27 DIC 2003

Sofri: Prodi «Grazia atto nelle mani del Presidente della Repubblica»

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 2 min 49 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Roma, 27 dicembre 2003 - La grazia "è un atto di clemenza che è nelle mani del Presidente della Repubblica.

Ed essendo un atto di grazia non è una critica del sistema giudiziario ma una decisione che appartiene - dal punto di vista della Costituzione - al Capo dello Stato".

Lo ha detto Romano Prodi, intervistato oggi da Radio Radicale sulla questione del potere di grazia del Presidente della Repubblica."Naturalmente - ha aggiunto il Presidente della Commissione europea - questo atto deve essere esercitato nelle modalità previste nella stessa Costituzione, ma su questo giuristi illustri si
sono già pronunciati nei giorni scorsi, e non ho certo l'autorità scientifica per intervenire in questo campo.

Questo atto di clemenza, invocato dal Parlamento italiano e dal Parlamento europeo, appare un discorso ormai maturato nella maggior parte delle coscienze e delle menti".Prodi ha ricordato di aver "seguito il dibattito al Parlamento europeo dove - come nel Parlamento italiano - c'è stata una presa di posizione, che non ha evidentemente conseguenze giuridiche immediate, per la concessione della grazia a Sofri.

E' più un auspicio che un intervento di carattere giuridico, che ha avuto però un rilievo e una importanza molto forte".

leggi tutto

riduci