19 AGO 2003

Governo: Conferenza stampa di Urbani e Pescante

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 47 min 35 sec
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Roma, 19 agosto 2003 - Come annunciato dai suoi ideatori, nel pomeiggio di martedì il Consiglio dei ministri presieduto dal premier Silvio Berlusconi ha approvato il cosiddetto "decreto salvacalcio" messo a punto dal ministro dei Beni culturali Giuliano Urbani e dal sottosegretario con delega allo sport Mario Pescante, che poi hanno dato l'annuncio in una conferenza stampa.

Il responsabile del dicastero e i vertici dello sport e del calcio nazionale si erano incontrati in mattinata trovando l'accordo per le norme in deroga su Tar e modifiche dei tornei.

Questo il testo del comunicato diffuso
dal ministero dei Beni culturali al termine della riunione con i vertici del calcio: "Il ministro per i Beni e le attività culturali Giuliano Urbani assistito dal sottosegretario Mario Pescante ha oggi incontrato il presidente del Coni Giovanni Petrucci e il presidente della Figc Franco Carraro, accompagnato dal presidente della Lega Adriano Galliani e dal vicepresidente della federazione Giancarlo Abete.

Nel corso del colloquio, i presidenti hanno illustrato lo stato di emergenza verificatosi nel settore del calcio, a pochi giorni dall'inizio dei campionati, confermando al ministro l'impegno a fare tutto quanto in loro potere per assicurare un regolare inizio degli stessi.

In particolare, il ministro ha preso atto di due autonome determinazioni: a) da parte del Coni, l'avvio immediato di una speciale commissione finalizzata a un organico disegno di riforma - tanto degli istituti di giustizia sportiva, quanto delle regole di controllo interno, i lavori della quale dovranno esaurirsi entro e non oltre il 15 ottobre; b) da parte della Figc, l'impegno di predisporre per il prossimo campionato di serie B tutte le misure necessarie a fronteggiare le varie questioni in essere".Forte l'opposizione della Lega che ha votato contro.

A quanto si apprende, il Carroccio si sarebbe opposto al decreto, contestando la scelta di centralizzare i ricorsi sul Tar del Lazio.

Durissima la reazione di Roberto Calderoli, vicepresidente del Senato e coordinatore delle segreterie nazionali della Lega Nord: "Mi sembra di essere tornati ai tempi del Duce, quando Mussolini interveniva per fare vincere lo scudetto alla Roma ".

leggi tutto

riduci

  • Giuliano Urbani, Ministro dei Beni Culturali, illustra il decreto

    Indice degli interventi
    0:00 Durata: 24 min 57 sec
  • Urbani sulla funzionalità del decreto, l'autonomia dello sport, il voto della Lega, le competenze del Tar del Lazio

    Domande della stampa
    0:24 Durata: 8 min 46 sec
  • Mario Pescante, Sottosegratario ai Beni Culturali con delega allo Sport

    0:33 Durata: 49 sec
  • Urbani sul ruolo del Coni

    0:34 Durata: 43 sec
  • Urbani sulla riforma dei campionati

    0:35 Durata: 1 min 19 sec
  • Urbani sulle responsabilità di Franco Carraro, Presidente della FIGC

    0:36 Durata: 4 min 34 sec
  • Urbani sulla crisi economica del calcio

    0:41 Durata: 3 min 2 sec
  • Pescante sulla situazione delle società di calcio

    0:44 Durata: 2 min 13 sec
  • Urbani sulla posizione di Berlusconi

    0:46 Durata: 1 min 12 sec