22 GEN 2002

Antimafia: Dibattito sulle comunicazioni rese dal Presidente nella seduta del 15 gennaio 2002

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 2 ore 17 min

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Dibattito sulle comunicazioni rese dal Presidente nella seduta del 15 gennaio 2002.

Registrazione audio di "Antimafia: Dibattito sulle comunicazioni rese dal Presidente nella seduta del 15 gennaio 2002", registrato martedì 22 gennaio 2002 alle 00:00.

La registrazione audio ha una durata di 2 ore e 17 minuti.
  • Comunicazioni del Presidente

    Il Presidente comunica che sono giunti documenti disponibili presso l'archivio che vengono acquisiti agli atti dell'inchiesta.<br>Ricorda che nella scorsa seduta la Commissione ha deliberato di acquisire il patrimonio documentale della Commissione della XIII legislatura: in attuazione della suddetta delibera resta quindi inteso che l'attività dell'ufficio stralcio della Commissione della XIII legislatura prosegue ai soli fini del completamento del programma di informatizzazione dei documenti. I relativi supporti informatici (CD ROM) verranno acquisiti agli atti della Commissione.<br>Poiché non ci sono osservazioni, così resta stabilito. <br>Indice degli interventi<br>Presidenza del Presidente <strong>Roberto Centaro</strong><br>
    0:00 Durata: 1 min 15 sec
  • Giuseppe Lumia (DS-U)

    Il deputato Lumia, premesso che ritiene ci siano le condizioni politiche per un proficuo ed efficace lavoro della Commissione nella lotta alla mafia, si sofferma sulla necessità di un'attenta riflessione sulle stragi degli anni 1992-1993, in modo da fare emergere il contesto entro il quale sono state progettate e realizzate le stragi ai giudici Falcone e Borsellino.<br>Richiamata poi l'attenzione sul problema della lunghissima e non più accettabile latitanza di Provenzano, esprime apprezzamento circa la necessità, sottolineata dal Presidente Centaro, di sottoporre a verifica l'intero sistema delle misure di prevenzione patrimoniale e di confisca e sequestro dei beni delle organizzazioni criminali mafiose.<br>Analoga verifica appare necessaria per l'impianto normativo sui collaboratori e i testimoni di giustizia, il racket e l'usura, il gratuito patrocinio, la normativa processuale del rito abbreviato, in modo che la Commissione antimafia possa affermare anche un ruolo propositivo, con suggerimenti migliorativi della legislazione, da sottoporre al Parlamento.<br>Esprime altresì apprezzamento per le valutazioni critiche dello stesso Presidente in merito al fenomeno della dissociazione, su cui le istituzioni non possono fare concessioni che rischierebbe di vanificare la lotta alla mafia. <br>
    0:01 Durata: 23 min 46 sec
  • Giampaolo Zancan (Verdi-U)

    Il senatore Zancan, aderendo all'intervento del deputato Lumia, sottolinea a sua volta l'importanza di un'attenta verifica dei mezzi di contrasto alla criminalità organizzata, con particolare riferimento alle misure di carattere patrimoniale, analizzando modalità, costi e benefici delle procedure di confisca dei beni dei mafiosi.<br>Richiama quindi l'attenzione sulla necessità di indagare in modo approfondito sulle connessioni mafia-politica, mafia-economia, mafia-giustizia e mafia-sistema carcerario, con particolare riferimento al regime restrittivo previsto dall'articolo 41-bis. <br>
    0:25 Durata: 13 min 22 sec
  • Carlo Vizzini (FI)

    Il senatore Vizzini esprime apprezzamento per le comunicazioni del Presidente rilevando che l'assenza, in questi ultimi anni, di delitti eccellenti non deve far venire meno un impegno politico fermo e costante. In particolare si sofferma sugli aspetti negativi del fenomeno della dissociazione (che egli ritiene inaccettabile), sulla necessità di riflettere in materia di regime carcerario ex articolo 41-bis, sul rischio di infiltrazioni mafiose e di riciclaggio nei procedimenti di privatizzazione.<br>Osserva infine che solo da un pacato dibattito che egli auspica, al di là degli schieramenti politici e degli scontri contingenti sui temi d'attualità, è possibile individuare ed adottare soluzioni efficaci nella lotta alla criminalità organizzata. <br>
    0:38 Durata: 20 min 58 sec
  • Massimo Brutti (DS-U)

    Il senatore Brutti, espressa la convinzione che le direttrici da cui muove la Commissione consentiranno un lavoro proficuo, richiama l'attenzione su alcune problematiche rilevanti e che riguardano: il contesto in cui sono maturate le stragi di mafia degli anni '90; l'aggiornamento delle modalità organizzative delle associazioni criminose in Calabria, Campania e Puglia; la mappatura degli strumenti e dell'azione di contrasto per verificare lacune nelle modalità di intervento; l'attacco ai patrimoni delle organizzazioni mafiose; la verifica del funzionamento della recente legge sui collaboratori di giustizia; la riflessione sul regime carcerario ex articolo 41-bis.<br>Ripercorsa l'evoluzione storica della mafia in Italia, sottolinea la necessità di non accedere a soluzioni legislative che, nel soddisfare le aspettative premiali attese dalle organizzazioni criminali, di fatto depotenziano le Istituzioni. <br>
    0:59 Durata: 37 min 25 sec
  • Ottaviano Del Turco (Misto-SDI)

    Il senatore Del Turco, richiamata l'esigenza che gli intenti politici si traducano in azioni concrete, si sofferma sulle problematiche relative ai collaboratori e ai testimoni di giustizia, sul monitoraggio degli appalti delle opere pubbliche (specie con riferimento al progetto di costruzione del ponte di Messina), sul tema del contrabbando – che non può essere disgiunto dal contesto internazionale –, sollecitando in merito una efficace ed approfondita attività di inchiesta. <br>
    1:36 Durata: 19 min 44 sec
  • Emiddio Novi (FI)

    Il senatore Novi, espresso apprezzamento per le comunicazioni del Presidente nonché per le puntuali osservazioni degli oratori che lo hanno preceduto, si sofferma sulle connessioni di carattere internazionale che caratterizzano le organizzazioni criminali endogene, nonché sulla necessità di fare emergere a tutti i livelli della vita economica, sociale, amministrativa e giudiziaria, i meccanismi che consentono la diffusione ed il radicamento di un articolato sistema di illegalità. <p>Il Presidente rinvia il prosieguo del dibattito alla prossima seduta che sarà convocata martedì 29 gennaio, alle ore 10,30.<br>La seduta termina alle 13h00. <br>
    1:56 Durata: 20 min 40 sec