25 AGO 2002

Radicali: Conversazione settimanale con Marco Pannella, Il 7 settembre giornata mondiale per il Vietnam

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 1 ora 58 min
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

In collegamento telefonico da Bruxelles il leader radicale ha lanciato l'appuntamento per il prossimo 7 settembre a Washington, Roma e MoscaRoma, 25 agosto 2002 - Nel corso dell'appuntamento di questa settimana con la conversazione, Marco Pannella ha voluto lanciare la giornata mondiale per il Vietnam, il prossimo 7 settembre a Washington, con appuntamenti anche a Roma e Mosca.

Il leader radicale si è poi soffermato sulla situazione dei Montagnard e del loro leader Kok Ksor, e sulle prossime scadenze del Partito Radicale, a cominciare dal Congresso di novembre e dalla nascita del progetto per
l'Organizzazione Mondiale della Democrazia.La giornata mondiale per il VietnamPannella è partito proprio dalla giornata sulla quale in questi giorni sta lavorando come Presidente-Coordinatore del Partito Radicale Transnazionale."Abbiamo indetto - ha infatti annunciato il leader radicale - la giornata mondiale per la libertà e la democrazia nel Vietnam il prossimo 7 settembre, in difesa in particolare di tutte le minoranze religiose ed etniche.

Il 7 settembre avremo a Washington una giornata importantissima con la mobilitazione dell'intero popolo Montagnard.

Uno sforzo volto a porre il problema del Vietnam e dell'intera area in modo molto netto, con uno sforzo di informazione grandissimo, per riportare i diritti democratici di tutti"."Contemporaneamente a Roma - ha poi rivelato Pannella - dinanzi l'ambasciata del Vietnam, ci sarà l'intero comitato nazionale di Radicali Italiani.

In questi giorni partirà la campagna di mobilitazione, speriamo di avere con noi parlamentari di tutti gli schieramenti"."Mi auguro - ha poi aggiunto - che coloro che hanno la bontà di seguirci in questi appuntamenti della domenica, e che hanno responsabilità politiche, annuncino la loro mobilitazione.

Non sarà per il momento una forma di Satyagraha o di digiuno, ma vorrei che esponenti politici, sindacali e quant'altro, e da parte della stampa, vi fosse attenzione su questa iniziativa.

E' importante che si sappia di questa mobilitazione, attraverso anche i nostri compagni e amici".Minacce a Kok KsorI rapporti tra i radicali e le autorità vietnamite non sono buoni, e partendo da questa considerazione Marco Pannella ha rivelato alcuni particolari che vedono coinvolto direttamente il leader dei Montagnard Kok Ksor, già accusato, con il Partito Radicale, di terrorismo dal governo del Vietnam."Da una parte - ha infatti detto il leader radicale - il Vietnam ci mette sotto accusa in compagnia di Russia e Cina, azione dovuta probabilmente all'azione di Olivier Dupuis lo scorso anno proprio in Vietnam ed anche in Laos, che lo ricordiamo è protettorato del Vietnam"."Dall'altra - ha proseguito Pannella - abbiamo delle notizie che da quando vi è stata questa assunzione della scelta nonviolenta da parte dei Montagnard, ci sono state minacce di morte per Kok Ksor".

Notizie confermate poi da Matteo Mecacci in collegamento da New York, che ha parlato di colpi di pistola vicino la casa del leader Montagnard.L'Organizzazione Mondiale della DemocraziaChiusura dedicata all'Organizzazione Mondiale della Democrazia, in vista anche del prossimo congresso del Partito Radicale e dell'appuntamento internazionale a Seul il prossimo 9 novembre."Abbiamo avuto - ha detto Pannella - la visita nei giorni scorsi a Roma del ministro della difesa albanese, iscritto al Partito Radicale, Pandeli Majko, con il quale abbiamo parlato di un progetto importante.

Non disperiamo che al Congresso del partito potremo constatare che almeno un governo ufficiale possa portare il 9 novembre a Seul un progetto che faccia camminare noi tutti in modo spedito ed attrezzato nella direzione della costituzione dell'Organizzazione Mondiale della Democrazia".

leggi tutto

riduci