15 SET 2004

Notiziario del 15 settembre 2004

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 22 min 3 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Notiziario di mercoledì 15 settembre 2004In studio Dino Marafioti.

Puntata di "Notiziario del 15 settembre 2004" di mercoledì 15 settembre 2004 .

La registrazione audio di questa puntata ha una durata di 22 minuti.
  • Gianfranco Dell'Alba, segretario di «Non c'è pace senza giustizia», in diretta

    <br><strong>Indice </strong><p><strong>Si apre domani a Nairobi</strong>, organizzata dal governo del Kenya, da Non c'è pace senza giustizia e dall'associazione Of media women in Kenya, insieme all'Aidos e al sostegno della commissione europea, del governo norvegese, della Farnesina, <strong>una conferenza internazionale sulle mutilazioni genitali femminili</strong>. Ad aprire la conferenza saranno il presidente kenyano Kibaki ed Emma Bonino. Sentiamo di cosa si parlerà nei tre giorni di lavoro della conferenza. Ieri a Nairobi si è tenuta una conferenza stampa per presentare la conferenza. Sentiamo in diretta il segretario di Non c'è pace senza giustizia Gianfranco Dell'Alba da Nairobi.
    0:00 Durata: 2 min 26 sec
  • Lanfranco Turci (DS-U) (intervista di Claudio Landi)

    <br><strong>Prosegue la raccolta di firme per i referendum per abrogare la legge sulla procreazione medicalmente assistita</strong>. E' l'ultima settimana, di fatto, per raccogliere le firme. e questa settimana culminerà con un week-end con centinaia di punti di raccolta, di tavoli, per poter arrivare all'obiettivo si superare le cinquecentomila firme. Ieri Lanfranco Turci, senatore diessino e tesoriere del comitato unitario - quello che comprende diversi partiti, e di cui fanno parte anche i radicali - ha ieri fatto un punto di questi ultimi giorni di raccolta firme. Sentiamo Turci .
    0:03 Durata: 2 min 58 sec
  • Alfredo Biondi (FI)

    <br><strong>Ancora ieri la ministra Prestigiacomo ha ribadito che la via parlamentare è da preferire al referendum</strong> per modificare la legge. Alla Prestigiacomo ha risposto ieri il segretario di Radicali Italiani Daniele Capezzone: Alla ministra Prestigiacomo, che pure stimo, voglio dire: basta. Basta con questo festival antireferendario, basta con questa rincorsa affannosa e goffa per impedire che i cittadini, che il popolo sovrano, possano pronunciarsi. E' bene che tutti comprendano che il referendum è una opportunità civile perché il Paese sia unito in grande dibattito e possa esprimersi. Quindi, non c'è «nessun pericolo», nessun evento «da scongiurare»: chi dice questo offende la maturità delle elettrici e degli elettori italiani, e pretenderebbe di trattarli come minorenni da sottoporre alla «patria potestà» delle segreterie di partito. Ancora sulle dichiarazioni della ministra Prestigiacomo sentiamo il vicepresidente della Camera e collega di partito della ministra Alfredo Biondi.
    0:07 Durata: 2 min 59 sec
  • Mario Lettieri (MARGH-U) (intervista di Alessio Falconio)

    <br>Ancora su questo tema Alessio Falconio ha intervistato il parlamentare della Margherita Mario Lettieri. Sentiamolo sulla ipotesi di un accordo tra centrodestra e centrosinistra per evitare il referendum.
    0:11 Durata: 4 min
  • Antonio Di Pietro (Misto-IdV-DP) (intervista di Alessio Falconio)

    <br>Restiamo sul tema della legge come strumento per evitare il referendum: Alessio Falconio ne ha parlato con il leader di Italia dei Valori Antonio Di Pietro
    0:15 Durata: 1 min 5 sec
  • Beatrice Maria Magnolfi (DS-U) (intervista di Alessio Falconio)

    <br>Sul referendum Alessio Falconio ha intervistato la deputata della margherita Beatrice Magnolfi, che ha presentato una proposta di legge sulla firma digitale
    0:16 Durata: 2 min 37 sec
  • Luigi Compagna (UDC) (intervista di Claudio Landi)

    <br><strong>I Radicali -lo ricorderete- non furono invitati a prendere parte al vertice 'bipartisan' dopo il rapimento di Simona Pari e Simona Torretta.</strong> Claudio Landi ha chiesto al senatore Luigi Compagna, liberale iscritto al gruppo di Forza Italia, se non sia stato sottovalutato il possibile contributo dei radicali, impegnati da tempo in iniziative sul Medio Oriente e il mondo arabo
    0:19 Durata: 2 min 40 sec
  • Il commento di Iuri Maria Prado

    <br>
    0:22 Durata: 3 min 18 sec