19 SET 2001

Questioni Regionali: Audizione di Girolamo Sirchia, in ordine alla devoluzione di ulteriori competenze statali alle Regioni in materia sanitaria

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 41 min 8 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Audizione del ministro della salute, professor Girolamo Sirchia, in ordine alla devoluzione di ulteriori competenze statali alle Regioni in materia sanitaria.

Registrazione audio di "Questioni Regionali: Audizione di Girolamo Sirchia, in ordine alla devoluzione di ulteriori competenze statali alle Regioni in materia sanitaria", registrato mercoledì 19 settembre 2001 alle 00:00.

La registrazione audio ha una durata di 41 minuti.
  • Relazione di Girolamo Sirchia, ministro della Salute

    Il ministro Sirchia, preliminarmente, precisa che il contributo offerto alla riflessione della Commissione esprime soprattutto un proprio orientamento personale che, necessariamente, sarà sottoposto quanto prima al vaglio dell'Esecutivo nel suo complesso. In ogni caso l'ulteriore conferimento di competenze in materia sanitaria alle Regioni vedrà un capovolgimento di ruoli tra queste ultime e lo Stato che, infatti, dovrà limitarsi a garantire una sorta di cornice etica recante i principi all'interno dei quali le regioni eserciteranno i poteri e le attribuzioni sulla base delle reali esigenze espresse dal territorio.<br>L'area socio-sanitaria, egli avverte, appare alquanto sbilanciata a sfavore della cura di malattie croniche perché risulta soprattutto orientata alla terapia delle malattie acute: tale stato di fatto presuppone un più razionale riequilibrio organizzativo e finanziario, fondato su un più appropriato approccio diagnostico e terapeutico. In tale ottica, quindi, la lotta agli sprechi finisce per assumere una valenza non soltanto economica ma soprattutto etica, in quanto fondata sulla maggiore appropriatezza degli interventi sanitari. Coerentemente a tale presupposto si impone l'aggiornamento e la riconversione professionale del personale, non solo per la cura ospedaliera ma anche per l'assistenza domiciliare, specie per talune categorie di malati cronici o terminali.<br>Gli ospedali pubblici, in particolare quelli grandi, rappresentano una grande ricchezza per il servizio sanitario, anche come motore della ricerca scientifica: in alcuni casi, peraltro, a fronte di un generale peggioramento del servizio si registra una cattiva gestione manageriale, fonte di cospicui disavanzi derivanti da quanti presumono di dare la precedenza alla quadratura dei bilanci piuttosto che alla cura di malati. Purtroppo la distorsione dei rapporti tra politica e amministrazione ha prodotto nel tempo direttori generali ospedalieri che hanno privilegiato una gestione burocratica anziché imprenditoriale: occorre invece che l'ospedale, nell'assistenza come nella ricerca, salvaguardi nel modo più corretto la peculiarità della propria missione pubblicistica.<br>Passando ai temi dell'educazione permanente da assicurare al personale sanitario, il ministro Sirchia ritiene di particolare utilità la partecipazione a qualificati convegni, all'uopo utilizzando appositi crediti formativi. Naturalmente la convegnistica non può sostituire l'aggiornamento professionale che deve essere costantemente assicurato ai medici e agli infermieri anche attraverso le tecniche di insegnamento interattivo tramite la rete informatica. In tale ambito le Regioni hanno senz'altro ampi spazi di intervento. Dal 1º gennaio 2002 avrà inizio la sperimentazione con provider su temi preselezionati che daranno luogo alla fruizione di crediti per il rinnovo dei rapporti professionali con il Servizio sanitario nazionale.<br>Il ministro Sirchia, quindi, si sofferma sul delicato tema della comunicazione funzionale a una corretta educazione sanitaria, specie in materia farmaceutica, che al momento rischia di accentuare l'asimmetria informativa a danno, in primo luogo, degli stessi medici e sottolinea la necessità di un progetto per la comunicazione pubblica, senza oneri per lo Stato, che abbia nel contempo i requisiti della autorevolezza scientifica e dell'efficacia. Al riguardo ritiene di poter dare avvio, dal prossimo gennaio, a una mirata campagna sui temi concernenti le errate forme di alimentazione in ordine alle quali è stato calcolato un costo a carico della spesa sanitaria pari a circa ventimila miliardi di lire. Successivamente partirà una analoga iniziativa per la prevenzione del rischio mirata ai non fumatori.<br>Per quanto concerne gli infermieri lamenta che al livello di professionalità richiesto non corrisponde un livello retributivo altrettanto adeguato: occorre pertanto prevedere significative innovazioni, non esclusa la possibilità di avvalersi della facoltà di dedicarsi contestualmente ad attività di natura libero-professionale. Anche per altre categorie professionali si registrano problemi analoghi, ad esempio i tecnici radiologi: in particolare appare doveroso superare l'esclusività e la irreversibilità del rapporto professionale dei medici operanti in regime cosiddetto intramoenia. <strong>Indice degli interventi</strong><br>L'audizione comincia alle 14h45<br>Presidenza della Presidente <strong>Maria Elisabetta Alberti Casellati</strong>
    0:00 Durata: 20 min 55 sec
  • Presidente

    La Presidente ringrazia il ministro Sirchia per il contributo reso, che risulta molto significativo nell'ottica di un più mirato conferimento di competenze statali in materia sanitaria alla responsabilità delle Regioni. <br>
    0:20 Durata: 1 min 20 sec
  • Maurizio Fistarol (MARGH-U)

    Il deputato Fistarol, pur condividendo alcune affermazioni rese dal Ministro, osserva che il suo intervento si qualifica più come una panoramica sulle linee guida del proprio dicastero che come specifico indirizzo del Governo in materia di ulteriore trasferimento di competenze statali in materia sanitaria. Sarebbe stato auspicabile, pertanto, far precedere una audizione del Ministro delle riforme istituzionali e svolgere un dibattito in ordine ai temi connessi alla prossima scadenza del referendum costituzionale del 7 ottobre. <br>
    0:22 Durata: 6 min 39 sec
  • Presidente

    La presidente ricorda che l'Ufficio di presidenza integrato dai rappresentanti dei Gruppi, riunitosi lo scorso 31 luglio, aveva stabilito di ascoltare alcuni rappresentanti del Governo. Tenuto conto dei rispettivi impegni le audizioni hanno avuto inizio con il Ministro della salute e proseguiranno come convenuto. Quanto al referendum costituzionale del 7 ottobre, precisato che il Governo non può che essere neutrale in materia referendaria, opportunamente il ministro Sirchia ha illustrato il proprio indirizzo politico richiamando il ruolo etico di garanzia che lo Stato dovrà assumere nei confronti dei poteri conferiti alle Regioni in materia sanitaria. <br>
    0:28 Durata: 6 min 21 sec
  • Replica di Girolamo Sirchia

    Il ministro Sirchia, infine, ricorda che, nella scorsa legislatura, mentre con legge costituzionale venivano conferite nuove competenze alle Regioni, con altra legge ordinaria venivano analiticamente disciplinati i poteri regionali in materia sanitaria. Con il decreto-legge approvato dal Governo la scorsa settimana, invece, è iniziato il capovolgimento dell'indirizzo legislativo centralistico, conferendo maggiori responsabilità alle regioni, a partire dalla spesa farmaceutica per poi proseguire con altri comparti della spesa sanitaria.<br><br>La Presidente avverte che la Commissione tornerà a riunirsi giovedì 27 settembre, alle ore 14, per proseguire l'audizione del Ministro della salute.<br> La seduta termina alle 15h30 <br>
    0:35 Durata: 5 min 53 sec