21 GEN 2003

Lavori Pubblici: Seguito Audizione Monorchio nell'indagine sulla situazione infrastrutturale del Paese e sull'attuazione della normativa sulle grandi opere

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 1 ora 13 min

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Seguito dell'indagine conoscitiva sulla situazione infrastrutturale del Paese e sull'attuazione della normativa sulle grandi opere: seguito dell'audizione del Presidente della società Infrastrutture S.p.A.

Andrea Monorchio.

Registrazione audio di "Lavori Pubblici: Seguito Audizione Monorchio nell'indagine sulla situazione infrastrutturale del Paese e sull'attuazione della normativa sulle grandi opere", registrato martedì 21 gennaio 2003 alle 00:00.

La registrazione audio ha una durata di 1 ora e 13 minuti.
  • Replica di Andrea Monorchio, Presidente della società Infrastrutture S.p.A. - Presidente

    Il professor Monorchio, presidente della società Infrastrutture S.p.A., dopo aver ringraziato i senatori intervenuti nella precedente seduta che hanno adoperato nei suoi confronti parole di apprezzamento, si sofferma su talune delle questioni emerse nel corso del dibattito, a cominciare dal problema, ricordato dal senatore Pessina, dei tempi di attuazione del programma di rilancio delle infrastrutture: a tale riguardo, precisa che, sebbene sia stata costituita soltanto da poco, Infrastrutture S.p.A. è già una società operativa, anche se il successo del programma di realizzazione delle infrastrutture dipenderà dal concorso di altri soggetti poiché essa interviene solo dopo che sono stati presentati i progetti e i relativi piani finanziari.<br>Con riferimento alla possibile interferenza tra la Patrimonio S.p.A. e Infrastrutture S.p.A., ribadisce che, per quanto concerne la seconda società, il capitale sociale è costituito esclusivamente da capitale liquido versato dalla Cassa depositi e prestiti, per un ammontare di circa settemila miliardi delle vecchie lire. In ordine poi alle preoccupazioni espresse dal senatore Veraldi circa il finanziamento delle opere nel Mezzogiorno, non si può che confermare che l'impegno prioritario di Infrastrutture S.p.A. attiene all'equilibrio finanziario, fermo restando che, come nel caso del finanziamento del sistema alta velocità - alta capacità, vi può essere una indicazione precisa da parte del legislatore; infatti, proprio in relazione a tale iniziativa, l'articolo 75 della legge finanziaria per il 2003 prevede che Infrastrutture S.p.A. intervenga nel finanziamento attraverso un patrimonio separato, dato dai flussi di cassa e, qualora insufficienti, dalle garanzie prestate dallo Stato. Il meccanismo del patrimonio separato - che ha il pregio di non incidere sul patrimonio aziendale - potrebbe quindi essere attivato, qualora vi fosse in tal senso una indicazione ex lege, anche per quanto concerne le opere infrastrutturali del Mezzogiorno. Inoltre, fornendo alcuni chiarimenti richiesti incidentalmente dalla senatrice Donati, dal senatore Cicolani e dal presidente Grillo, osserva che l'intervento dello Stato, già previsto per il pagamento degli interessi intercalari, si realizza unicamente nel caso in cui i flussi di cassa, cioè i ricavi dell'operazione, non si sono rivelati sufficienti.<br>Dopo aver sottolineato che la società Infrastrutture S.p.A. potrà intervenire anche per l'ammodernamento delle tratte già esistenti, fa presente al senatore Fabris che proprio il meccanismo delineato dall'articolo 75 della legge finanziaria per il 2003 permette di escludere, per effetto di questa iniziativa di finanziamento, una ricaduta sul debito pubblico: del resto, se così non fosse, il patrimonio di Infrastrutture S.p.A. si dissolverebbe nel giro di pochi anni. In tal senso, appare sufficientemente rassicurante la dotazione iniziale di cui potrà servirsi la società. In ogni caso, proprio il fatto che vengano adoperate risorse pubbliche esige che sia garantita in maniera molto elevata la possibilità di un recupero del capitale investito. Rispondendo quindi al senatore Fabris - che ha chiesto se Infrastrutture S.p.A. valuti i progetti ad essa sottoposti soltanto attraverso il criterio della redditività oppure secondo delle indicazioni politiche - sottolinea come la società che presiede si muoverà nell'esame delle proposte secondo una logica di autonomia, attenta all'equilibrio finanziario. Per quanto attiene al problema della ripartizione delle quote a carico dello Stato e di quelle assunte dal settore privato, precisa che tale situazione attualmente non riveste più alcun significato visto che il più volte ricordato articolo 75 della legge finanziaria per il 2003 stabilisce un finanziamento indifferenziato. D'altro canto, sulla base di modelli matematici più che affidabili, si è appurato che un allungamento della durata massima della concessione TAV dal 2041 al 2061 permetterebbe di ripagare totalmente il debito.<br>Con riguardo poi alle perplessità sollevate nella precedente seduta dalla senatrice Donati in ordine ad un possibile condizionamento che potrebbe essere subito da Infrastrutture S.p.A., non può che ribadire che tale società assolve un interesse economico generale affidato dalla legge, mentre, rispondendo al senatore Paolo Brutti, sottolinea che le preoccupazioni sulla possibile confusione di ruoli tra Patrimonio S.p.A. ed Infrastrutture S.p.A. sembra essere stata più il frutto di dichiarazioni equivoche.<br>Infine, con riferimento alle possibilità di successo della tecnica innovativa rappresentata dalla finanza di progetto, osserva che, se è pur vero che essa ancora non ha dato i frutti sperati, comunque per effetto della legge obiettivo e del relativo decreto legislativo di attuazione si sono finalmente realizzate le condizioni giuridiche perché tale forma di finanziamento delle opere pubbliche possa produrre buoni risultati anche in Italia.<p>Il presidente Grillo, dopo aver osservato che molte delle risposte date dal professor Monorchio hanno certamente reso chiaro il quadro operativo all'interno del quale agirà Infrastrutture S.p.A., coglie l'occasione per chiedere in quale maniera verranno esaminate le proposte dei vari progetti di infrastrutture.<p>Il professor Monorchio precisa che è il CIPE l'autorità preposta alla selezione dei progetti, che sono poi oggetto di asseverazione da parte delle banche e degli istituti di credito, prima di essere quindi sottoposti a Infrastrutture S.p.A.<p>Il presidente Grillo, alla luce della indicazione testè fornita dal professor Monorchio, rileva quindi che l'intervento di Infrastrutture S.p.A. si concentrerebbe unicamente sulle infrastrutture strategiche rientranti nella delibera CIPE del dicembre 2001.<p>Il professor Monorchio osserva però che nulla vieta che Infrastrutture S.p.A. possa intervenire nel finanziamento anche di opere aventi una redditività incerta: in tal caso, però, la società più che come banca, si configurerà come una agenzia al fine di anticipare le quote poste a carico dello Stato. <br>Indice degli interventi<br>L'audizione comincia alle 14h40<br>Presidenza del Presidente <strong>Luigi Grillo</strong><br>
    0:00 Durata: 28 min
  • Anna Donati (Verdi-U)

