24 APR 2001

Cossiga a Lucca: Sberleffi ai radicali e dichiarazione di voto per Berlusconi

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 50 min 20 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Lucca, 24 aprile 2001 - Nel corso di un incontro con la stampa, convocato anzitutto per dichiarare il proprio sostegno al centrodestra, Francesco Cossiga, sollecitato dai giornalisti, affronta numerosi temi dell'attualità politica.

L'ex presidente della repubblica, in particolare, riserva toni sarcastici nel rispondere ad alcune questioni che concernono l'iniziativa radicale.

Anzitutto, una replica alle affermazioni di Marco Pannella, che domenica scorsa si è dichiarato pronto, se eletto in Parlamento, a chiedere nuovamente la sua incriminazione e quella di Scalfaro, così come quella
dell'attuale presidente della Repubblica Ciampi, per il suo ruolo si "arbitro" coinvolto attivamente nella battaglia politiche, e non di "garante" della Costituzione. "Pannella può farlo anche senza essere eletto deputato".

Questa la risposta di Cossiga che così prosegue: "Si reca ad una stazione dei Carabinieri, fa la denuncia, i carabinieri la inviano alla procura della Repubblica, la procura della Repubblica al Tribunale dei ministri, e la cosa è fatta.

Non è più necessaria nemmeno la carta da bolla". E sulla questione della disinformazione politica, dopo aver assicurato che lui "con la par condicio non c'entra", l'ex presidente della Repubblica non condivide le posizione dei radicali: "La comunicazione durante la campagna elettorale non è libera in nessun caso - afferma - ed io non mi scandalizzo" per poi aggiungere "la politica non è golf, non è sport per signorine, specialmente in un paese come l'Italia". Cossiga è critico anche sulla proposta dei radicali per la creazione di un comitato di osservatori internazionali sulla legalità della campagna elettorale in Italia.

"Se Pannella va in giro a cercare uomini politici seri, affermando che in Italia le elezioni non si svolgono in un clima di libertà, non ne trova neanche uno".

In realtà, secondo Cossiga, il ragionamento di Pannella è questo: "Se non mi votano non c'è democrazia.

Ma come mai, io che sono il più democratico di tutti non vinco le elezioni? Ci può essere una sola giustificazione: che le elezioni non sono libere". Cossiga interviene anche sulle polemiche sollecate dalle dichiarazioni di Berlusconi sull'omicidio D'Antona, facendo propria la riflessione sulla matrice di sinistra dell'omicidio D'Antona, ma spiegando il tenore delle dichiarazioni del leader del centrodestra con il fatto che questi "non è un politico e in questo frangente lo si è visto".

Infatti, "nessun politico avrebbe parlato di 'regolamento di conti' perché di regolamento di conti si parla per esponenti di cosche paritarie.

Parlando di regolamento di conti Berlusconi ha messo sullo stesso piano D'Antona e chi lo ha ammazzato". Sul fronte elettorale, l'ex presidente della Repubblica, che dichiara di votare Casa delle libertà "per sfasciare questo centrosinistra", non condivide le affermazioni di Bobbio e di altri intellettuali italiani sulla pericolosità democratica di Berlusconi poiché rischiano di fomentare reazioni violente in coloro che fanno grande credito ai maestri del pensiero del nostro paese: "In campagna elettorale, non bisogna usare questi toni - afferma - poichè se davvero Berlusconi costituisce un pericolo reale per la democrazia italiana, allora è il caso di prendere le bombe e le armi". .

leggi tutto

riduci

  • Commento sulla dichiarazione di Pannella: «Se sarò eletto richiederò l'incriminazione di Cossiga, Scalfaro e Ciampi»

    <strong>Indice degli argomenti<strong>
    0:00 Durata: 2 min 18 sec
  • 0:02 Durata: 1 min 10 sec
  • L'accordo elettorale tra Casa delle libertà e Rauti

    0:03 Durata: 3 min
  • Il voto di Cossiga per la Casa delle libertà

    0:07 Durata: 6 min
  • Le dichiarazioni di intellettuali italiani su Berlusconi "pericolo per la democrazia"

    0:13 Durata: 4 min 10 sec
  • L'omicidio D'Antona

    0:17 Durata: 4 min 15 sec
  • La proposta dei Radicali sull'istituzione di un commitato internazionale sulla legalità e la democraticità in Italia

    0:21 Durata: 3 min 43 sec
  • Le dichiarazioni di Berlusconi sull'omicidio D'Antona

    0:25 Durata: 1 min
  • I rapporti tra la proprietà del "Giorno" e i suoi giornalisti

    0:26 Durata: 3 min 40 sec
  • Il significato della festa della Liberazione

    0:30 Durata: 13 min 45 sec
  • La decisione del sindaco di Lucca di concedere una sala del comune a Forza nuova

    0:44 Durata: 3 min 54 sec
  • Marcello Pera, responsabile giustizia di Forza Italia, interviene sull'argomento

    0:48 Durata: 55 sec
  • Ancora sulla decisione del sindaco di Lucca di concedere una sala del comune a Forza nuova

    0:48 Durata: 2 min 30 sec