21 SET 2004

Igiene e Sanità: Comunicazioni del Sottosegretario di Stato per la salute Cursi sull'attività di vigilanza e controllo sul doping e per la tutela della salute nelle attività sportive

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 31 min 33 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Comunicazioni del Sottosegretario di Stato per la salute Cursi, sull'attuazione della legge 14 dicembre 2000, n.

376, e sull'attività di vigilanza e controllo sul doping e per la tutela della salute nelle attività sportive.

Registrazione audio di "Igiene e Sanità: Comunicazioni del Sottosegretario di Stato per la salute Cursi sull'attività di vigilanza e controllo sul doping e per la tutela della salute nelle attività sportive", registrato martedì 21 settembre 2004 alle 00:00.

La registrazione audio ha una durata di 31 minuti.
  • Relazione di Cesare Cursi, sottosegretario per la salute

    Il sottosegretario CURSI mette in evidenza come elemento fondamentale nell’attuazione della legge 14 dicembre 2000, n. 376, sia stata l’istituzione della Commissione per la vigilanza ed il controllo sul doping e per la tutela della salute nelle attività sportive, la cui composizione riflette la scelta di tenere conto di un ampio spettro di competenze e di interessi pubblici. In particolare, risultato fondamentale dell’operato della Commissione è stata la redazione della lista delle sostanze dopanti ed affini, con la quale si delimita in modo netto l’ambito delle sostanze il cui impiego è illecito. Per quanto riguarda gli aspetti finanziari, nota come, in forza di una disposizione contenuta nella legge finanziaria 2004, i fondi destinati alla Commissione, aumentati a 3,5 milioni di euro annui, a decorrere dal 2004 sono posti a carico di un’apposita unità previsionale di base dello Stato di previsione del Ministero della salute, mentre in precedenza era il CONI a dover provvedere al finanziamento della Commissione, operando un trasferimento di risorse assegnate dallo Stato. <br>Il sottosegretario Cursi si sofferma quindi sull’importanza dell’attività della Commissione, in quanto titolare della funzione di controllare e limitare la diffusione del doping, che attualmente preoccupa soprattutto con riferimento agli sport minori ed all’attività sportiva amatoriale in genere. Menziona in particolare l’attività di prevenzione, attuata attraverso il finanziamento di progetti di ricerca elaborati da università ed altri enti, nonché di iniziative volte all’informazione dei cittadini sui danni provocati dall’uso delle sostanze dopanti, attuato con il coinvolgimento di varie associazioni. Rileva inoltre che la disciplina di cui alla legge n. 376, approvata nella scorsa legislatura all’unanimità dalle Camere, è una delle più severe in ambito internazionale e, osservando come il potere pubblico abbia il dovere di difendere la salute dei cittadini, auspica che il modello italiano venga seguito anche dagli altri Stati europei. A questo proposito, ritiene necessario ribadire senza possibilità di equivoci il primato della giustizia ordinaria rispetto alla giustizia sportiva, in quanto è la prima che, deputata ad applicare la legge, può rendere effettiva l’opera di tutela della salute predisposta dallo Stato. <br><strong>Indice degli interventi</strong><br>La seduta comincia alle 15h50<br>Presidenza del presidente <strong> Antonio Tomassini</strong><br>
    0:00 Durata: 16 min 45 sec
  • Giuseppe Mascioni (DS-U)

    Il senatore MASCIONI (DS-U) ricorda che nella scorsa legislatura, nonostante l’unanime approvazione della legge n. 376, alcuni parlamentari criticarono la scelta di prevedere sanzioni penali anche a carico degli atleti colpevoli di utilizzo di sostanze illecite. Il testo approvato e tuttora in vigore è invece da giudicare positivamente e, piuttosto, occorre sapere se effettivamente la magistratura applica le disposizioni penali in essa contenute. Considera infine necessario giungere al più presto, ai fini di una efficace lotta al doping, ad una uniformità normativa in Europa che possa avere alla base i principi che hanno ispirato la legge italiana. <p>Osservazioni e quesiti dei Commissari
    0:16 Durata: 5 min 43 sec
  • Presidente

    Il presidente TOMASSINI, dopo avere espresso apprezzamento per l’impegno profuso dal sottosegretario Cursi nella lotta al doping, osserva che le perplessità ricordate dal senatore Mascioni erano motivate dall’esigenza di non adottare una disciplina eccessivamente severa in carenza di adeguate attività informative rivolte agli atleti. Sottolinea inoltre l’importanza di prevedere la necessaria tutela nei confronti degli sportivi costretti ad assumere preparati considerati illeciti per finalità terapeutiche, specie in vista di un’auspicabile armonizzazione legislativa in Europa. <br>
    0:22 Durata: 3 min 25 sec
  • Replica di Cesare Cursi

    Nel replicare, il sottosegretario CURSI ribadisce la necessità di superare ogni ambiguità nel rapporto tra la giustizia sportiva e la giustizia ordinaria, dato che a quest’ultima sola spetta la repressione dell’uso del doping attraverso l’applicazione delle disposizioni legislative. Sarebbe altresì opportuno evitare che nel mondo dello sport non vi siano casi di esponenti di istituzioni deputate alla repressione di attività illecite posti a capo di organismi nazionali di controllo sulle società, onde evitare confusioni deleterie. Sottolinea infine la previsione di un finanziamento complessivo di 1,5 milioni di euro, per il biennio 2004-2005, volto al sostegno di progetti di ricerca e di informazione, rivolta, quest’ultima, in particolar modo ai giovani, i quali rappresentano la fascia della popolazione più a rischio nei confronti del doping. <p>
    0:25 Durata: 3 min 52 sec
  • Presidente

    Il PRESIDENTE informa i commissari della disponibilità del Ministro della salute ad essere audito la prossima settimana nell’ambito dell’indagine conoscitiva sul tabagismo ed il tumore al seno in Italia. Preannuncia inoltre che, sulla base delle sollecitazioni giunte da componenti della Commissione, inviterà lo stesso Ministro a svolgere altresì comunicazioni in merito alla lotta all’osteoporosi, anche in riferimento al Documento conclusivo dell’indagine conoscitiva su tale patologia, approvato dalla Commissione. <br>
    0:29 Durata: 44 sec
  • Rossana Boldi (LP)

    La senatrice BOLDI (LP) ritiene utile che si possa aprire una riflessione in merito ai risultati dell’indagine conoscitiva sull’osteoporosi, in modo da rispondere ad alcune critiche infondate recentemente comparse sulla stampa a proposito dell’operato della Commissione. <br>La seduta termina alle 16h20. <br>
    0:30 Durata: 1 min 4 sec