vice presidente del Consiglio dei ministri, risponde al senatore Mario Palombo (AN) sullo stato delle indagini in ordine ai nomi contenuti nel dossier Mitrokhin

    <br>Il vice presidente del Consiglio dei ministri, Sergio Mattarella, risponde poi ai senatori Vincenzo Ruggero Manca (FI), Alessandro Pardini (DS), Angelo Staniscia (DS), Athos De Luca (Verdi), Alfredo Mantica (AN), Valerio Mignone (DS), Massimo Dolazza (Verdi) DOLAZZA, Cosimo Ventucci (FI) VENTUCCI e al deputato Vincenzo Fragalà (AN)<br>Nel corso della seduta ha luogo un passaggio in seduta segreta<br>Il Presidente infine, ringraziato l'onorevole Mattarella, dichiara conclusa l'audizione.<br><strong>La seduta termina</strong> alle ore 0,25 del 28 ottobre 1999
    1:05 Durata: 7 min 21 sec