18 FEB 2001

Conferenza stampa di D'Antoni a Mondello: "Non mi schiero"

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 34 min

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Mondello (PA), 18 febbraio 2001 - Documento sonoro della conferenza stampa di Sergio D'Antoni a Mondello, presso l'Hotel Della Torre.

Il segretario di democrazia Europea è intervenuto in merito agli epiteti che gli sono stati ultimamente rivolti: "Se io sono il diavolo, allora qualcuno è dio!", un tale livello della polemica, secondo D'Antoni dimostra "a quale punto di degrado sia arrivata la politica oggi in Italia".

Dai due Poli D'Antoni vede arrivare sempre gli stessi segnali: "Se non ti schieri sei il diavolo", e l'attenzione è rivolta esclusivamente alla scelta dei candidati, mentre i
problemi reali della politica sono abitualmente trascurati.

"Anche il patto antiribaltone dà il segno di quale sia il disaccordo all'interno delle alleanze", che vengono giudicate "di carattere esclusivamente elettorale".

Il caso Leanza alla regione Sicilia rappresenta un esempio che la nuova formazione politica difende, sebbene "La nostra scelta di piena autonomia, a livello nazionale, rimane chiara".

I problemi reali - prosegue D'Antoni - sono altri: "I cittadini non sanno di avere un'inflazione doppia di quella programmata e si dice invece che va tutto bene".

Per D'Antoni, in Italia bisogna seguire il modello tedesco anche in tema di investimenti ed infrastrutture: "Lì l'ovest ha speso per l'est in 10 anni quello che il nord Italia non ha speso per il sud in 50".

In conclusione D'Antoni ha ricordato la necessità di non perdere il "treno" della New Economy, che potrebbe offrire nuove prospettive di sviluppo per il sud "ma anche su questo argomento la politica italiana si muove con ritardi impressionanti".

leggi tutto

riduci