    La senatrice Donati ritiene che le indicazioni espresse dal professor Monorchio in ordine al funzionamento del patrimonio cosiddetto "segregato" non hanno fugato tutti i dubbi su tale tipo di tecnica: infatti, proprio in relazione al sistema alta velocità - alta capacità si è di fronte ad un progetto di investimenti di notevoli proporzioni sul quale, peraltro, rinnova la propria richiesta di verifica dei piani finanziari. Sempre in ordine a tale argomento, dunque, bisognerebbe comprendere se il criterio della redditività potrebbe essere diversificato a seconda della tratta e soprattutto avere un chiarimento anche su quelle tratte già approvate e cantierizzate, ma non ancora finanziate. In relazione agli annunci di recente fatti sulla realizzazione del ponte sullo Stretto di Messina, chiede al professor Monorchio una valutazione in merito a questa operazione che egli, nella precedente seduta, aveva collocato tra quegli investimenti aventi una incerta redditività. Inoltre, dovrebbe essere data una parola definitiva anche sulla ventilata partecipazione azionaria di Infrastrutture S.p.A. nel capitale Fiat. <br>Osservazioni e quesiti dei Commissari
    0:28 Durata: 2 min 59 sec
  • Andrea Monorchio - Presidente

    <br>
    0:30 Durata: 3 min 35 sec
  • Mauro Fabris (Misto-Udeur) - Presidente

    Il senatore Fabris ritiene che il meccanismo introdotto dall'articolo 75 della legge finanziaria per il 2003 di fatto si risolva in una precondizione per la creazione di un futuro debito pubblico, considerando gli scarsi ritorni economici dell'operazione alta velocità - alta capacità, mentre al contrario bisogna prendere atto che si è rivelato un falso problema quello inerente le possibili interferenze tra Patrimonio S.p.A. e Infrastrutture S.p.A.<p>Il presidente Grillo, in relazione all'ultima affermazione fatta dal senatore Fabris, precisa che il dubbio di una possibile interferenza tra le due società istituite dal decreto legge n. 63 del 2002 nasceva dall'ipotesi che lo Stato garantisse i titoli attraverso i beni, oggetto di valorizzazione da parte di Patrimonio S.p.A. Ora, grazie ai chiarimenti forniti dal professor Monorchio, queste preoccupazioni sembrano essere definitivamente superate. Tuttavia, rimane il problema aperto delle possibili ricadute sul debito pubblico delle iniziative come quelle previste nell'ultima legge finanziaria dal momento che non si esclude l'attivazione delle garanzie statali allorchè i flussi di ricavi attesi siano insufficienti: sembrerebbe, quindi, che questa garanzia offerta dallo Stato abbia carattere sussidiario e non primario. <br>
    0:34 Durata: 7 min 4 sec
  • Oratori vari - Anna Donati (Verdi-U)

    <br>
    0:41 Durata: 4 min 58 sec
  • Massimo Brutti (DS-U)

