21 LUG 2004

Notiziario del 21 luglio 2004

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 17 min 11 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Notiziario di mercoledì 21 luglio 2004In studio Giovanna Reanda.

Puntata di "Notiziario del 21 luglio 2004" di mercoledì 21 luglio 2004 .

La registrazione audio di questa puntata ha una durata di 17 minuti.
  • Domande del giornalista del TG1 a Rita Bernardini e Daniele Capezzone

    <br><strong>Indice</strong><p><strong>Prosegue la raccolta di firme per il referendum che si propone di abrogare la legge sulla fecondazione assistita.</strong> Dalla mezzanotte del 15 luglio, da oltre 150 ore - insomma da una settimana - la tesoriera di Radicali Italiani Rita Bernardini insieme al segretario Daniele Capezzone hanno iniziato uno sciopero della fame, perché sia consentito ai cittadini di conoscere, di formarsi una opinione sulla legge sulla fecondazione assistita, votata dal parlamento alcuni mesi fa, e sul referendum che si propone di abrogarla. Ricordiamo che questo sciopero della fame è stato preceduto da una lettera aperta indirizzata a direttori di TG pubblici e privati, all'Autorità di garanzia nelle comunicazioni, alla Commissione di Vigilanza Rai, al Cda e al direttore generale dell'ente radiotelevisivo di Stato. Oggi si riunirà anche l'ufficio di presidenza della Vigilanza, e per questo ieri i radicali hanno organizzato una iniziativa davanti a Palazzo San Macuto. Daniele Capezzone e Rita Bernardini si sono presentati imbavagliati davanti ai giornalisti, per quella che hanno definito in una lettera «conferenza stampa silenziosa», silenziosa non solo per il bavaglio ma «per quanto è stato messo in campo dalla Rai, da Mediaset, dalla cosiddetta libera stampa italiana, per silenziare i diritti e le libertà dei cittadini italiani». Sentiamo il tentativo da parte del cronista del TG1 di documentare questa iniziativa, con le domande a Capezzone e Bernardini
    0:01 Durata: 38 sec
  • Antonio Falomi (Misto) (intervista di Claudio Landi)

    <br>Torneremo a fare il punto sui tavoli di raccolta firme e sui prossimi referendum days oggi pomeriggio, dalle 14 30 alle 15. <strong>Ieri, dunque, il presidente della Commissione di Vigilanza Rai Claudio Petruccioli ha deciso di rinviare alla giornata di oggi la riunione dell'ufficio di presidenza.</strong> la ragione invocata era il voto in concomitanza, in aula, sulle pregiudiziali di costituzionalità sulla delega alla riforma pensionistica. Poi però Petruccioli ha fatto sapere di aver inviato una lettera al direttore generale della Rai. Scrive il presidente della Vigilanza: «Visti i dati relativi all'informazione nelle trasmissioni di approfondimento e nei telegiornali, constato che l'attenzione riservata da parte del servizio pubblico radiotelevisivo e' stata fino ad oggi pressoché nulla. Non Le chiedo di promuovere campagne per la raccolta delle firme, né di fare propaganda ai referendum. Le chiedo, invece, di trovare spazio adeguato nei programmi RAI per trattare, in armonia con i principi del pluralismo e del contraddittorio un tema di tanta importanza». Petruccioli ha aggiunto: «da più parti, mi giungono segnalazioni, proteste, richieste che convergono nel sollecitare, da parte del servizio pubblico radiotelevisivo, una attenzione e una informazione maggiori sul tema della procreazione medicalmente assistita, oggetto della legge 40/2004 approvata nel febbraio scorso». «Come Lei sa, e come risulta dalla lettura dei più diversi organi di stampa quotidiani e periodici si tratta di un argomento sul quale si concentra il più grande interesse della pubblica opinione e che alimenta dibattiti di grande impegno e ricchi di implicazioni sulle norme della citata legge sono in corso iniziative referendarie, con la raccolta delle relative firme». Poco dopo le agenzie di stampa hanno diffuso una nota proveniente dalla Rai, in cui si dava conto del fatto che il direttore generale Cattaneo stava preparando la risposta alla lettera di Petruccioli. Secondo quella nota Cattaneo avrebbe già dato indicazioni ai direttori di testata affinché diano spazio nella maniera più adeguata a questo tema nelle forme e nei modi che riterranno adeguati. Ma oggi comunque dovrebbe riunirsi l'ufficio di presidenza della Commissione di Vigilanza Rai , rinviato ieri. I radicali saranno davanti ala sede della Commissione di Vigilanza Rai, per una conferenza stampa - e proprio nella giornata di ieri Claudio Landi ha parlato di questo rinvio con il senatore Antonello Falomi, della lista Occhetto Di Pietro
    0:05 Durata: 1 min 23 sec
  • Giuseppe Giulietti (DS-U) (intervista di Alessio Falconio)

    <br>Ha sottoscritto il documento Falomi il deputato dei diesse Giuseppe Giulietti, che ascoltiamo, intervistato da Alessio Falconio
    0:06 Durata: 2 min 1 sec
  • Franco Frattini, ministro degli affari esteri (intervista di Alessio Falconio)

    <br><strong>Oggi è il giorno in cui il consiglio economico e sociale delle nazioni unite deciderà sulla sorte del Partito Radicale Transnazionale e sul suo status di Ong alle Nazioni Unite.</strong> Si dovrebbe votare oggi, infatti, la proposta del governo del Vietnam di espellere i radicali da questo consesso. La colpa dei militanti del Partito Radicale Transnazionale è quella di aver dato la parola a Kok Ksor, leader della fondazione Montagnard, organizzazione che rappresenta i popoli Degar degli altopiani centrali vietnamiti, che subisce la repressione del regime di Hanoi, e che il governo vietnamita considera terrorista. Con il ministro degli esteri Franco Frattini abbiamo parlato dell'impegno del governo italiano - sentiamo Frattini al microfono di Alessio Falconio.
    0:09 Durata: 2 min 30 sec
  • Matteo Mecacci fa il punto sulla situazione

    <br>
    0:11 Durata: 1 min 45 sec
  • David Carretta, in diretta

    <br><strong>Ieri a Strasburgo, nella prima seduta plenaria del nuovo parlamento europeo, è stato eletto il Presidente dell'assemblea.</strong> sentiamo in diretta il nostro corrispondente David Carretta
    0:13 Durata: 2 min 54 sec
  • Emma Bonino (intervista di David Carretta)

    <br>Sentiamo su questo voto, e in particolare sui 208 voti conquistati da Geremek, la valutazione di Emma Bonino, intervistata ieri da David Carretta
    0:16 Durata: 3 min 6 sec
  • Il commento di Iuri Maria Prado

    <br>
    0:19 Durata: 2 min 54 sec