18 GIU 2004

Notiziario del 18 giugno 2004

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 23 min 15 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Notiziario di venerdì 18 giugno 2004In studio Dino Marafioti.

Puntata di "Notiziario del 18 giugno 2004" di venerdì 18 giugno 2004 .

La registrazione audio di questa puntata ha una durata di 23 minuti.
  • Comunicato di Luca Coscioni

    <br><strong>Indice</strong><p><strong>Ieri - con un comunicato - Luca Coscioni ha commentato l'esito del voto</strong>, ed ha rilanciato la battaglia per la raccolta di firme sul referendum sulla procreazione assistita. «La barca radicale ha resistito al mare forza nove», dice tra l'altro il presidente di radicali italiani, commentando il risultato del 13 giugno. Sentiamolo
    0:00 Durata: 2 min 45 sec
  • Gianni Vernetti (MARGH-U) (intervista di Alessio Falconio)

    <br><strong>Al parlamento europeo nasce un nuovo gruppo ed un nuovo partito</strong>, il partito democratico europeo. Si propone - secondo i suoi promotori, Francois Bayrou e Francesco Rutelli - di «riprendere la bandiera di chi crede fermamente nell'Europa». Il nuovo gruppo parlamentare metterà insieme gli italiani della Margherita, i liberal democratici della Gran Bretagna e i parlamentari dell'Udf di Bayrou. Marco Pannella ed Emma Bonino hanno fatto sapere nei giorni scorsi di essere pronti «fin d'ora» a «partecipare a questa impresa». La prospettiva della costituzione di un nuovo gruppo parlamentare, di chiara impronta europeista e federalista, ci trova naturalmente ed immediatamente favorevoli, hanno aggiunto i due. Su questo gruppo e sulle cose dette dai radicali Alessio Falconio ha intervistato il deputato della Margherita Gianni Vernetti - sentiamolo.
    0:04 Durata: 3 min 23 sec
  • Antonio Di Pietro (Misto-IdV-DP) (intervista di Alessio Falconio)

    0:07 Durata: 4 min 12 sec
  • Christian Rocca, giornalista de Il Foglio (intervista di Roberto Spagnoli)

    <br>Come sapete <strong>la casa bianca ha deciso di dire no all'appello di una cinquantina di senatori </strong>- democratici e di repubblicani -<strong> e di Nancy Reagan perché il presidente Bush ammorbidisse i rigidi limiti sulla ricerca sulle cellule staminali</strong>. Bush ha infatti limitato - fin dall'inizio del suo mandato - i finanziamenti pubblici a questo settore della ricerca, e la richiesta di eliminare queste restrizioni gli era stata ribadita pochi giorni prima della morte di Reagan, che soffriva del morbo di Alzheimer, una delle molte malattie degenerative che potrebbero essere curate dalle cellule staminali. Su questo dibattito negli usa abbiamo intervistato Christian Rocca, giornalista del foglio e grande conoscitore del dibattito politico americano. Sentiamolo, al microfono di Roberto Spagnoli.
    0:12 Durata: 4 min 42 sec
  • Stefano Silvestri, esperto di politica internazionale, presidente dell'istituto affari internazionali (intervista di Giovanna Reanda)

    <br><strong>Parliamo dell'attività della commissione che negli Usa sta indagando sull'attacco alle torri gemelle dell'11 settembre</strong>, dei limiti e degli errori dell'intelligence e della amministrazione. La commissione afferma che le prove di un collegamento tra l'Iraq ed Al Qaeda - più volte ribadite dall'amministrazione Bush per sottolineare la necessità di attaccare Saddam Hussein - non si sono dimostrate sufficienti. E' vero che Al Qaeda cercò di stabilire contatti, ma è anche vero che Bagdad li rifiutò, dice la commissione. Su questo Giovanna Reanda ha intervistato il professor Stefano Silvestri, esperto di politica internazionale, presidente dell'istituto affari internazionali--sentiamolo
    0:18 Durata: 2 min 25 sec
  • La rubrica del professor Luigi De Marchi

    <br>
    0:20 Durata: 5 min 48 sec