20 NOV 2003

Notiziario del 20 novembre 2003

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 17 min 40 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Notiziario di giovedì 20 novembre 2003In studio Dino Marafioti.

Puntata di "Notiziario del 20 novembre 2003" di giovedì 20 novembre 2003 .

La registrazione audio di questa puntata ha una durata di 17 minuti.
  • Adolfo Urso, vice ministro delle attività produttive (intervista realizzata da Alessio Falconio)

    <br><strong>Indice</strong><p>Continuiamo a parlare dell'ipotesi di <strong>Emma Bonino come inviata speciale del segretario generale dell'Onu in Iraq</strong>. La proposta, lanciata da parlamentari del centrodestra e del centronistra alla luce delle dichiarazioni del segretario di stato americano Colin Powell, che ha detto l'altroieri di auspicare una rapida nomina del sostituto di Sergio Viera de Mello, ucciso in un attentato a Bagdad, continua a raccogliere consensi. Tra l'altro ha detto di sì a questa ipotesi il ministro per gli italiani all'estero Mirko Tremaglia. Sentiamo però un altro esponente del governo, anch'egli di AN: il viceministro con delega al commercio estero Adolfo Urso.
    0:00 Durata: 1 min 18 sec
  • Rocco Buttiglione, ministro per le politiche comunitarie

    0:02 Durata: 40 sec
  • Alfredo Mantica, sottosegretario per gli affari esteri (intervista realizzata da Alessio Falconio)

    0:02 Durata: 2 min 11 sec
  • Cinzia Dato (Mar-DL-U) (intervista realizzata da Claudio Landi)

    0:05 Durata: 1 min 3 sec
  • Lucio Malan (FI) (intervista realizzata da Claudio Landi)

    0:06 Durata: 1 min 38 sec
  • Cesare Salvi (DS-U) (intervista realizzata da Claudio Landi)

    0:07 Durata: 1 min 8 sec
  • Olivier Dupuis, europarlamentare radicale

    Oggi il Parlamento europeo voterà una risoluzione congiunta, firmata dai popolari, dai socialisti, dai liberali, dai verdi e dai comunisti dedicata alle <strong>relazioni tra l'Europa e la Russia</strong>. Il documento, oltre ad esprimere apprezzamento per i risultati definiti positivi dell'ultimo vertice, critica la situazione in Cecenia e la violazione dei diritti umani che avviene in quel paese e critica anche le dichiarazioni del presidente Berlusconi della scorsa settimana. Di questi temi ha parlato ieri Olivier Dupuis, intervenendo nella sessione plenaria a Strasburgo.
    0:09 Durata: 2 min 34 sec
  • Daniel Cohn-Bendit, europarlamentare verde (intervista realizzata da David Carretta)

    0:12 Durata: 1 min 35 sec
  • Marco Cappato, europarlamentare radicale (intervista realizzata da David Carretta)

    Restiamo a Straburgo, perchè è stato votato ieri dal Parlamento europeo <strong>il rapporto Liese</strong>, sui finanziamenti europei alla ricerca, e con un voto a sorpresa, e dopo un dibattito particolarmente vivace, l'assemblea di Straburgo ha dato il via libera all'utilizzo dei fondi comunitari per l'impiego di cellule staminali embrionali per la ricerca. Nel documento in sostanza gli europarlamentari chiedono di rimuovere la moratoria al momento vigente nell'unione, che vietava di utilizzare fondi comunitari per questo tipo di ricerca. Una moratoria voluta anche dall'Italia, che ora il Parlamento chiede di rimuovere con 298 voti a favore contro 235. Respinti gli emendamenti del relatore, che ha chiesto di ritirare il suo nome del testo finale approvato ieri. Soddisfatto il deputato europeo radicale Marco Cappato.
    0:14 Durata: 2 min 11 sec
  • Giuseppe Nisticò, europarlamentare del PPE (intervista realizzata da David Carretta)

    Sentiamo ora uno dei parlamentari del gruppo dei popolari europei, Giuseppe Nisticò di Forza Italia, che si era espresso contro la proposta Cappato. A Nisticò David Carretta ha chiesto quale sarà a questo punto l'atteggiamento del governo italiano, che aveva chiesto la moratoria sulla ricerca sulle cellule staminali embrionali.
    0:17 Durata: 1 min
  • Mario Cavallaro (Mar-DL-U) (intervista realizzata da Claudio Landi)

    Parliamo di <strong>droga</strong> e del disegno di legge Fini che di fatto equipara le droghe leggere a quelle pesanti, e che fissa limiti nella quantità di stupefacenti detenuti, superata la quale c'è sicuramente il carcere. Sentiamo cosa ne dice Mario Cavallaro, senatore della Margherita e membro della commissione giustizia di Palazzo Madama.
    0:18 Durata: 2 min 22 sec