22 APR 2001

Conversazione settimanale con Marco Pannella: Ecco cosa chiediamo a Ciampi con il Satyagraha

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 2 ore 2 sec
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Roma, 22 aprile 2001 - Documento audiovideo della conversazione settimanale di Marco Pannella a Radio Radicale.

Con il direttore Massimo Bordin, il leader radicale ha discusso della ripresa del grande satyagraha radicale, che a partire dal 26 aprile vedrà Emma Bonino passare allo sciopero della sete e Luca Coscioni all'autoriduzione dei farmaci.

Il leader radicale ha soprattutto chiarito l'obiettivo dell'iniziativa nonviolenta in procinto di essere avviata: «Chiediamo al presidente della Repubblica di riconoscere che qualcosa non ha funzionato e non funziona nella vita democratica del nostro
paese".

L'invito a Ciampi è quello di riconoscere che "unvulnus è stato inferto al Paese, all'elettorato, volto a far arrivare alla campagna elettorale la Lista Bonino sotto lo zero".

Proprio rispetto al Presidente della Repubblica, nel corso della trasmissione Pannella ha annunciato: "Se sono eletto, riproporrò richieste d'incriminazione di Cossiga e Scalfaro e le estenderò anche a Ciampi" ed insieme a questa iniziativa, il leader radicale ha annunciato anche la volontà di istituire "commissioni parlamentari di inchiesta che indaghino a fondo e ricostruiscano le vicende D'Urso, Moro, e Giorgiana Masi, perché si accerti davvero e finalmente come andarono i fatti, le complicità anche istituzionali e ad alto livello che solo ora cominciano ad essere ammesse"Sullo scenario politico in campagna elettorale, Pannella ha criticato molto duramente Rutelli: "E' bene che vada a battere il grugno" - ha affermato - ed ha proseguito rilevando come "la povertà politica che egli sta portando al suo schieramento sia "desolante".

In tale contesto, il leader radicale si è espressamente rivolto alle forze politiche di centrosinistra chiedendo loro di esprimersi ufficialmente sul collegio senatoriale Milano: "E' indifferente che vinca Emma Bonino o Marcello Dell'Utri?" ha domandato ed ha esteso anche la domanda alle forze liberali del Polo in riferimento al collegio di Orvieto dove Luca Coscioni si contrappone a Katia Bellillo.Riflessione anche sul partito radicale transnazionale che deve immediatamente organizzare un Comitato di Osservatori sulla democrazia e la legalità a partire dall'Italia e da Israele e sulla difficile situazione medio-orientale, Pannella ha nuovamente ribadito la propria convinzione sulla necessità di un ingresso di Israele nell'UE per impedire una evoluzione tragica della situazione mediorientale, dal momento che "la condizione di stato indipendente" pone Israele nella condizione di essere "costretto a scegliere fra la morte o la barbarie".

leggi tutto

riduci

  • L'appello a Ciampi: «Chiediamo al presidente della Repubblica di riconoscere un vulnus inferto al Paese, all'elettorato, volto a far arrivare alla campagna elettorale la Lista Bonino sotto lo zero»

    <strong>Indice per argomenti</strong><br>
    0:00 Durata: 10 min 42 sec
  • Il nuovo satyagraha: «Giovedì inizia questo satyagraha con l'interruzione dei farmaci di Luca, lo sciopero della sete e della fame di Emma, ed altre iniziative che stanno assumendo altri centri radicali in loro autonomia»

    0:10 Durata: 5 min 26 sec
  • La rimozione dei valori radicali nella leadership di Francesco Rutelli: «E' bene che vada a battere il grugno: la sua povertà politica è desolante»

    0:16 Durata: 16 min 41 sec
  • Il Raggio Verde di Santoro: «Alla vigilia delle elezioni il programma passa sotto la direzione di Longhi del Tg1. In questo modo possono scavalcare la responsabilità dei candidati che parlano»

    0:32 Durata: 8 min 39 sec
  • Il panorama politico di queste elezioni: «Politicamente il Centrosinistra è una forza incapace quasi in tutto (e quindi forse capace di tutto). Dall'altra parte, Silvio Berlusconi è davvero capace di tutto»

    0:41 Durata: 7 min 52 sec
  • La disinformazione italiana: «Il nostro call center ha fatto per circa 350 risposte utili un sondaggio in Emilia Romagna e in Lazio, per indagare quanti conoscessero i capolista dei radicali. In Emilia Romagna lo sa lo 1,2 % degli elettori, nel Lazio lo sa il 9%»

    0:49 Durata: 4 min 58 sec
  • La sopravvivenza del partito dei giudici: «La mia disistima storica per il partito dei giudici mi fa dire che Berlusconi lo userà»

    0:54 Durata: 6 min 32 sec
  • L'intervista di Cossiga a Radio Radicale: «Devo dire che incalzato in un contraddittorio molte cose finirebbe per riconoscerle»

    1:00 Durata: 5 min 45 sec
  • Andreotti: «Ho il dubbio che in lui prevalga la fede rispetto agli interessi mondani in questa sua bella vecchiaia»

    1:06 Durata: 2 min 21 sec
  • Il diritto ad una morte dignitosa: «Si finisce per divenire i boia delegati dal sistema verso coloro che amiamo»

    1:08 Durata: 7 min 20 sec
  • Le prossime iniziative dei Radicali: «Se sono eletto, riproporrò richieste d'incriminazione di Cossiga e Scalfaro e le estenderò anche a Ciampi»

    1:16 Durata: 16 min 30 sec
  • Le misure estreme di questo satyagraha: «Dobbiamo dirci che tanto più appare strana questa cosa, tanto più è necessaria»

    1:32 Durata: 22 min 37 sec
  • L'assenza dell'imprenditoria nella lotta radicale: «E' vero un malato ha trovato noi, ma non ci ha trovato e non abbiamo trovato un imprenditore»

    1:55 Durata: 4 min 39 sec