    Il senatore Paolo Brutti chiede preliminarmente se sia da escludere che nell'operazione di finanziamento dell'alta velocità possano in futuro intervenire anche altri investitori che si accollerebbero in tal modo parte del rischio che potrebbe essere addossato a carico dello Stato. Inoltre, ciò che preoccupa è che, considerate le tariffe e il volume di passeggeri, gli attuali flussi di cassa delle Ferrovie non siano sufficienti neppure al finanziamento ordinario. In relazione alle problematiche sollevate dalla realizzazione del ponte sullo Stretto di Messina, chiede se sono attualmente esistenti ipotesi di finanza di progetto o di altre tecniche di finanziamento che escluderebbero qualsiasi coinvolgimento del capitale pubblico, come asserito dal Presidente del Consiglio e dal Ministro delle infrastrutture. <br>
    0:46 Durata: 3 min 35 sec
  • Angelo Maria Cicolani (FI)

    Il senatore Cicolani osserva che sulla base delle considerazioni che stanno emergendo sta prendendo finalmente corpo il progetto di rilancio delle infrastrutture, anche in virtù di un dato molto importante che sarebbe originato proprio dal sistema ideato dall'articolo 75 della legge finanziaria per il 2003; infatti, l'allungamento della concessione potrebbe permettere alle Ferrovie dello Stato di autofinanziare l'intera operazione, senza alcuna ricaduta sul debito pubblico. In tal modo, verrebbero a liberarsi risorse di ammontare pari a circa trentamila miliardi delle vecchie lire che rappresenterebbero un risparmio consistente sull'ammontare complessivo di centoventimila miliardi di vecchie lire indicato nella delibera CIPE per il rilancio delle infrastrutture nel prossimo decennio. <br>
    0:50 Durata: 5 min 34 sec
  • Presidente

    Il presidente Grillo, ad integrazione di quanto appena affermato dal senatore Cicolani, fa presente che comunque accanto a coloro che sostengono che fin da ora il finanziamento dell'alta velocità - alta capacità di cui all'articolo 75 della citata legge finanziaria sia in grado di liberare preziose risorse, sussiste comunque l'orientamento di coloro che sollevano dubbi sul buon esito di questa operazione che potrebbe concorrere alla formazione futura di debito pubblico. <br>
    0:55 Durata: 3 min 4 sec
  • Oratore non annunciato

    Il senatore Menardi chiede quale potere effettivo abbia Infrastrutture S.p.A. di esaminare concretamente la redditività dei progetti che le sono sottoposti, soprattutto con riferimento ai tempi di recupero del capitale investito. Infatti, bisogna sempre tener conto della autonomia tra costi di gestione e costi di investimento: in ordine al finanziamento del sistema alta velocità - alta capacità si potrebbe quindi correre il rischio che le Ferrovie, cercando di risolvere i problemi di tipo gestionale, vadano ad incidere inevitabilmente sui programmi di investimento. <br>
    0:58 Durata: 2 min 47 sec
  • Francesco Chirilli (FI) - Replica di Andrea Monorchio

    Il senatore Chirilli osserva che se è vero che la garanzia dello Stato interviene allorchè i flussi di ricavo siano insufficienti, si può anche sostenere che la stessa garanzia potrebbe essere recuperata in futuro se quegli stessi flussi di cassa aumenteranno.<p>Il professor Monorchio, sintetizzando alcune delle richieste di chiarimento avanzate dai senatori intervenuti, precisa che in relazione al finanziamento del ponte sullo Stretto di Messina vada rimarcata la differenza tra quelle iniziative che vengono imposte ex lege e quelle che invece sono ordinarie e che vedono la responsabilità del consiglio di amministrazione di Infrastrutture S.p.A. Pertanto, soltanto qualora vi fosse una precisa indicazione di legge, Infrastrutture S.p.A. potrà eventualmente, previo esame dei profili di copertura finanziaria, intervenire anche con riferimento a questa opera. In ordine poi ad un presunto interessamento della società ai piani finanziari che coinvolgono la Fiat, conferma il comunicato di smentita apparso negli organi di stampa di recente. Ritiene inoltre che non sia da escludere un possibile intervento anche di altri azionisti ed investitori nel progetto di finanziamento dell'alta velocità - alta capacità anche se tale situazione dovrà essere vagliata più che da Infrastrutture S.p.A. dalla società Ferrovie dello Stato S.p.A. Infine, sul pericolo che si possa in futuro creare debito pubblico, per effetto dell'operazione introdotta dall'articolo 75 della legge finanziaria per il 2003, resta chiaro che soltanto nel caso in cui non vi sia il ritorno economico atteso potrà configurarsi l'intervento a carico dello Stato.<p>Il presidente Grillo, dopo avere ringraziato il professor Monorchio per il contributo dato ai lavori della Commissione, dichiara chiusa l'audizione e rinvia quindi il seguito dell'indagine conoscitiva.<br>La seduta termina alle 16h00. <br>
    1:01 Durata: 11 min 35 sec