10 MAG 2001

Emiliano Vesce: «Rutelli ha strumentalizzato mio padre»

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 43 min 10 sec
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Mestre (VE), 10 maggio 2001 - "La visita di Francesco Rutelli non è stata privata, bensì l'unica strumentalizzazione di mio padre".

Così Emiliano Vesce, candidato della Lista Bonino e figlio di Emilio Vesce, radicale storico in coma irreversibile da sei mesi, commenta la visita del candidato premier del centrosinistra alla sua famiglia lo scorso 9 maggio.

Il messaggio di Emiliano Vesce è stato letto nel corso di una conferenza stampa di presentazione delle iniziative radicali per la legalizzazione dell'eutanasia, tra cui la raccolta attualmente in corso di cinquantamila firme su una
proposta di legge di iniziativa popolare per la libertà di scelta in materia di eutanasia. Scrive Vesce: "Non condivido le valutazioni date da Francesco Rutelli sul carattere privato della sua visita ieri a casa nostra.

Le trovo, non solo prive di senso, ma anche al limite dell'offensivo, in quanto negano alla tragedia che vive mio padre, noi stessi e, come lui e noi, centinaia o migliaia di altre persone assieme ai loro familiari in Italia, la dignità di essere il prodotto di leggi dello stato profondamente disumane e incivili, e perché negano, quindi, alla nostra tragedia il suo carattere profondamente politico.

Al di là della radicale diversità del suo e del nostro approccio, ritengo però che il fatto che Francesco Rutelli abbia dato pubblicità alla sua visita 'privata' attraverso un comunicato alle agenzia di stampa, fa di questa sua visita una chiara e, fino ad adesso, unica strumentalizzazione di mio padre.

L'opposto di quanto hanno fatto Marco Pannella e i Radicali, per i quali mio padre è stato semmai strumento politico, nel senso più alto della parola, strumento di civiltà, quella stessa civiltà per la quale mio padre si è battuto insieme ai radicali". Alla conferenza stampa sono intervenuti il segretario del Partito radicale transnazionale Olivier Dupuis e Maria Antonietta Di Chio, vicepresidente di Exit Italia, il Centro studi e documentazione sull'eutanasia, che ha elaborato la proposta di legge, la quale, prevede la deroga alle norme del codice civile e penale che in Italia puniscono la eutanasia volontaria ed il suicidio assistito. .

leggi tutto

riduci

  • David Carretta, inviato di Radio Radicale a Bruxelles

    <strong>Indice degli inetrventi<strong>
    0:00 Durata: 4 min 50 sec
  • Maria Antonietta Di Chio, vicepresidente Exit Italia

    0:04 Durata: 13 min 20 sec
  • Olivier Dupuis, segretario del Partito radicale transnazionale e deputato europeo della Lista Bonino

    0:18 Durata: 6 min 35 sec
  • David Carretta

    0:25 Durata: 4 min 50 sec
  • Stefano Faccini, candidato al Senato nella provincia di Venezia, Olivier Dupuis, David Carretta - I tempi della raccolta firme

    Domande dei giornalisti - Argomenti
    0:30 Durata: 3 min 18 sec
  • Olivier Dupuis - La posizione di Francesco Rutelli e dell'Ulivo sulla libertà di ricerca scientifica e sull'eutanasia

    0:33 Durata: 2 min 7 sec
  • Maria Antonietta Di Chio - La disinformazione e il disinteresse della classe politica sui temi della ricerca scientifica e l'eutaqnasia

    0:35 Durata: 1 min 43 sec
  • Olivier Dupuis - I condizionamenti prodotti dal sistema istituzionale

    0:37 Durata: 1 min 42 sec
  • David Carretta - Il sostegno alle canidature radicali

    0:41 Durata: 1 min 12 sec
  • Maria Antonietta Di Chio - I sondaggi sui temi proposti dai Radicali

    0:43 Durata: 1 min 27 sec
  • David Carretta - Il consenso sui temi proposti dai Radicali

    0:45 Durata: 2 min 6 sec