26 FEB 2003

Vigilanza Rai: Discussione sulla situazione generale della RAI

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 30 min 23 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Discussione sulla situazione generale della RAI ed esame di eventuali risoluzioni. .

Registrazione audio di "Vigilanza Rai: Discussione sulla situazione generale della RAI", registrato mercoledì 26 febbraio 2003 alle 00:00.

La registrazione audio ha una durata di 30 minuti.
  • Presidente

    Il presidente Petruccioli ricorda che nella seduta di ieri si era conclusa la discussione generale sulle due identiche risoluzioni recanti la proposta ai Presidente delle Camere di revocare il Consiglio di amministrazione, presentate rispettivamente dai rappresentanti dei gruppi di opposizione e dai commissari Butti e Iervolino, con l'intesa di svolgere nella seduta di oggi le dichiarazioni di voto e la votazione finale sempre che non fossero nel frattempo intervenute le dimissioni del presidente Baldassarre e del consigliere Albertoni. <br>Dopo che numerose agenzie di stampa avevano preannunciato la presentazione ai Presidenti delle Camere di un documento del presidente Baldassarre e del consigliere Albertoni avente ad oggetto le loro dimissioni, alle 12,57 è comparsa una notizia di stampa recante anticipazioni sul testo inviato ai Presidenti delle Camere dai superstiti Consiglieri di amministrazione tali da far ritenere che non si trattasse propriamente di dimissioni, ma solo di un impegno a presentarle in futuro.<br>Pertanto egli ha immediatamente scritto ai presidenti Pera e Casini chiedendo loro di fargli al più presto conoscere, ai fini soprattutto di dare un corretto esito procedurale alla seduta di oggi, sia il testo del telegramma inviato dai Consiglieri di amministrazione della RAI, sia le loro conseguenti determinazioni.<br>Alla sua richiesta ha risposto dapprima il presidente Pera con la seguente comunicazione: «onorevole Presidente, facendo seguito alla sua lettera in data odierna, la informo di aver ricevuto nella mattinata l'allegato telegramma inviato a me e al Presidente della Camera dei deputati», e quindi il presidente Casini con la seguente lettera: «caro Presidente, in relazione alla sua lettera in data odierna, le faccio presente che il Segretario generale della Camera dei deputati mi ha rimesso un fax a lui inviato oggi dalla struttura di staff del Presidente della RAI, con il quale si anticipa un telegramma urgente indirizzato ai Presidente delle Camere dal prof. Antonio Baldassarre e dal prof. Adalberto Albertoni, componenti del Consiglio di amministrazione della RAI.<br>Nel documento i firmatari fanno riferimento ad attività istituzionali della Commissione parlamentare di vigilanza sulla RAI in corso di svolgimento in questi giorni, ed esprimono una manifestazione di intenti, peraltro condizionata, in ordine alle loro dimissioni dalla carica di Consiglieri di amministrazione.<br>Le invio copia di tale atto, in merito al quale ritengo improprio aggiungere ogni altra considerazione».<br>Nell'allegato telegramma il prof. Baldassarre e il prof. Albertoni comunicano di aver «appreso da pubbliche notizie che... sono in corso due formali iniziative parlamentari rivolte a porre in discussione nella Commissione parlamentare di vigilanza l'attuale ristretta composizione del C.d.A. della RAI. Tali iniziative parlamentari se numericamente sommate manifestano già un orientamento di sfiducia secondo i requisiti previsti dalla legge nei nostri confronti con le conseguenze che sono note alle SS.VV.Ill.me. Preso pertanto atto di questo fatto nuovo vi comunichiamo ad ogni effetto che ci dimetteremo dalla carica di Consiglieri della RAI non appena le SS.VV.Ill.me ci comunicheranno di avere raggiunto di concerto un'intesa definita in ordine alla nomina del nuovo Consiglio di amministrazione della RAI... al fine di assicurare in attesa della nomina del nuovo C.d.A. della RAI una necessaria continuità di guida e di azione affinché l'azienda e il servizio pubblico non abbiano a subire danni o svantaggi... ».<br>Il presidente Petruccioli rileva che il presidente Baldassarre e il consigliere Albertoni non sembrano esattamente informati sull'esito del dibattito in corso, che non è una discussione sull'attuale ristretta composizione del Consiglio di amministrazione della RAI, ma la proposta ai Presidenti delle due Camere di revocare il mandato ai Consiglieri stessi; egli ritiene quindi - confortato in questo anche dal fatto che nelle loro lettere di comunicazione del telegramma stesso i Presidenti delle due Camere non abbiano fatto cenno a loro successive determinazioni - che il telegramma non rechi dimissioni formali e giuridicamente valide, quali ci si sarebbe potuti aspettare dopo la presa d'atto della presentazione in Commissione di proposte di revoca appoggiate dai gruppi parlamentari i cui rappresentanti raggiungono i due terzi della Commissione stessa.<br>In realtà il telegramma stesso reca semplicemente un impegno a presentare le proprie dimissioni non appena i Presidente delle Camere avranno fatto conoscere la composizione del nuovo Consiglio di amministrazione.<br>Si tratta a suo parere di una formulazione giuridicamente problematica e politicamente inaccettabile. Appare infatti incredibile che i Consiglieri di amministrazione presentino ai Presidenti delle Camere che li nominano dimissioni sottoposte a condizione, tanto più se questa condizione è formulata in termini tali da far ritenere che si voglia attribuire ai Presidenti un obbligo a comunicare ai dimissionari i nomi dei successori. In realtà però è quanto mai dubbio che i Presidenti possano effettivamente procedere alla nomina di un nuovo Consiglio - e non semplicemente al reintegro dei tre Consiglieri che hanno già presentato le loro dimissioni - a fronte di due Consiglieri non revocati né dimissionari.<br>Il presidente Petruccioli ritiene quindi che, al di là delle ragioni illustrate dai presentatori delle due risoluzioni a sostegno della proposta di revoca - ragioni sulle quali non si esprime - questo telegramma determina le condizioni perché un voto della Commissione a favore della proposta di revoca diventa addirittura indispensabile, se si vuol evitare di causare un problema istituzionale quasi inestricabile. <br>Indice degli interventi <br>La seduta comincia alle 14h20<br>Presidenza del Presidente <strong>Claudio Petruccioli</strong>, indi del Vice Presidente <strong>Davide Caparini</strong>
    0:00 Durata: 11 min 40 sec
  • Mario Landolfi (AN), sull'ordine dei lavori

