12 NOV 2003

Capezzone: Il punto sulla giornata politica del 12 novembre 2003

[NON DEFINITO] | di Daniele Capezzone - 00:00 Durata: 53 min 21 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Roma, 12 novembre 2003 - Consueto appuntamento con il segretario di Radicali Italiani Daniele Capezzone per fare il punto sugli avvenimenti politici e radicali di oggi.

L'evento che ha segnato la giornata è senza dubbio l'attentato contro il nostro contingente militare a Nassirya, nel quale sono rimasti uccisi 18 militari italiani.

Nel dibattito politico conseguente e nell'immancabile Porta a Porta di questa sera, ciascuno può immaginare quale sia la posizione che manca: quella dei radicali e di Marco Pannella, che sono tornati a chiedersi quale passo si possa fare per dare un senso a queste
morti.

Pannella ripropone la tesi che non ha cessato di sostenere anche dopo la fine delle maggiori operazioni militari: l'esilio di Saddam Hussein, la convenienza di cercare una resa del dittatore, per rendere possibile per l'Iraq l'avvio di una transizione verso la libertà e la democrazia.Oggi è una giornata di rilievo anche sul fronte di Radicali Italiani, c'è stata infatti, secondo quando prevede lo statuto, la nomina da parte del segretario e del tesoriere, Rita Bernardini, dei membri che compongono la nuova Direzione del movimento, di cui Daniele Capezzone fa l'elenco.

E' stata inoltre costituita una Giunta di segreteria e di tesoreria, che deve coadiuvare il segretario ed il tesoriere nel lavoro di attuazione della mozione approvata.

Riguardo alle ragioni della presenza di Benedetto Della Vedova nella direzione, Capezzone ribadisce che non vi è alcuna contraddizione: «la direzione politica è innanzitutto luogo di discussione politica generale e dibattito, resta tutta l'opinione della fragilità politica e dell'inconsistenza della presunta alternativa proposta da Benedetto, ma Rita ed io abbiamo ritenuto opportuno ascoltare la sua opinione».

Segue il collegamento con Matteo Mecacci, che si appresta ad andare in Romania, dove si terrà una Conferenza regionale della comunità delle democrazie, organizzata dal ministero degli esteri rumeno in collaborazione con l'UNDP, che riguarderà in particolare il centro e l'est dell'Europa,.

Questa conferenza s'inserisce nell'ambito delle iniziative adottate a Seul dalla Community of democracies nel novembre dell'anno scorso, dove i radicali erano presenti con una delegazione guidata da Emma Bonino.

L'iniziativa della Community of Democracies mira a riunire quei paesi che, sulla base di criteri relativi al rispetto di principi liberali e democratici, nell'ambito della comunità internazionale possono essere considerati delle democrazie.

Gianfranco Dell'Alba e Matteo Mecacci prenderanno parte all'evento a nome del PRT.

Questa sarà un'occasione di confronto pubblico e sarà utile per valutare se su questo fronte si possano fare dei passi in avanti.

E' anche un'opportunità per instaurare una relazione politica con la Romania, paese che cerca di mantenere vivi i richiami a principi democratici, dopo la passata esperienza di un regime oppressivo.

Negli Stati Uniti in questi ultimi mesi - nota Mecacci - c'è stata una convergenza, sia da parte dei repubblicani che dei democratici, verso il recupero dell'iniziativa riguardante la comunità delle democrazie e di una concezione che non abbandona il principio della cooperazione tra i paesi per affrontare le tematiche più rilevanti della politica internazionale, come il terrorismo, ma pone delle condizioni affinché il dialogo sia costruttivo e non si risolva in un confronto tra posizioni irraggiungibili che hanno come compromesso possibile solo il nulla di fatto.

Il sottosegretario USA che si occupa delle Nazioni unite ha inoltre tratteggiato un progetto di riforma dell'Onu che coincide con quanto Marco Pannella ed Emma Bonino dicono da anni e si basa sul giudizio del valore che i paesi che vogliono aderire a quest'organismo danno ai principi democratici.

Mentre in Europa il dibattito su questi temi langue o è inesistente - conclude Mecacci - dall'altra parte dell'oceano su questi temi i radicali trovano degli interlocutori.

Capezzone, in chiusura, ricorda l'appuntamento organizzato per il 13 e 14 novembre prossimi a Bruxelles dagli eurodeputati radicali sulla riforma dell'Unione europea e la convenzione intitolato «La riforma dell'Unione Europea.

Dal progetto di Altiero Spinelli ai lavori della Conferenza intergovernativa», al quale parteciperà anche Marco Pannella.

leggi tutto

riduci

  • L'attentato a Nassirya e le tesi radicali

    <br><strong>Indice</strong>
    0:00 Durata: 1 min 37 sec
  • I membri della Direzione di Radicali Italiani e della Giunta di segreteria e di tesoreria

    0:01 Durata: 2 min 3 sec
  • Le ragioni della presenza di Benedetto Della Vedova nella direzione

    0:03 Durata: 1 min 23 sec
  • La Conferenza regionale della comunità delle democrazie

    <br>Collegamento con Matteo Mecacci
    0:05 Durata: 2 min 4 sec
  • I partecipanti all'evento ed il ruolo della Romania

    0:07 Durata: 2 min 56 sec
  • L'iniziativa della community of democracies negli USA

    0:10 Durata: 1 min 50 sec
  • Le convergenze tra le iniziative statunitensi e quelle radicali

    0:11 Durata: 3 min 43 sec
  • L'appuntamento sulla convenzione europea organizzato dai MEP radicali

    0:15 Durata: 1 min 18 sec
  • Conversazione tra Marco Pannella, Emilio Colombo, senatore a vita, e Massimo Bordin sull'attentato di oggi in Iraq

    <br><strong>I documenti</strong>
    0:16 Durata: 36 min 27 sec