24 APR 2001

Intervista a Claudio Martelli: «In Lombardia votare Bonino»

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 6 min 56 sec
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Milano, 24 aprile 2001 - Claudio Martelli invita gli elettori socialisti della Lombardia a votare Lista Bonino alle prossime elezioni politiche.

In Lombardia, infatti, il Nuovo Psi non ha propri candidati per la quota proporzionale della Camera e per il Senato, dopo che la Corte d'appello di Milano non ha considerato valide le firme presentate dai socialisti.

Alla luce di questi fatti, in un'intervista ai microfoni di Radio Radicale, il leader socialista ha dichiarato: "in assenza di liste socialiste, a me pare la cosa più naturale del mondo che i socialisti milanesi e lombardi, ad eccezione
del nord della Lombardia, dove abbiamo un nostro candidato, la nostra indicazione di voto nel maggioritario sia per la Lista Bonino, in particolare dove è candidata Emma, e che analoga indicazione di voto noi diamo per il proporzionale, perché purtroppo siamo stati esclusi anche dalla possibilità di competere nella quota proporzionale". Martelli si è detto inoltre d'accordo con i radicali, di cui condivide l'analisi rispetto alla situazione dell'informazione politica nel nostro paese, come anche le iniziative prese negli ultimi mesi.

"L'informazione politica - ha dichiarato - o è zittita, o è deviata in contenitori spuri, che si tratti di salotti, di piazze telematica o di trasmissioni di satira, oppure è sequestrata in modo pressoché totale dai due blocchi di potere del centrodesra e del centrosinistra.

La condizione della democrazia italiana non può che destare preoccupazione.

Per questo, capisco l'allarma lanciato dai Radicali.

Capisco che addirittura si pensi di chiedere osservatori internazionali.

Mi auguro - ha quindi concluso Martelli - che Ciampi sappia cogliere questa occasione per affermare il primato del diritto e della verità nel nostro paese, che sono lese in modo gravissimo". .

leggi tutto

riduci