    Il deputato Landolfi ritiene che il telegramma inviato dai Consiglieri di amministrazione della RAI ai Presidenti delle Camere rappresenti un fatto nuovo, peraltro di difficile interpretazione e valutazione. Egli chiede quindi al presidente Petruccioli di sospendere la seduta per un congruo periodo, non meno di tre ore, per dar modo anche ai Presidenti delle Camere di chiarire la portata dell'iniziativa del prof. Baldassarre e del prof. Albertoni, dando così modo alla Commissione di procedere al voto con piena consapevolezza dei dati di fatto. <br>
    0:11 Durata: 3 min 7 sec
  • Alfonso Pecoraro Scanio (Misto-Verdi-U)

    Il deputato Pecoraro Scanio concorda con il Presidente sul fatto che il telegramma del presidente Baldassarre e del consigliere Albertoni, il cui contenuto appare insultante nei confronti del Parlamento e in particolare dei suoi Presidenti e di questa Commissione, abbia reso se possibile ancor più necessaria la votazione della proposta di revoca. <br>Egli peraltro non ha alcuna difficoltà ad accedere alla richiesta di sospensione della seduta, sempre che l'organizzazione dei lavori delle Assemblee della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica consenta alla Commissione di riunirsi nel pomeriggio per procedere alla votazione. <br>
    0:14 Durata: 2 min 33 sec
  • Ottaviano Del Turco (Misto-SDI)

    Concorda il senatore Del Turco, il quale raccomanda peraltro di acquisire preventivamente l'assenso dei Presidenti delle Assemblee a consentire la riunione della Commissione. <br>
    0:17 Durata: 1 min 8 sec
  • Presidente

    Il vice presidente Caparini assume la presidenza per consentire al presidente Petruccioli di prendere contatto con i Presidenti della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica al fine di organizzare il prosieguo dei lavori della Commissione. <br>
    0:18 Durata: 26 sec
  • Antonio Falomi (DS-U)

    Il senatore Falomi dichiara che il gruppo dei Democratici di sinistra non ha alcuna difficoltà ad accogliere la richiesta di una sospensione di tre ore della Commissione. <br>Tuttavia egli ritiene che l'unico vantaggio di tale sospensione possa essere quello di consentire che nuove e questa volta univoche dimissioni possano rendere superfluo il voto, dal momento che l'interpretazione del telegramma del presidente Baldassarre e del consigliere Albertoni non sembra discutibile: si tratta di un mero preannuncio di future dimissioni condizionato ad un atto dei Presidenti di cui invece le dimissioni dovrebbero essere il logico presupposto. <br>
    0:18 Durata: 2 min 50 sec
  • Paolo Gentiloni Silveri (MARGH-U)

    Il deputato Gentiloni Silveri, nel condividere le dichiarazioni del Presidente e le considerazioni dei colleghi Pecoraro Scanio e Falomi, dichiara che il gruppo della Margherita è favorevole alla proposta di rinvio. <br>
    0:21 Durata: 17 sec
  • Ignazio La Russa (AN)

