21 OTT 2001

Radicali: Bernardini e Capezzone in piazza a Roma per le 25 proposte di legge

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 10 min 9 sec
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Roma, piazza Santa Maria in Trastevere, 21 ottobre 2001 - Serata di raccolta firme a Roma per Radicali Italiani al fine di sensibilizzare l'opinione pubblica sull'urgenza dell'antiproibizionismo.

Dopo la sentenza infatti di mercoledì 17 ottobre che ha visto la condanna di Rita Bernardini e Anna Autorino a 2 mesi e 25 giorni; Alessandro Caforio, Cristiana Pugliese, Mauro Zanella, Pier Giuseppe Camici, Sergio Stanzani, Veronica Orofino, Antonio Borrelli, Clotilde Buonassisi a 2 mesi e 20 giorni; Radicali Italiani ha organizzato un incontro pubblico con la presenza di alcuni "condannati", tra i
quali la presidente Rita Bernardini, e del segretario Daniele Capezzone.(La sentenza contro i radicali)Rita Bernardini , Alessandro Caforio, Cristiana Pugliese, Pigi Camici, Antonio Borrelli, Mauro Zanella e Veronica Orofino, su iniziativa di www.antiproibizionisti.it hanno invitato i cittadini romani a sottoscrivere le 25 proposte di legge di Radicali Italiani.Molto bella la cornice di pubblico che ha accompagnato i radicali nella serata, che si è svolta in allegria, e con una sorpresa.

Già dal giorno precedente infatti era stata annunciata la distribuzione di una sostanza che, a differenza della cannabis e dei suoi derivati, può produrre dipendenza.

I radicali hanno infatti offerto un bicchiere di vino a tutti i partecipanti.Rita Bernardini ha sottolineato come sia importante una campagna come quella radicale che, nonostante il silenzio dei media, sta andando avanti, anche alla luce della sentenza che l'ha vista protagonista in prima persona, "l'alto valore morale e sociale delle iniziative" riconosciuto dalla X sezione penale del Tribunale di Roma."Questa sentenza - ha detto poi Daniele Capezzone - è il simbolo di un'Italia in cui l'unica cosa che trionfa è l'assoluta incertezza del diritto.

Questa legge va rimandata alla Corte Costituzionale, che deve essere messa in discussione, è una legge che non funziona"."Per questo - ha concluso il segretario di Radicali Italiani - servono le iniziative drammatiche assunte in questi anni, servono anche le iniziative sorridenti come quella di questa sera".Interviste e commenti a cura di Andrea de Angelis.

leggi tutto

riduci