11 APR 2001

Manifestazione di Democrazia Europea: «Roma, un futuro insieme»

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 1 ora 13 min

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Roma,11 aprile 2001 - Documento audiovideo dell'incontro sul tema "Democrazia Europea, Roma, un futuro insieme", in occasione dell'apertura della campagna elettorale di Democrazia Europea a Roma.

Intervengono il segretario e il presidente di Democrazia Europea, Sergio D'Antoni e Ortensio Zecchino, il senatore a vita Giulio Andreotti, e Carlo Scognamiglio. D'Antoni attacca Polo e Ulivo per il "mercato delle candidature", una prassi lontana dallo spirito che originariamente fu attribuito al maggioritario.

"Uno degli argomenti che fu più usato dai teorici di questa legge elettorale fu quello che
i collegi uninominali legavano il candidato al territorio.

Ma se c'è una cosa sicura nella definizione di queste candidature è che il territorio non ha contato nulla".

Una prassi "vergognosa" che smentisce le reiterate professioni di federalismo di maggioranza e opposizione.

"Sono tutti federalisti - osserva D'Antoni - ma il vero federalismo è il protagonismo del territorio nel scegliersi i propri candidati e la propria prospettiva politica, se lo espropri che federalismo è? L'ex leader della Cisl si schiera quindi contro quella che definisce "l'oligarchia che si è impossessata radicalmente di questa democrazia", e si candida al Campidoglio proponendosi quale "difensore civico delle vittime della sopraffazione e dei privilegi". All'incontro romano di Democrazia Europea c'è anche Andreotti, accolto da una platea in festa al grido di "Giulio, Giulio".

Il senatore a vita assicura di non voler ricostituire la Dc, "anche se - aggiunge tra gli applausi - non ci sarebbe niente di male a volerlo fare".

"C'è stato - aggiunge sarcastico - un ministro che ha detto che si dovrebbero riaprire le case chiuse, non capisco perché non si dovrebbe fare così anche per la DC". Nonostante la presenza di un decano della politica italiana come Andreotti, l'ex ministro Ortensio Zecchino ha parlato dei "nomi nuovi" nelle candidature presentate da Democrazia Europea: la cantante lirica Katia Ricciarelli, che si presenterà a Milano, e l'ex presidente del Senato Carlo Scognamiglio, candidato nel collegio senatoriale di Roma 1, che ha dichiarato: "vogliamo impedire la ricostituzione della maggioranza della Bicamerale.

Vogliamo essere un ostacolo al riformarsi di una collusione tra i partiti politici".

 .

leggi tutto

riduci