11 MAR 2004

Notiziario dell'11 marzo 2004

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 25 min 1 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Notiziario di giovedì 11 marzo 2004In studio Dino Marafioti.

Puntata di "Notiziario dell'11 marzo 2004" di giovedì 11 marzo 2004 .

La registrazione audio di questa puntata ha una durata di 25 minuti.
  • Marco Pannella

    <br><strong>Indice</strong><p><strong>Israele</strong>: ieri l'Unione Europea ha diffuso un sondaggio realizzato nel dicembre 2003 che dimostra come una grande maggioranza di cittadini israeliani vuole fortemente che Israele aderisca all'Unione Europea. Il sondaggio dice che l'85 per cento degli israeliani chiede ad Israele di fare la domanda di adesione all'UE. La percentuale di coloro che chiedono ad Israele di realizzare una vera e propria adesione all'Europa è cresciuta rispetto al febbraio dello scorso anno, quando il dato era del 77 per cento. É una conferma clamorosa di quel che Pannella ed i radicali dicono da anni, e che spesso - anche da eminenti uomini politici israeliani - è stato considerato un eccesso idealistico, una idea bella ma non praticabile per le presunte resistenze degli stessi israeliani. Sentiamo cosa ne dice Pannella, che abbiamo intervistato ieri, e che da dopodomani sarà a Gerusalemme.
    0:01 Durata: 3 min 31 sec
  • L'attentato a Madrid

    0:04 Durata: 36 sec
  • Umar Khanbiev, ministro della sanità del governo indipendentista ceceno

    <br><strong>Cecenia</strong>: una vera e propria ondata di arresti e sequestri ha colpito la famiglia di Umar Khambiev, il ministro della sanità del governo indipendentista ceceno, che ha visto trenta tra i suoi familiari sequestrati dalle milizie di Ramzan Kadyrov, figlio del presidente filorusso. Il fratello di Khanbiev - Magomed - è ministro della difesa del governo ceceno, e proprio di quest'ultimo le autorità cecene filorusse hanno annunciato la resa. Nei giorni scorsi il presidente Kadyrov si è anche rivolto direttamente al presidente Mashkadov, invitandolo ad «arrendersi, per il bene suo e del suo popolo». «Non ti resta che arrenderti, scappare o morire», ha detto Kadyrov in una intervista all'agenzia russa interfax. Su quello che sta succedendo in Cecenia, su questi sequestri, sulla dura offensiva delle autorità filorusse di Grozny, ieri Umar Khanbiev ha tenuto una conferenza stampa a Strasburgo insieme ad Olivier Dupuis.
    0:06 Durata: 3 min 50 sec
  • Emma Bonino

    <br>Ricordiamo che sul sito <strong>www.radicalparty.org</strong> e' possibile sottoscrivere e sostenere il piano di pace per un'amministrazione transitoria dell'onu sulla Cecenia. Ieri della Cecenia ha parlato anche Emma Bonino, nel corso di un intervento in sessione plenaria al parlamento europeo.
    0:10 Durata: 3 min 59 sec
  • Daniele Capezzone (intervista di Lorenzo Rendi)

    <br>Ieri il <strong>Parlamento Europeo</strong> ha anche approvato il rapporto sulle carceri del parlamentare europeo radicale Maurizio Turco, in cui si esprimono preoccupazioni per alcuni regimi di detenzione speciale - dal 41 bis in Italia al regimen cerrado spagnolo ai centri temporanei di permanenza per immigrati. Nel rapporto che ha avuto oltre 400 voti a favore, si esprime preoccupazione per le condizioni di detenzioni nell'Unione e si chiede al Consiglio che la carta penitenziaria europea, che è in preparazione, contenga elementi innovativi come il diritto ad una vita affettiva e sessuale e la possibilità per i parlamentari dell'unione di visitare le carceri dell'unione. <p>Intanto prosegue - si concluderà domani - la<strong> missione di Daniele Capezzone negli Stati Uniti</strong>. Martedì Capezzone è stato ospite dell'American Enterprise Institute.
    0:15 Durata: 3 min 52 sec
  • Pasqualina Napoletano, eurodeputata del PSE (intervista di David Carretta)

    <br><strong>Il dialogo Pannella Amato</strong>: in vista della Convention che si terrà tra poco più di due settimane a Roma proseguono le prese di posizione di esponenti del centrosinistra, intellettuali, parlamentari. Sentiamo qual è il commento della deputata europea diessina Pasqualina Napoletano.
    0:20 Durata: 1 min 37 sec
  • Giuseppe Caldarola (DS-U) (intervista di Alessio Falconio)

    <br>Sentiamo ora un deputato diessino: Giuseppe Caldarola
    0:21 Durata: 2 min 38 sec
  • Benito Savo (FI) (intervista di Dino Marafioti)

    <br>Proseguono anche le adesioni all'<strong>appello di giuristi, parlamentari, intellettuali, lanciato la scorsa settimana in una conferenza stampa da Marco Pannella, Emma Bonino e Daniele Capezzone</strong>. L'appello si propone di chiedere alla organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa di avviare un monitoraggio dei prossimi appuntamenti elettorali in Italia. «<em>Il caso dell'Italia, paese occidentale di grande rilievo politico ed economico, che siede -rispettato- nei maggiori consessi internazionali (dall'Unione Europea al Consiglio d'Europa, dal G8 alle Nazioni Unite), è emblematico», dice il documento. L'Italia è infatti da troppi anni, in assoluto, il paese più condannato per violazioni di diritti umani dalla Corte Europea dei Diritti Umani di Strasburgo, con un record ormai largamente superiore ad una condanna al giorno. E, in numerose e gravi circostanze, da decenni, la riduzione delle norme vigenti a puro e semplice richiamo di valore ordinatorio ci appare ben più di un rischio, ponendo le stesse istituzioni della Repubblica nella condizione tecnica di realtà che vivono «fuori-legge», cioè al di fuori del perimetro della legalità</em>».
    0:25 Durata: 4 min 58 sec