17 APR 2000

Regionali 2000: Conferenza stampa di Bossi e Maroni

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 56 min 52 sec
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Milano, 17 aprile 2000Documento audiovisivo della conferenza stampa di Umberto Bossi con Roberto Maroni nella sede di Via Bellerio della Lega Nord.

Registrazione video di "Regionali 2000: Conferenza stampa di Bossi e Maroni", registrato lunedì 17 aprile 2000 alle 00:00.

L'evento è stato organizzato da Lega Nord.

La registrazione video ha una durata di 56 minuti.

Il contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.
  • Umberto Bossi, segretario della Lega Nord

    <br>Sintesi dell'intervento - La Lega è stata determinante e determinata a imporre un discorso politico, e a presentarsi alle elezioni con un progetto. La crisi della politica attuale dura da anni, è una perdita di forza, uno sprofondamento dello Stato nazionale. La magistratura acquista importanza. Queste elezioni segnano il ritorno alla politica, con il patto tra Lega e Polo. La vittoria elettorale è dipesa dall'accordo con Berlusconi. La gente ha visto quanto poco ha fatto questo governo. La crisi politica conseguente a queste elezioni, dove il un voto è stato politico, non regionale; un voto di "modello del decentramento e della devoluzione della materia dello Stato", contro il modello della sinistra al governo che ripropone il compromesso storico. <strong>Indice degli interventi</strong>
    0:00 Durata: 20 min 28 sec
  • Umberto Bossi, risponde alle domande dei giornalisti

    <br>Argomenti trattati - "Ciampi mi ha fatto una ottima impressione, è legato al mondo economico da cui viene" - "D'Alema dovrebbe dimettersi e andare al voto, prendendo atto di quel che è avvenuto" - "Il referendum non lo vota nessuno" - "E' necessario un governo balneare aspettando le prossime elezioni? Se le elezioni sono il prossimo anno, D'Alema potrebbe rimanere al governo, ma se le prossime elezioni vengono ritardate, la gente perderà ancora più attenzione verso la politica" - "Emma Bonino non la denuncio, ma rimane nel partito della morte. Della Bonino io ho parlato poche volte e quando ne ho parlato è solo per far notare che la loro è una cultura della morte; la sala del buco per i drogati, l'aborto. ... I radicali non sono liberali perchè non permettono un pensiero libero e flessibile" <br>
    0:20 Durata: 26 min 2 sec
  • Roberto Maroni, dep. Lega Nord, già ministro dell'Interno

    <br>Sintesi dell'intervento - Al Sud non è scattato il meccanismo di portare il voto del sud a sinistra. Si vede il segnale di voler votare a destra, da parte di chi va contro l'assistenzialismo. Al Nord, a parte il caso di Alessandria, dove c'è stata una perdita di voti a causa del sindaco candidato con l'Ape, i dati delle elezioni sono positivi. La Lega è avanzata perchè investiva in un progetto politico.<p>Termina alle 17h52<br><strong>*** Scarica il file</strong> <br>
    0:46 Durata: 10 min 22 sec