23 GIU 2000

Carcere in Italia e pena di morte nel mondo: Incontro con Ovidio Bompressi e Rolando Cruz

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 29 min 8 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Roma (Castel S.

Angelo), 23 giugno 2000Documento audiovisivo dell'incontro con Ovidio Bompressi (ex militante di Lotta Continua, imputato e condannato per l'omicidio Calabresi) e Rolando Cruz (ex condannato a morte negli Stati Uniti, poi riconosciuto innocente dopo 12 anni trascorsi nel braccio della morte) protagonisti rispettivamente di un'iniziativa volta ad ottenere un provvedimento di indulto in Italia e della campagna internazionale per la moratoria delle esecuzioni capitali nel mondo.

Registrazione video di "Carcere in Italia e pena di morte nel mondo: Incontro con Ovidio Bompressi e
Rolando Cruz", registrato venerdì 23 giugno 2000 alle 00:00.

Tra gli argomenti discussi: Giustizia.

La registrazione video ha una durata di 29 minuti.

Questo contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.

leggi tutto

riduci

  • Tonino Armini introduce l'incontro

    <strong>Indice degli interventi</strong>
    0:00 Durata: 1 min 36 sec
  • Rolando Cruz, racconta la propria esperienza di condannato a morte

    0:02 Durata: 2 min 35 sec
  • Mario Marazziti, comunità di S. Egidio, sulla moratoria universale per la pena di morte nel mondo

    0:04 Durata: 3 min 3 sec
  • Attilio Scarpellini, giornalista, sulla richiesta di indulto in Italia

    0:07 Durata: 3 min 30 sec
  • Ovidio Bompressi spiega l'iniziativa per l'amnistia-indulto di cui è promotore

    0:11 Durata: 6 min 29 sec
  • Rolando Cruz, sulle condizioni carcerarie negli Stati Uniti

    0:17 Durata: 4 min 22 sec
  • Mario Marazziti, sul significato del digiuno in corso

    0:22 Durata: 5 min 51 sec
  • Tonino Armini conclude l'incontro

    <p><strong>Il testo dell'appello per un provvedimento di amnistia-indulto:</strong><br>"Questa iniziativa di digiuno pubblico si pone come testimonianza della gravità della situazione carceraria nel nostro paese, e dell'urgenza di provvedervi. Per dare voce a coloro che non possono farsi ascoltare e corpo agli esclusi. Per offrire loro il conforto di non sapersi abbandonati, di poter sperare in comune attesa.<br>Testimoniano persone di fede e di buona volontà, animate e accomunate da impegno morale e civile, da spirito di condivisione e di riconciliazione. Un modo per riflettere e invitare alla riflessione su un aspetto fra i più dolenti del nostro tempo: la divisione della società, le piaghe della marginalità.<br>Un pubblico digiuno come luogo di raccoglimento e incontro, riconoscimento reciproco e riparazione. Una testimonianza che vuole indicare l'urgenza di un intervento istituzionale, esortare ad una maggiore consapevolezza circa le cause del malessere sociale e le giuste misure da adottare. Che vuole farsi cuore di speranza, nel cuore della città, richiamando serenamente un atto di buona giustizia, di buona politica, e aspettare il 9 luglio, giubileo dei carcerati, le parole del Papa a Regina Coeli."<br>
    0:27 Durata: 1 min 42 sec