26 FEB 2002

Cecenia: Olivier Dupuis al quinto giorno di digiuno

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 1 sec
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Il digiuno del segretario del Pr continua: il parlamento Europeo sembra fare piccoli passi verso una possibile soluzione, ma non è ancora sufficiente.

Roma, 26 febbraio 2002 - Olivier Dupuis, segretario del Partito Radicale Transnazionale e Eurodeputato della Lista Bonino, è giunto al quinto giorno di sciopero della fame affinchè l'Ue intervenga per fermare il genocidio ceceno.

Il segretario del Prt racconta a Giovanna Reanda gli sviluppi e le reazioni in sede Europea alla propria iniziativa non violenta.

I motivi del digiuno e le prime reazioni Dupuis ha iniziato questo digiuno avanzando tre
richieste: invitare il presidente Mashkadov al Parlamento Europeo, revocare il commissario Poul Nielsen in quanto responsabile degli aiuti umanitari e il riconoscimento da parte dell'Europa della Repubblica Cecena.

Dupuis spiega: "Mi ha chiamato il presidente del parlamento Pat Cox, alcuni colleghi del parlamento hanno discusso di quali iniziative si possono prendere; ho ricevuto molti messaggi di ceceni che si vogliono unire al digiuno, e di membri europei di comitati ceceni". .

Salvare la Cecenia significa salvare la Russia Secondo l'eurodeputato salvare la Cecenia significa anche salvare la Russia, perché lentamente si sta assistendo "all'indebolimento della giovane democrazia russa, perché i punti di forza vengono sistematicamente distrutti" Testimoni di questo indebolimento sono ad esempio la chiusura dell'unica televisione russa indipendente, TV6, e l'arresto di giornalisti e militanti della giustizia e dell'ambiente "che vengono incriminati con falsi dossier dal Fsb".

"Questa è sempre più un'oligarchia - afferma Dupuis - che cura interessi enormi che derivano da una falsa privatizzazione a beneficio di potentati che sono sempre più presenti all'interno delle strutture russe e ne influenzano la vita".

leggi tutto

riduci

  • 20.02.2002: <strong>Lettera aperta di Olivier Dupuis all'on. Pat Cox e ai membri del Parlamento Europeo</strong><strong>Servizi correlati</strong> 24.02.2002: Manifestazione davanti all'ambasciata russa a Roma 22.02.2002: Intervista a Akhmed Zakaev, il ministro che ha tentato di negoziare con Putin 22.02.2002: Dupuis: Digiuno perchè l'Europa fermi il genocidio in Cecenia 06.02.2002: Intervista a Nicolaj Khramov sulla situazione in Russia e Cecenia 04.02.2002: Nato-Russia: Conferenza stampa di Ivanov e Robertson al Nato Defense College di Roma 24.10.2001: Cecenia: Qualche difficile spiraglio di pace? 04.02.2002: Nato-Russia: Conferenza stampa di Antonio Martino 22.01.2002: Russia: Chiusa l'ultima televisione indipendente 10.10.2001: Intervista a Gabashvili, "Attenti ai proclami antiterroristici di Putin" 10.10.2001: Cecenia: I pericoli della santa alleanza anti-terrorismo 13.04.2001: Il ministro ceceno Kambiev ai Radicali: La vostra battaglia in Italia serve anche alla Cecenia 04.04.2001: Cecenia: Olivier Dupuis attacca duramente Prodi e chiede l'esautorazione di Nielson Marzo 2000: Il videoreportage di Antonio Russo dalla Cecenia (A cura di Giovanna Reanda)