19 APR 2005

Notiziario del 19 aprile 2005

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 18 min 52 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Notiziario di martedì 19 aprile 2005In studio Paolo Martini.

Puntata di "Notiziario del 19 aprile 2005" di martedì 19 aprile 2005 .

La registrazione audio di questa puntata ha una durata di 18 minuti.
  • Roberto Calderoli, ministro per le riforme istituzionali e la devoluzione (intervista di Alessio Falconio)

    <br><strong>Indice</strong><p>«<strong>Sogno un Papa che scelga di chiamarsi Giovanni XXIV</strong>», aveva detto questa mattina a Radio Radicale Marco Pannella. E oggi, alle 10.30, partirà da Ponte S.Angelo a Roma, per arrivare a Via della Conciliazione, una manifestazione radicale con questo auspicio. Militanti nonviolenti e gandhiani sfileranno -dunque- con questo augurio, con questo piccolo sogno, e rivolgono a tutti l'invito a partecipare.Su www.radicalparty.org, www.radicali.it e www.lucacoscioni.it è anche possibile aderire a questo auspicio.<p><strong>Rimane aperta la crisi di governo</strong>: ieri, dopo un vertice della Cdl dal quale gli esponenti dell'Udc uscivano ottimisti, la Lega ha fatto sapere di non ritenere opportuno un Berlusconi bis, cioè le dimissioni del premier e un nuovo governo. Secondo la lega infatti occorre procedere a sostituire i ministri dimissionari, sulla base della stessa alleanza che ha vinto le elezioni, e chiedere la fiducia al parlamento senza che il premier si dimetta formalmente davanti al Capo dello Stato. In serata il premier è salito al Quirinale attorno alle 18 30 ed è uscito annunciando di non essersi dimesso e che illustrerà al Parlamento la situazione della maggioranza. - è stato lo stesso premier a dirlo al nostro Alessio Falconio. Il punto della situazione è stato espresso da Roberto Calderoli, intervistato da Alessio Falconio.
    0:01 Durata: 2 min 46 sec
  • Antonio Maccanico (MARGH-U) (intervista di Alessio Falconio)

    <br><strong>Ancora sulla crisi di governo e i possibili sviluppi ieri mattina Alessio Falconio ha intervistato Antonio Maccanico</strong>, che è stato anche segretario generale del Quirinale durante la presidenza Pertini. A lui Falconio ha chiesto se sia necessario un nuovo voto, se sia necessario un voto di fiducia, se Berlusconi si debba dimettere. Sentiamo Maccanico.
    0:04 Durata: 1 min 22 sec
  • Alfonso Pecoraro Scanio (Misto-Verdi-U) (intervista di Alessio Falconio)

    <br><strong>Nei giorni scorsi Marco Pannella aveva affermato</strong>, parodiando in qualche modo le dichiarazioni di intellettuali di sinistra prima della vittoria di Berlusconi, <strong>che se oggi o fra un anno andasse al potere questo centrosinistra prodiano, con questa politica, lui se ne sarebbe andato dall'Italia</strong>. Su questo, su Prodi, sul referendum sulla procreazione assistita, e anche sull'amnistia, ieri abbiamo interpellato il leader dei Verdi Alfonso Pecoraro Scanio.
    0:06 Durata: 5 min 4 sec
  • Lettura del commento di Daniele Capezzone, segretario di Radicali Italiani

    <br><strong>Si è aperto ieri il conclave: 115 cardinali occuperanno la Cappella Sistina per eleggere il successore di Karol Wojtyla</strong>. Ieri Pannella - in un collegamento con Radio Radicale - ha detto tra l'altro di sognare, da credente in altro rispetto a quello in cui credono gli uomini simoniaci che dominano la chiesa e oggi tentano di dominare anche gli stati, che il nuovo papa voglia chiamarsi Giovanni XXIV. Ieri, nella messa pro pontefice eligendo, il cardinale Ratzinger ha parlato della Chiesa, ha detto che negli anni è stata «squassata da mode del pensiero», dal «marxismo al liberalismo fino al libertinismo, dal collettivismo all'individualismo radicale, dall'ateismo al vago misticismo religioso, dall'agnosticismo al sincretismo».
    0:12 Durata: 54 sec
  • La nomina del nuovo capo dell'Unhcr

    <br>
    0:13 Durata: 1 min 4 sec
  • La nota di Gianfranco Dell'Alba, ex europarlamentare radicale

    <br><strong>La settimana in Europa</strong>. Prosegue la visita ufficiale del presidente del Parlamento europeo Joseph Borrell a Parigi: dopo gli incontri di ieri con il presidente francese Chirac, il ministro degli Affari esteri Barnier e il ministro degli Affari europei Haignere, il presidente Borrel incontrerà oggi il segretario dei socialisti francesi, il presidente della Confindustria francese, i sindacati ed i presidenti dell'Assemblea Nazionale e del Senato francesi. (Va ricordato che in Francia si voterà con un referendum sulla Costituzione europea il 29 maggio prossimo). Oggi Lorenzo Bini Smaghi, candidato a succedere a Tommaso Padoa Schioppa nel direttivo della Bce, sarà ascoltato dalla Commissione Affari economici del Parlamento europeo, a Bruxelles. Oggi la Commissione mercato interno si occuperà della cosiddetta direttiva Bolkestein. Oggi si terrà una conferenza stampa della delegazione del Parlamento europeo, all'esito di una visita ufficiale in Iran, alle 13.30. Mercoledì la commissione sull'occupazione voterà il testo di revisione della direttiva sul tempo di lavoro, che attualmente fissa un tetto di 48 ore settimanali. Ancora per la giornata di mercoledì la commissione affari esteri si esprimerà con un voto sulla relazione relativa al rapporto Unione europea-Russia, presentata da Cecila Malstrom, del gruppo dei liberali e democratici. Ancora mercoledì: la commissione sul commercio internazionale del Parlamento europeo procederà ad una serie di audizioni sull'accordo del Wto sul settore tessile, a partire dalle 10.00 presso la sede del Parlamento europeo a Bruxelles. Per la giornata di giovedì segnaliamo l'audizione del commissario Frattini davanti alla commissione libertà pubbliche del Parlamento europeo, mentre venerdì lo stesso Frattini incontrerà il vicepresidente della Bei e la Caritas Europea.
    0:16 Durata: 7 min 42 sec