30 NOV 2003

Satellite & dintorni: Il Media Lab Europe, il telelavoro, il nuovo concetto di televisione, i media in Iraq

[NON DEFINITO] | di Emilio Targia - 00:00 Durata: 31 min 41 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Roma, 30 novembre 2003 - Appuntamento settimanale di Radio Radicale sui nuovi scenari della comunicazione a cura di Emilio Targia e con la partecipazione di Edoardo Fleischner, analista e progettista multimediale.

Questa puntata approfondisce i seguenti temi: il Media Lab Europe, che si svolge a Dublino, sulla tecnologia in evoluzione: i media, internet, il digitale e l'interattività; la ricerca sulla televisione interattiva del futuro e le sue caratteristiche; lo studio di nuovi telecomandi a forma di palla da golf con molti effetti speciali ed interattivi; il videogioco dove è necessaria
calma, tranquillità ed autocontrollo per vincere; il Textable movie: un archivio d'immagini che consente, mentre si scrive una storia, di far apparire le immagini appropriate e corrispondenti (oggi per bambini, ma in futuro anche per adulti); i nuovi esperimenti e le nuove ed idee: l'idea di un tavolo col dono dell'«ubiquità»; il telelavoro, che evita il pendolarismo e stimola la produttività e l'efficienza; i dati statistici in Europa e le iniziative del Media Lab Europe; il caso Raiot e Sabina Guzzanti: la tv che, sospesa, si rimaterializza nelle piazze; il nuovo concetto di televisione, un network ad effetto variabile, con vecchi e nuovi media che convivono: un caso di convergenza multimediale e ad assetto variabile, con la combinazione di media vecchi, come il teatro, e nuovi, come internet; la banda larga in futuro: l'abbondanza di banda, che favorirà le network a tempo limitato e ad assetto variabile; la semplicità e l'economicità di possedere un canale televisivo in futuro; le frasi pronunciate da Paolo Rossi ed i concetti di popolo e pubblico; il più alto grado di censura in Inghilterra e la differenza con quella italiana; l'intervista a Lorenzo Bianchi sulla dieta mediatica attuale degli iracheni; i giornali più diffusi in Iraq, la ricerca delle parabole per vedere Al-Jazeera o Al-Arabia; la corsa alla parabola come tentativo di evasione; i negozi molto curati ed abbelliti che vendono le parabole; l'erotismo softcore in Iraq.

leggi tutto

riduci