05 GEN 2002

Processo Sme: Intervista a Caianiello, "Si trovi modo di prorogare Brambilla"

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 15 min 54 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Radio Radicale intervista il presidente emerito della Corte Costituzionale, Vincenzo Caianiello, sul processo Iri-Sme.

Caianiello sostiene l'opportunità di prorogare il giudice Brambilla.Roma, 5 gennaio 2002 - In questi giorni, fioccano le polemiche sull'iniziativa del ministro Castelli, intervenuto sul processo in corso a Milano sull'affare Iri-Sme, di non prorogare Brambilla, come giudice a latere.

Un autorevole parere viene espresso da Vincenzo Caianiello, presidente emerito della Corte Costituzionale, già ministro della giustizia.Ai microfoni di Radio Radicale, Caianiello afferma: "O noi
ritorniamo al rispetto rigoroso delle regole, all'agire secondo conoscenza della materia che dobbiamo affrontare, altrimenti continueremo con questa rissa sui poteri dello Stato con una giustizia che gira a vuoto intorno a se stessa e serve solo a tenere desta l'attenzione dei giornali, perchè oggi probabilmente senza il tema della giustizia i giornali uscirebbero a metà dimensione".Caianiello, in sostanza, suggerisce a chi si occupa della questione Iri-Sme di "trovare qualunque strumento per far sì che rimanga questo giudice che per sua scelta aveva deciso di andare a fare il giudice di sorveglianza...""Mi auguro - afferma - che ci siano persone che trovino la strada affinchè si chiuda questa vicenda, perche' altrimenti siamo veramente al limite dell'interferenza del potere politico sul potere giudiziario"."Tutte le altre volte - aggiunge Caianiello - che i magistrati hanno denunciato l'attentato alla loro autonomia e alla loro indipendenza per difendere i loro privilegi, come sulla separazione delle carriere, sono stato in completo disaccordo con loro, perche' e' il legislatore sovrano che deve stabilire come funziona il sistema giudiziario"."Pero' - conclude - quando si tratta dei poteri del ministro di organizzazione bisogna che assolutamente non incidano sulla tenuta dei processi".

leggi tutto

riduci