    Il deputato La Russa, nell'esprimersi favorevolmente alla proposta del deputato Landolfi, ritiene che ci si debba attendere non tanto una nuova lettera di dimissioni da parte dei Consiglieri di amministrazione della RAI, anche perché il senso del loro telegramma - pur certamente non rituale, poco chiaro e irriguardoso - è peraltro univoco nel senso di prefigurare le loro dimissioni; appare auspicabile piuttosto un intervento dei Presidenti delle Camere diretto a risolvere nel modo migliore la confusa situazione che si è venuta a creare, ad esempio determinando in tempi brevissimi le condizioni per avere un nuovo Consiglio di amministrazione. <br>Il presidente Petruccioli riassume la presidenza. <br>
    0:21 Durata: 2 min 38 sec
  • Maurizio Bertucci (FI)

    Il deputato Bertucci e il senatore Pedrazzini esprimono il parere favorevole rispettivamente di Forza Italia e di Lega Nord ad una proposta di sospensione che potrà consentire ai Presidenti delle Camere di creare le condizioni che consentano di risolvere in modo migliore la crisi dei vertici della RAI. <br>
    0:24 Durata: 55 sec
  • Celestino Pedrazzini (LP)

    <br>
    0:25 Durata: 21 sec
  • Antonio Iervolino (UDC:CCD-CDU-DE)

    Il senatore Iervolino condivide le valutazioni negative da più parti espresse verso un telegramma che rappresenta un inaccettabile tentativo di condizionare la volontà dei Presidenti delle Camere. <br>L'Unione democristiana e di centro è peraltro pienamente d'accordo con la proposta di sospensione diretta a favorire una soddisfacente chiusura di questa triste pagina della storia della RAI. <br>
    0:25 Durata: 1 min 2 sec
  • Francesco Giordano (RC)

    Il deputato Giordano nell'annunciare il suo parere favorevole alla proposta di sospendere la seduta ritiene peraltro che tale sospensione non possa avere altro significato che quello di consentire al prof. Baldassarre e al prof. Albertoni di tornare sui loro passi e presentare con chiarezza dimissioni ad effetto immediato. <br>Appare infatti a suo parere del tutto infondata l'idea che un intervento dei Presidenti delle Camere possa in alcun modo risolvere la situazione in assenza o di chiare dimissioni o di una revoca dei Consiglieri effettuata secondo le modalità previste dalla legge. <br>
    0:26 Durata: 2 min 2 sec
  • Mauro Betta (Aut)

    Il senatore Betta si esprime a favore della sospensione della seduta e del rinvio della votazione finale, augurandosi che possa essere trovata una soluzione che esima la Commissione dalla necessità di votare una esplicita proposta di revoca. <br>
    0:28 Durata: 12 sec
  • Presidente

    Il presidente Petruccioli comunica di aver contattato le Presidenze delle Camere e di aver avuto assicurazione che esse daranno la massima disponibilità per consentire ai membri della Commissione di partecipare alla votazione nel pomeriggio. <br>Sospende quindi la seduta. <br>La seduta, sospesa alle 14h50, riprende alle 17h50.<br>Il presidente Petruccioli comunica che alcune agenzie di stampa hanno dato notizia dell'imminente presentazione ai Presidenti delle Camere di un telegramma di dimissioni da parte del prof. Baldassarre e del prof. Albertoni. Trattandosi evidentemente di un documento che la Commissione deve conoscere per decidere del seguito dei suoi lavori, egli dispone una sospensione per consentirne la trasmissione da parte dei Presidenti delle Camere. <br>La seduta, sospesa alle 17h55, riprende alle 18h30.<br>Il presidente Petruccioli rende noto che i Presidenti delle Camere gli hanno trasmesso il seguente telegramma loro inviato dal prof. Baldassarre e dal prof. Albertoni: «Con riferimento alla precorsa corrispondenza confermiamo che la stessa configurava un preciso impegno di galantuomini a presentare le nostre dimissioni dal C.d.A. Con il presente telegramma ribadiamo nostra precisa volontà di dimetterci con effetto immediato». <br>Il presidente Petruccioli osserva che, rivestendo tale telegramma il carattere inequivocabile di un annuncio di dimissioni, viene meno il presupposto per il voto della Commissione sulle risoluzioni recanti proposte di revoca del Consiglio di amministrazione.<br>Egli ritiene inoltre che la Commissione debba a questo punto dare una testimonianza di rispetto nei confronti del Presidente della Camera dei deputati e del Presidente del Senato della Repubblica, cui spetta ora la nomina del nuovo Consiglio di amministrazione, evitando di aprire dibattiti e polemiche su anticipazioni più o meno fondate circa la composizione del nuovo Consiglio di amministrazione, polemiche peraltro che hanno già avuto modo di manifestarsi oggi legittimamente sia nell'Assemblea della Camera dei deputati che in quella del Senato della Repubblica.<br>Il Presidente conclude ringraziando tutti i gruppi per la serietà, il senso di responsabilità ed anche la fermezza che hanno manifestato nel collaborare alla soluzione di questa vicenda. <br>La seduta termina alle 18h40. <br>
    0:29 Durata: 1 min 12 sec