09 MAG 2001

Comizio di Amato e Mussi a Piombino: Attaco al centrodestra su fisco e flessibilità

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 1 ora 57 min

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Piombino (LI), 9 maggio 2001 - Comizio con Giuliano Amato e Fabio Mussi Giuliano Amato critica gli sgravi fiscali promessi da Berlusconi che andrebbero a favore dei "pochi": "Le tasse vanno ridotte ma non vanno abolite.

Vanno ridotte per chi guadagna poco, ma chi guadagna molto, senza essere tartassato, le deve pagare.

Perché se non avremo ospedali, scuole e infrastrutture".Tasse e lavoro sono i temi al centro dell'intervento di Giuliano Amato alla manifestazione dell'Ulivo in una delle roccaforti storiche della sinistra.

Il presidente del Consiglio, che come candidato dell'Ulivo nel collegio
senatoriale di Grosseto sta battendo la Toscana da alcune settimane, critica le proposte del centrodestra in tema di riduzione del carico fiscale e flessibilizzazione del mercato del lavoro.Amato critica il centrodestra sulla politica per il lavoro.

Non ne condivide quello che considera l'eccessivo ricorso alla flessibilità: "Io non sarò mai tra quelli che dicono ai giovani d'ora in avanti il lavoro sarà solo flessibile".

Secondo il presidente del consiglio il contratto flessibile va inteso infatti "come porta d'ingresso nel mercato del lavoro, ma non come prospettiva di vita".

Contando esclusivamente sul lavoro flessibile, "non c'è la possibilità di fare dei piani, non c'è neanche la possibilità di impegnarsi in un mutuo".

L'obiettivo è quindi quello di "mettere ragazze e ragazzi in condizione di avere una maggiore stabilità di vita".

E l'unico modo per raggiungerlo è puntare sulla formazione, "per dare ai giovani la professionalità e le competenze, avendo le quali già oggi il lavoro si trova". Dello stesso tenore, l'intervento di Fabio Mussi, candidato dell'Ulivo proprio nel collegio per la Camera di Piombino, che parla prima di Amato.

Anche lui critica il programma di riduzione fiscale proposto dalla Casa delle libertà.

"Noi vogliamo introdurre tre aliquote - spiega - portando la quota esentasse delle famiglie con quattro persone a quarantacinque milioni di reddito.

Berlusconi vuole ridurre le aliquote a due, portando la massima al trentatré per cento.

Seconda la simulazione degli effetti che abbiamo calcolato, la nostra proposta alleggerisce l'ottanta per cento della riduzione fiscale sull'ottanta per cento delle famiglie.

La loro, l'ottanta per cento della pressione fiscale sul venti per cento delle famiglie". .

leggi tutto

riduci

  • Fabrizio Sandroni, presidente del Comitato Rutelli

    <strong>Indici degli interventi<strong>
    0:00 Durata: 6 min 50 sec
  • Andrea Manciulli, consigliere della regione Toscana

    0:06 Durata: 20 min 5 sec
  • Enzo Santi, segretario del Pri di Piombino

    0:27 Durata: 4 min 10 sec
  • Fabio Mussi, candidato dell'Ulivo nel collegio per la Camera di Piombino

    0:32 Durata: 39 min 5 sec
  • Giuliano Amato, presidente del consiglio e candidato dell'Ulivo nel collegio senatoriale di Grosseto

    1:11 Durata: 47 min 30 sec