24 SET 2003

Capezzone: Il punto sulla giornata politica del 24 settembre 2003

[NON DEFINITO] | di Daniele Capezzone - 00:00 Durata: 1 ora 37 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Roma, 24 settembre 2003 - Appuntamento serale con il punto sulla giornata politica di Daniele Capezzone, segretario di Radicali Italiani.

Tema centrale di questa puntata è la moratoria universale della pena di morte, se ne parla con Sergio D'Elia, segretario di Nessuno tocchi Caino.

Per domani, alle ore 9 davanti a Palazzo Madama, Nessuno tocchi Caino, con il PRT e Radicali Italiani, ha convocato un sit-in di sostegno di una mozione, depositata al Senato da oltre 30 senatori appartenenti a diversi gruppi politici, che impegna il governo italiano a portare quest'anno all'Onu la proposta di una
moratoria universale delle esecuzioni capitali.

Domani mattina la conferenza dei capigruppo deciderà di calendarizzare questo testo e, si auspica, di votarlo entro la giornata, ultima utile prima del 29 settembre, quando a Bruxelles si riuniranno i ministri degli Esteri dell'Unione europea.

In questa riunione il presidente di turno, Franco Frattini, riproporrà ai partners europei la proposta della presentazione di una risoluzione sulla moratoria delle esecuzioni all'Assemblea generale delle Nazioni unite in corso.

L'Unione europea non è totalmente d'accordo con questa proposta e si rischia una situazione di stallo; è importante pertanto che il governo italiano prenda l'iniziativa, l'Unione europea poi difficilmente non seguirà l'Italia.

Sergio D'Elia ripercorre l'iter della moratoria sulle esecuzioni capitali, cominciando dall'incontro dell'ex governatore dell'Illinos George Ryan con il vicepresidente del Consiglio Gianfranco Fini, per finire con l'iniziale no dell'Europa, con argomentazioni inconfessate ed inconfessabili, e la successiva richiesta del Parlamento europeo alla presidenza italiana di presentare la proposta all'Assemblea generale dell'ONU.

L'estate, grazie anche all'attività diplomatica di Nessuno di tocchi Caino di Non c'è pace senza giustizia e delle missioni radicali, ha visto il crescere del favore all'idea ed al progetto della moratoria ed un rafforzamento delle posizioni di paesi già favorevoli o addirittura un cambiamento di posizioni di altri stati non favorevoli.

Cosa del tutto clamorosa è la decisione di Ryan, non abolizionista e repubblicano, di venire in Europa a sostenere la proposta italiana di moratoria delle esecuzioni capitali, inisieme a Leroy Orange, un ex condannato a morte.

D'Elia auspica un successo di quest'iniziativa e un voto positivo alla risoluzione in Assemblea generale dell'Onu, spiega poi che a questa iniziativa Amnesty si oppone perché non rientra nei canoni classici della sua metodologia politica sui diritti umani.

Il rischio che vede è quello che i due fondamentalismi, l'abolizionismo e del ritenzionismo sulla pena di morte, s'incontrino e facciano fallire l'unica iniziativa seria e ragionevole per l'abolizione della pena di morte: quella della moratoria come passaggio intermedio.In collegamento da New York con Marco Perduca, rappresentante all'Onu del PRT, Capezzone tratta dell'avvio dell'Assemblea generale dell'Onu e degli interventi della giornata.

Kofi Annan ha aperto l'assemblea con due appelli: l'auspicio di una radicale riforma dell'organizzazione e l'ammonizione a chi ha delegittimato l'Onu decidendo di agire al di fuori del consiglio di sicurezza.

Il discorso di Lula ha un passaggio importante sul tema della fame nel mondo; Bush, nel suo intervento, afferma che i principi fondatori dell'Onu sono uguali a quelli che hanno fondato gli USA e che solo se tutti gli individui potranno essere liberi, si potrà avere pace.

Bush, secondo Capezzone, ha «allargato lo sguardo e la prospettiva», non focalizzandosi solo sull'Iraq; rimane comunque debole la pars construens, priva di cenni all'OMD.

Di rilievo il fatto presidente USA ricordi in chiusura il forte contributo in denaro dato dagli Stati Uniti all'Onu.

Si arriva quindi a commentare il discorso di Berlusconi, l'unico, insieme a quello di Bush, in cui sono presenti le parole libertà e democrazia, anche se non sono citate la community of democracies e la corte penale internazionale.

Perduca dà infine la notizia della prossima riunione del Convening group.

Conclude la puntata un'intervista di Paolo Martini a Maurizio Turco, europarlamentare radicale, riguardo all'inchiesta aperta dall'Europa contro l'Italia per la libertà d'informazione, che sarebbe a rischio.

leggi tutto

riduci

  • I fatti del giorno

    <br><strong>Indice</strong>
    0:00 Durata: 1 min 5 sec
  • Il sit-in di Nessuno tocchi Caino al Senato

    <br>La moratoria delle esecuzioni capitali<br>Collegamento con Sergio D'Elia
    0:01 Durata: 3 min 38 sec
  • L'iniziativa italiana nella politica dell'Ue

    0:04 Durata: 1 min 25 sec
  • L'iter della moratoria

    0:06 Durata: 3 min 12 sec
  • I risultati del lavoro di NTC e delle missioni radicali

    0:09 Durata: 1 min 49 sec
  • La missione in Europa di George Ryan e Leroy Orange

    0:11 Durata: 1 min 20 sec
  • Il ruolo del governo italiano

    0:12 Durata: 2 min 6 sec
  • Il possibile successo di questa iniziativa all'Onu

    0:14 Durata: 4 min 38 sec
  • Le obiezioni di Amnesty International

    0:19 Durata: 1 min 53 sec
  • Ciò che divide NTC da Amnesty - La moratoria come passaggio intermedio

    0:20 Durata: 2 min 4 sec
  • Il voto di domani al Senato

    0:23 Durata: 1 min 18 sec
  • L'intervento di apertura di Kofi Annan

    <br>L'Assemblea generale dell'Onu<br>Collegamento con Marco Perduca
    0:24 Durata: 3 min 30 sec
  • Il discorso del presidente del Brasile Lula

    0:27 Durata: 1 min 59 sec
  • Il discorso di George W. Bush

    0:29 Durata: 5 min 14 sec
  • Gli altri interventi: la Cina, la Francia e la Germania

    0:34 Durata: 3 min 28 sec
  • Il discorso di Silvio Berlusconi

    0:38 Durata: 2 min 42 sec
  • La riunione del Convening group - La politica estera europea

    0:41 Durata: 4 min 17 sec
  • I fatti del giorno e le iniziative radicali

    0:45 Durata: 2 min 21 sec
  • Maurizio Turco, presidente degli eurodeputati radicali

    <em>realizzata da Paolo Martini</em> <br><strong>L'intervista</strong>
    0:47 Durata: 12 min 38 sec