03 NOV 2003

Notiziario del 3 novembre 2003

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 1 ora 33 min

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Notiziario di lunedì 3 novembre 2003In studio Dino Marafioti.

Puntata di "Notiziario del 3 novembre 2003" di lunedì 3 novembre 2003 .

La registrazione audio di questa puntata ha una durata di 1 ora e 33 minuti.
  • Introduzione di Dino Marafioti

    <br><strong>Indice</strong><p>Si è concluso ieri sera all'hotel Ergife di Roma il secondo congresso di «Radicali Italiani». Il congresso ha approvato la mozione presentata dal segretario uscente Daniele Capezzone, che è poi stato riconfermato. Il nuovo tesoriere è Rita Bernardini. Presidente di Radicali Italiani è Luca Coscioni. Ricordiamo che anche questa volta è stato adottato il procedimento di voto elettronico, utilizzando anche i telefoni cellulari.
    0:00 Durata: 53 sec
  • La rubrica di Luigi De Marchi

    I lavori del congresso si possono trovare sul sito radioradicale.it. Oggi alle 11 potrà anche riascoltare integralmente anche la conversazione settimanale con Marco Pannella, che è disponibile anche in versione audiovideo sul sito di Radio Radicale.
    0:00 Durata: 7 min 2 sec
  • Sintesi dell'intervento di Marco Pannella

    0:00 Durata: 6 min 50 sec
  • Intervento di Emma Bonino

    0:00 Durata: 1 ora 8 min
  • Sintesi dell'intervento di Benedetto Della Vedova

    0:07 Durata: 3 min 55 sec
  • Sintesi dell'intervento di Daniele Capezzone

    0:11 Durata: 4 min 30 sec
  • Conclusioni di Dino Marafioti

    Venerdì 7 novembre scadono i termini per presentare alle Nazioni unite le risoluzioni degli stati interessati ad una moratoria internazionale delle pene capitali. Oggi la Camera discuterà due mozioni che chiedono al governo di proseguire l'impegno in favore della moratoria. Il quotidiano «la Repubblica», però sabato ha anticipato una clamorosa retromarcia da parte dell'Italia. Il ministro degli esteri Frattini -secondo Repubblica- annuncerà che «non ci sono le condizioni». Eppure Berlusconi aveva definito a Strasburgo il 2 luglio scorso la moratoria come una «priorità», e il vicepremier Fini aveva promesso all'ex governatore dell'Illinois Ryan, in visita in Italia, una risoluzione a nome dell'Europa.
    0:16 Durata: 1 min 50 sec