25 SET 2002

Prc: Presentazione della manifestazione di sabato 28/09, con Fausto Bertinotti e Franco Giordano

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 20 min 2 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Bertinotti presenta la manifestazione di Rifondazione comunista per dire no alla guerra e creare un fronte di opposizione delle sinistre unite Roma, 25 settembre 2002 - Rifondazione Comunista ha indetto per il prossimo sabato (28 settembre) una manifestazione con l'idea di effettuare una mobilitazione "per dar luogo a delle idee per le opposizioni", come ha spiegato in segretario Fausto Bertinotti in una conferenza stampa nella sala stampa della Camera dei deputati.

"Nasce con una caratteristica di definire obiettivi e costruire una manifestazione e una partecipazione in grado di contribuire
alla realizzazione di un autunno di lotta su una base di una radicalizzazione di un'opposizione alla luce dei provvedimenti presi dal governo" ha affermato Bertinotti.

Gli scopi di questa manifestazione quindi, oltre che cercare di riunire sotto lo stesso fronte i movimenti vecchi e nuovi, a partire dall'Arcy fino ad arrivare ai girotondini, secondo il leader di Prc, sono tre: "Dire No alla guerra, No alle destre, e Sì a un'uscita dalla stagflazione attraverso un nuovo modello sociale che parla il linguaggio della conquista di rigidità contro le flessibilità per affermare il quale sviluppare l'accrescere di una sinistra alternativa".

No alla guerra e alla politica delle destre "Oggi - ha poi spiegato - di fronte a questa seconda fase di una guerra infinita conseguente alla politica capitalistica e di globalizzazione, stiamo cercando di costruire un'opposizione che vuole saldare due elementi: l'opposizione alla guerra e l'opposizione alla politica della destra".

"Il no alla guerra - ha proseguito - ha aperto la porta ad altri protagonisti e ha permesso di articolare la manifestazione con un carattere diverso rispetto alle altre manifestazioni, per questo la testa del corteo che avrà come striscione un "no alla guerra" sarà una testa di una sinistra plurale nel senso che ci saranno personalità, organizzazioni e associazioni significative e politiche".

Bertinotti ha confermato infatti la presenza di Cesare Salvi, Vittorio Agnoletto, Don Gallo e anche di alcune personalità della sinistra inglese, che saranno presenti a Roma in termini di "scambio", in concomitanza cioè con una analoga manifestazione che si terrà a Londra nello stesso giorno, sempre in opposizione al possibile attacco in Iraq.

Bertinotti ha quindi concluso la conferenza stampa annunciando: "Sarà una grande manifestazione".

leggi tutto

riduci

  • Fausto Bertinotti

    <br><em>Indice</em>
    0:00 Durata: 15 min 35 sec
  • Giordano Franco - La discussione alla Camera sull'intervento in Iraq

    <em>Domande dei giornalisti</em>
    0:15 Durata: 2 min 11 sec
  • Fausto Bertinotti - Esponenti del movimento dei girotondi

    0:17 Durata: 2 min 16 sec